Vai al contenuto

Joni Mitchell

Roberta Joan “Joni” Mitchell è nata Anderson il 7 novembre 1943 ed è una cantautrice canadese.
Attingendo a folk, pop, rock, classica e jazz, le canzoni di Mitchell riflettono spesso sugli ideali sociali e filosofici, nonché sui suoi sentimenti riguardo al romanticismo, alla femminilità, alla disillusione e alla gioia.
Ha ricevuto molti riconoscimenti, tra cui nove Grammy Awards e l’ingresso nella Rock and Roll Hall of Fame nel 1997.
Mitchell ha iniziato a cantare in piccoli nightclub a Saskatoon, Saskatchewan e in tutto il Canada occidentale, prima di passare ai night club di Toronto, Ontario.
Nel 1965 si trasferì negli Stati Uniti e iniziò a fare tournée.
Alcune delle sue canzoni originali (“Urge for Going”, “Chelsea Morning”, “Both Sides, Now”, “The Circle Game”) sono state interpretate da altri cantanti folk, permettendole di firmare con Reprise Records e registrare il suo album di debutto, Song to a Seagull, nel 1968.
Stabilitasi nel sud della California, Mitchell, con canzoni popolari come “Big Yellow Taxi” e “Woodstock”, ha contribuito a definire un’era e una generazione.
Il suo album del 1971 Blue è spesso citato come uno dei migliori album di tutti i tempi; è stato classificato come il 30 ° miglior album mai realizzato nella lista dei “500 Greatest Album of All Time” del 2003 di Rolling Stone,  salendo al numero 3 nell’edizione del 2020.
Nel 2000, il New York Times ha scelto Blue come uno dei 25 album che rappresentavano “punti di svolta e apici nella musica popolare del 20 ° secolo”.
Nel 2017, NPR si è classificata al numero 1 di Blue nella lista dei migliori album realizzati dalle donne.
Il quinto album di Mitchell, For the Roses, fu pubblicato nel 1972.
Con il cambiò di etichetta, iniziò a esplorare idee melodiche più influenzate dal jazz, attraverso trame pop lussureggianti come in Court and Spark del 1974, che presentava i successi radiofonici “Help Me” e “Free Man in Paris” che divenne il suo album più venduto.
Intorno al 1975, l’estensione vocale di Mitchell iniziò a spostarsi dal mezzo-soprano a un contralto più ampio.
Le sue peculiari composizioni per pianoforte e chitarra open-tuned sono diventate anche più armonicamente e ritmicamente complesse mentre esplorava il jazz, fondendolo con influenze di rock and roll, R & B, musica classica e ritmi non occidentali.
Alla fine degli anni ’70, iniziò a lavorare a stretto contatto con noti musicisti jazz, tra cui Jaco Pastorius, Wayne Shorter, Herbie HancockPat Metheny così come  Charles Mingus, che le chiese di collaborare alle sue ultime registrazioni.  Successivamente si è rivolta nuovamente al pop, interessandosi alla musica elettronica e si è impegnata nella protesta politica.
Nel 2002, le è stato assegnato un premio alla carriera al 44 ° Grammy Awards annuale.
Mitchell è l’unica produttorice accreditata sulla maggior parte dei suoi album, incluso tutto il suo lavoro negli anni ’70.
Critica schietta dell’industria musicale, ha smesso di andare in tour e ha pubblicato il suo diciassettesimo, e secondo quanto riferito l’ultimo, album di canzoni originali nel 2007.
Con radici nell’arte visiva, Mitchell ha disegnato la maggior parte delle copertine dei suoi album. Si descrive come una “pittrice deragliata dalle circostanze
Discografia :
Ladies of the canyon – 1970

 

Annunci

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

9 pensieri riguardo “Joni Mitchell Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: