Esplorando i dischi : Black Sabbath – 13

1

Ultimo album datato 2013 per la leggendaria band inglese Black Sabbath, ma, sarà davvero l’ultimo?
Tracklist :
“End of the Beginning”
“God Is Dead?”
“Loner”.
“Zeitgeist”
“Age of Reason”
“Live Forever”
“Damaged Soul”
“Dear Father”
Line Up :
Black Sabbath
Ozzy Osbourne – vocals, harmonica
Tony Iommi – guitars, acoustic guitar
Geezer Butler – bass
Additional musician
Brad Wilk – drums

Esplorando i dischi : Black Sabbath – Forbidden

1

Diciottesimo album per i Black Sabbath, definito all’epoca un disastro, a mio personale pare solo un album “diverso” per la leggendaria band, con un ottima performance di Powell.
Tracklist :
“The Illusion of Power” (featuring Ice-T)
“Get a Grip”
“Can’t Get Close Enough”
“Shaking Off the Chains”
“I Won’t Cry for You”
“Guilty as Hell”
“Sick and Tired”
“Rusty Angels”
“Forbidden”
“Kiss of Death”
Line Up :
Tony Iommi – guitars
Tony Martin – vocals
Cozy Powell – drums
Neil Murray – bass
Geoff Nicholls – keyboards

Esplorando i dischi : Black Sabbath -Dehumanizer

1

Dehumanizer è il sedicesimo album in studio della rock band inglese Black Sabbath, pubblicato il 30 giugno 1992.È stato il primo album in studio di Sabbath in oltre un decennio con il cantante Ronnie James Dio e il batterista Vinny Appice,  e il loro primo in nove anni con il bassista originale Geezer Butler. Le prime sessioni di scrittura e demo ai Rich Bitch Studios di Birmingham includevano il batterista Cozy Powell; esistono bootleg di queste sessioni. Tuttavia, quando Cozy rimase ferito con un’anca rotta, fu sostituito con Vinny. Con Vinny tornato nella band, questo ha efficacemente riunito la formazione Mob Rules.  La band ha trascorso due settimane a scrivere materiale prima di passare sei settimane a provare e registrare demo ai Monnow Valley Studios in Galles
Tracklist :
“Computer God”
“After All (The Dead)”
“TV Crimes”
“Letters from Earth”
“Master of Insanity”
“Time Machine”
“Sins of the Father”
“Too Late”
“I”
“Buried Alive”

Esplorando i dischi : Black Sabbath – The eternal idol

1

The Eternal Idol è il tredicesimo album in studio della rock band inglese Black Sabbath, pubblicato il 1 ° novembre 1987 (Regno Unito) e l’8 dicembre 1987 (Stati Uniti). È il primo album dei Black Sabbath con il cantante Tony Martin. Trascorse sei settimane nella classifica di Billboard 200, raggiungendo un picco di 168. È stato anche l’ultimo album completo di nuovo materiale di Black Sabbath pubblicato dalla Warner Bros. Records (in Nord America), e l’ultimo album attraverso la loro etichetta originale Vertigo Records fino all’uscita di 13 nel 2013.
Tracklist :
“The Shining”
“Ancient Warrior”
“Hard Life to Love”
“Glory Ride”
“Born to Lose”
“Nightmare”
“Scarlet Pimpernel” (instrumental)
“Lost Forever”
“Eternal Idol”
Line up :
Tony Iommi – guitar
Eric Singer – drums
Bob Daisley – bass
Geoff Nicholls – keyboards
Tony Martin – lead vocals
Ray Gillen – sinister laugh (on “Nightmare”), lead vocals (on 2010 Deluxe Edition Disc 2)

Esplorando i dischi : Black Sabbath – Headless cross

0

Headless Cross è il quattordicesimo album in studio della band heavy metal inglese  Black Sabbath. Rilasciato il 24 aprile 1989, fu il secondo album del gruppo con il cantante Tony Martin e il primo dei tre con il batterista Cozy Powell, insieme a Tyr e Forbidden.
Tracklist :
“The Gates of Hell” (Instrumental)
Tony Martin, Tony Iommi, Cozy Powell, Geoff Nicholls
1:06
2.
“Headless Cross”
Martin, Iommi, Powell, Nicholls
6:29
3.
“Devil & Daughter”
Martin, Iommi, Powell
4:44
4.
“When Death Calls” (guitar solo by Brian May)
Iommi, Powell, Nicholls, Martin, Laurence Cottle, Brian May
6:55
Side two
No.
Title
Writer(s)
Length
5.
“Kill in the Spirit World”
Iommi, Powell, Martin
5:11
6.
“Call of the Wild”
Iommi, Powell, Martin
5:18
7.
“Black Moon” (A remake of 1987 The Eternal Idol single)
Ray Gillen, Martin, Iommi, Nicholls
4:06
8.
“Nightwing”
Martin, Iommi, Powell[10]
6:35
9.
“Cloak and Dagger” (picture disc bonus track)
Martin, Iommi, Powell
4:37

Esplorando i dischi : Black Sabbath – Tyr

0

Tyr (/ ˈtɪər /)  (stilizzato come ᛏᛉᚱ) è il quindicesimo album in studio della rock band inglese Black Sabbath, pubblicato nell’agosto 1990 da I.R.S. Records.Il titolo dell’album, e diversi titoli di canzoni, alludono alla mitologia norrena, che ha portato molti a chiamare Tyr un concept album, sebbene il bassista Neil Murray lo abbia dissipato nel 2005, affermando che mentre molte delle canzoni possono sembrare vagamente correlate, molto poco dell’album ha a che fare con la mitologia e non intendeva essere una registrazione concettuale.
Tracklist :
“Anno Mundi”
“The Law Maker”
“Jerusalem”
“The Sabbath Stones”
“The Battle of Tyr” (Instrumental)
“Odin’s Court”
“Valhalla”
“Feels Good to Me”
“Heaven in Black”
Line Up :
Tony Iommi – lead, rhythm & acoustic guitars, production
Cozy Powell – drums, percussion, production
Tony Martin – lead & backing vocals
Neil Murray – bass
Geoff Nicholls – keyboards

Esplorando i dischi : Black Sabbath – Seventh Star

0

Seventh Star è il dodicesimo album in studio della band heavy metal inglese Black Sabbath. Rilasciato nel gennaio 1986, presenta il chitarrista fondatore Tony Iommi insieme ai musicisti Geoff Nicholls, Eric Singer e Dave Spitz, suonando rispettivamente tastiere, batteria e basso, e Glenn Hughes, ex bassista e cantante dei Deep Purple, come cantante solista. L’album fu la prima uscita del gruppo senza bassista e paroliere principale Geezer Butler, che lasciò la band nel 1984 dopo il tour di Born Again. È stato originariamente scritto, registrato e destinato ad essere il primo album solista di Iommi. A causa delle pressioni della Warner Bros. Records e del suggerimento del manager della band Don Arden, il disco è stato presentato come Black Sabbath con Tony Iommi. Le versioni successive etichettano l’album semplicemente come da Black Sabbath. Nonostante i problemi alla base della produzione dell’uscita, ottenne un discreto successo commerciale, raggiungendo il numero 78 nella classifica di Billboard 200.
Tracklist :
“In for the Kill”
“No Stranger to Love”
“Turn to Stone”
“Sphinx (The Guardian)”
“Seventh Star”
“Danger Zone”
“Heart Like a Wheel”
“Angry Heart”
“In Memory…”