I violinisti : John Frigo

0

Johnny_FrigoFrigo è nato a Chicago e ha studiato violino per tre anni a partire dall’età di sette anni. Al liceo ha iniziato a suonare il contrabbasso nelle orchestre da ballo. Nel 1942 suonò con l’orchestra di Chico Marx e suonò una commedia al violino con Marx al pianoforte.  Entrò nella Guardia Costiera degli Stati Uniti durante la seconda guerra mondiale e suonò in una band a Ellis Island con Al Haig e Kai Winding.Dopo una breve svolta al servizio attivo verso la fine della guerra, si trasferì nel New Jersey. Ha suonato in tournée con la band di Jimmy Dorsey dal 1945 al 1947, formando in seguito il trio dei Soft Winds con il chitarrista di Dorsey  Herb Ellis e il pianista Lou Carter. Durante questo periodo ha scritto la musica e il testo di “Detour Ahead”, che è stato registrato da Billie Holiday, Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald, Bill Evans e Carola. Durante quel periodo, scrisse anche la sardonica melodia swing “I Told Ya I Love Ya Now Get Out”, che fu registrata da June Christy e dalla Stan Kenton Orchestra. La cantante jazz di Chicago Erin McDougald ha registrato la canzone 50 anni dopo nel suo album The Auburn Collection (2004).
Nel 1951, Frigo tornò a Chicago, lavorando principalmente come bassista e arrangiatore in studio. Ha anche guidato la band da Mr. Kelly, un popolare locale notturno di Rush Street. Tra il 1951 e il 1960 ha suonato hoedown e novità con i Sage Riders, la band house per il programma radiofonico WLS National Barn Dance. Ha suonato con i Sage Riders per altri quattordici anni dopo che WGN ha ripreso lo spettacolo nel 1961. In quel periodo ha lavorato con la cantante jazz di Chicago Anita O’Day in registrazioni live e in studio fatte a Chicago. È apparso (al basso) nella versione del quartetto di O’Day di “No Soap, No Hope Blues”. A Frigo viene attribuito il ruolo di violino per il brano “A Rectangle Picture” nell’album Wanted pubblicato nel 1969 sull’etichetta Happy Tiger.
A metà degli anni ’80 Frigo abbandonò ampiamente il basso per concentrarsi sul violino. Dopo essersi esibito con Monty Alexander, Ray Brown e Herb Ellis al Jazz Showcase di Chicago, è stato invitato da Alexander a far parte del trio per diverse date dal vivo che hanno prodotto Triple Treat II e Triple Treat III (Concord, 1987). Johnny Carson ha chiesto a Frigo perché ci è voluto così tanto tempo per iniziare la sua carriera come violinista. Frigo ha risposto, “Voglio impiegare il più a lungo possibile nella mia vita in modo da non avere il tempo di diventare un passato”. Si è esibito come violinista jazz in festival in tutto il mondo, tra cui l’Umbria Jazz Festival e il North Sea Jazz Festival. Frigo era anche un poeta e artista pubblicato e suonava il flicorno. Ha scritto ed eseguito la canzone di combattimento dei Chicago Cubs del 1969 “Hey Hey, Holy Mackerel”.

I bandleader : Hart Wand ★

0

Hart Ancker Wand (3 marzo 1887 – 9 agosto 1960), fu un violinista e bandleader americano di Oklahoma City, Oklahoma. Era di estrazione tedesca. Nel mondo musicale è principalmente noto per aver pubblicato il “Dallas Blues” nel marzo del 1912 (protetto da copyright a settembre). “Dallas Blues” è stato un primo esempio della canzone blues a dodici battute pubblicata.
Poco si sa di Wand. È stato chiamato per suo nonno materno, Hart P. Ancker. Wand aveva 89 anni, arrivando con i suoi genitori, un fratello e due sorelle del Kansas all’età di due anni. Suo padre John, un immigrato di Francoforte, in Germania, e un droghiere di successo a Topeka e aprì una farmacia in tenda in quella che sarebbe diventata Oklahoma City. Dopo la morte di suo padre nel 1909, Hart Wand prese il controllo dello stabilimento di produzione di Wand & Son a Oklahoma City e mantenne i suoi interessi musicali ma  trasferì la sua attività a Chicago prima del 1920 e poi si stabilì a New Orleans. Ha viaggiato in Europa, America Latina e Asia per i suoi affari. Samuel Charters, che ha intervistato Wand per il suo libro The Country Blues (1959), ha affermato che Wand era rispettato e apprezzato a New Orleans.
La moglie di Wand, Alberta, morì nel 1982.

I violinisti : Stéphane Grappelli.

0

stephane grappelliStéphane Grappelli (pronuncia francese: [stefan ɡʁapɛli]; 26 gennaio 1908-1 dicembre 1997), nato Stefano Grappelli, era un violinista jazz italo-francese che fondò la Quintette du Hot Club de France con il chitarrista Django Reinhardt nel 1934. Era uno dei primi gruppi jazz all-string. È stato chiamato “il nonno dei violinisti jazz” e ha continuato a suonare concerti in tutto il mondo fino ai suoi 80 anni.
Per i primi tre decenni della sua carriera, è stato fatturato usando un’ortografia gallicizzata del suo cognome, Grappelly, tornando a Grappelli nel 1969. Quest’ultima, l’ortografia italiana, è ora usata quasi universalmente quando ci si riferisce al violinista, comprese le ristampe dei suoi primi lavori.

I violinisti : Joe Venuti.

0

Giuseppe “Joe” Venuti (16 settembre 1903 [1] [2] [3] – 14 agosto 1978) era un musicista jazz italiano-americano e violinista jazz.
Considerato il padre del violino jazz, ha aperto la strada all’uso degli strumenti a corda nel jazz insieme al chitarrista Eddie Lang, un amico fin dall’infanzia. Durante gli anni ’20 e l’inizio degli anni ’30, Venuti e Lang registrarono molto, sia come leader che come solisti. Lui e Lang sono diventati così famosi per i loro violino “hot” e assoli di chitarra che in molte registrazioni di danza commerciali sono stati assunti per fare duetti a 12 o 24 bar verso la fine di arrangiamenti di danza stock. Nel 1926, Venuti e Lang iniziarono a registrare per l’etichetta OKeh come un duetto (dopo un duetto solitario pubblicato sulla Columbia), seguito da combinazioni “Blue Four”, che sono considerate registrazioni jazz milestone. Venuti ha anche registrato dischi da ballo commerciale per OKeh sotto il nome di “New Yorkers”.
Ha lavorato con Benny Goodman, Adrian Rollini, i Dorsey Brothers, Bing Crosby, Bix Beiderbecke, Jack Teagarden, Frank Signorelli, le Boswell Sisters e la maggior parte delle altre importanti figure di jazz bianco e semi-jazz della fine degli anni 1920 e dei primi anni ’30. Tuttavia, dopo la morte di Lang nel 1933, la carriera di Venuti iniziò a calare, anche se continuò a esibirsi negli anni ’30, registrando una serie di dischi  commerciali (di solito contenenti un assolo di violino) per le etichette dei negozi di dime, OKeh e Columbia, così come le occasionali sessioni jazz per piccoli gruppi. Ha anche avuto una forte influenza iniziale sui musicisti occidentali come Cecil Brower. Molte delle parti OKeh degli anni ’20 continuarono a vendere e rimasero in stampa per tutto il 1935 quando ARC interruppe l’etichetta OKeh e ristampò parti selezionate sull’etichetta Vocalion a 35 centesimi (l’etichetta OKeh fu rianimata dalla CBS nel 1940).
Dopo un periodo di relativa oscurità negli anni ’40 e ’50, Venuti suonò il violino e altri strumenti con Jack Statham al Desert Inn Hotel di Las Vegas. Statham diresse diversi gruppi musicali che suonarono al Desert Inn dalla fine del 1961 fino al 1965, incluso un combo Dixieland. Venuti era con lui in quel periodo ed era attivo con la Las Vegas Symphony Orchestra negli anni ’60. Fu “riscoperto” alla fine degli anni ’60. Negli anni ’70, stabilì una relazione musicale con il sassofonista tenore Zoot Sims che portò a tre registrazioni. Nel 1976, ha registrato un album di duetti con il pianista Earl Hines intitolato Hot Sonatas. Ha anche registrato un intero album con musicisti country jazz tra cui il mandolinista Jethro Burns (di Homer & Jethro), il chitarrista pedal steel Curly Chalker e l’ex sideman e chitarrista Bob Wills Eldon Shamblin. Venuti è morto a Seattle, Washington.

I violinisti e non solo : Claiborne Williams ★

0

Claiborne Williams è nato nella Parrocchia dell’Ascensione vicino a Donaldsonville, in Louisiana. Da giovane ha lavorato a New Orleans per la Werlein Music Company su Canal Street, dove ha riparato strumenti musicali. All’età di 17 anni ha diretto una band al Wilbert Theater di Baton Rouge. A 18 anni era anche capo della Brass Band di St. Joseph ed era insegnante di musica nelle vicine città di Donaldsonville. Notevoli allievi della Williams erano il trombone Louis Nelson e Papa Celestin; in seguito Louis Nelson suonò alcuni appuntamenti con l’orchestra di Claiborne.
Williams era principalmente un violinista, ma insegnava tutti gli strumenti. Il costo di una lezione era di cinquanta centesimi per una lezione di mezz’ora fino ad un’ora. Sebbene viaggiò negli Stati Uniti, in Canada e persino in Europa come leader di “Billy Kersand and his Troupe Minstrel”, la maggior parte della sua carriera musicale trascorse a Donaldsonville e nei dintorni. La carriera musicale di Williams continuò fino alla fine degli anni ’30. I membri della band di Claiborne Williams includevano il famoso Dave Bartholomew, Papa John Joseph, Richard Jones e Walter Lewis.
Claiborne Williams morì all’età di 83 anni il 10 ottobre 1952, in un ospedale di New Orleans.

I violinisti : Charlie Elgar ★

0

Elgar suonò a Chicago dal 1903 con la Bloom Theatre Philharmonic Orchestra, tornando a New Orleans alla fine del decennio del 1900 fino a circa il 1913, quando tornò a Chicago. Mise insieme una band a Chicago nel 1913. La sua band suonò alla Navy Pier Ballroom, la Dreamland Ballroom di Hattie Harmon dal 1917 al 1922 e aprì la vecchia Savoy Ballroom nel 1928. Questa band andò in tournée nei Revue Plantation Days e viaggiò a Londra, anche se Elgar non la accompagnò in questo viaggio.
Tuttavia, ha suonato con l’Orchestra di Will Marion Cook in Europa. In seguito diresse gruppi musicali a Milwaukee, 1925-1928, realizzando diverse registrazioni con la Elgars Creole Orchestra che diresse ai Wisconsin Roof Gardens a Milwaukee e di nuovo a Chicago, 1926-30.
Tra i suoi sidemen c’erano Manuel Perez, Lorenzo Tio Jr, Louis Cottrell.,Barney BigardDarnell Howard e Omer Simeon.
Ha realizzato quattro registrazioni come leader della Creole Orchestra.
Si concentrò sull’insegnamento negli anni ’30 e lavorò come funzionario sindacale più tardi nella sua vita. È stato membro fondatore della filiale locale della Federazione americana dei musicisti, AFL-CIO, Local 2018. Muore a Chicago nell’agosto 1973.

I violinisti : Armand J. Piron ★

0

Nel 1915, Piron e Clarence Williams fondarono la Piron and Williams Publishing Company. Nel loro primo anno di attività pubblicarono la composizione di Piron, “I wish you could shine like my sister Kate”, che divenne il suo più grande successo. Dopo un breve tour con i W.C. Utile nel 1917, Piron fondò un’orchestra che comprendeva Lorenzo Tio Jr, Steve Lewis John Lindsay e Peter Bocage.
Nel 1923, Piron portò la sua band a New York City

I violinisti : Erskine Tate

0

erskine tateErskine Tate (14 gennaio 1895, Memphis, Tennessee, – 17 dicembre 1978, Chicago) era un violinista jazz e bandleader americano.
Tate si trasferì a Chicago nel 1912 e fu una delle prime figure della scena jazzistica di Chicago, suonando con la sua band, la Vendome Orchestra, al Vendome Theatre, che si trovava al 31 ° e State Street. The Vendome era una casa di produzione di film e la band di Tate suonava durante i film muti. La band comprendeva Louis Armstrong (tromba),  Freddie Keppard (cornetta), Buster Bailey (sassofono), Jimmy Bertrand (batteria) e Teddy Weatherford (pianoforte), così come Stump Evans, Bob Shoffner, Punch Miller, Omer Simeon, Preston JacksonFats Waller e Teddy Wilson. A metà degli anni ’30, Tate si ritirò dalla performance attiva e divenne un insegnante di musica.

I violinisti (e non solo) Will Marion Cook ★

0

will marion cookWilliam Mercer Cook (27 gennaio 1869 – 19 luglio 1944), meglio noto come Will Marion Cook, era un compositore, violinista e direttore corale afroamericano. Cook era uno studente di Antonín Dvořák. Nel 1919 portò la sua New York Syncopated Orchestra in Inghilterra per un’esibizione a comando del re Giorgio V del Regno Unito, e fece un tour. Cook è probabilmente meglio conosciuto per le sue canzoni popolari e per i suoi famosi musical di Broadway, con creatori, produttori e cast afroamericani, come Clorindy o The Origin of the Cake Walk (1898) e In Dahomey (1903). Quest’ultimo è andato in tournée per quattro anni, anche nel Regno Unito e negli Stati Uniti.
Cook ha lavorato come direttore musicale della George Walker-Bert Williams Company, lavorando con i partner della commedia su Clorindy, In Dahomey e molti altri successi musicali.

Fiati e d’intorni : Peter Bocage ★

0
  1. peter bocageA 21 anni, ha suonato il violino come leader di una band ragtime, la Superior Orchestra, che includeva Bunk Johnson. Ha suonato la tromba nella Tuxedo Orchesta, la Onward Brass Band, e come leader della Excelsior Brass Band. Ha suonato con la band di King Oliver, la Fate Marable Orchestra e Armand J. Piron. Si è esibito con Sidney Bechet e al Cotton Club di New York City. Ha registrato con la sua band i Creole Serenaders . Negli anni successivi si esibì alla Preservation Hall di New Orleans.