Vai al contenuto

Bass corner : Ronnie Boykins

Annunci

Come i suoi compagni di band di Sun Ra, John Gilmore e Pat Patrick, Boykins ha frequentato la DuSable High School di Chicago e ha studiato con il suo famoso insegnante di musica “Captain” Walter Dyett.
Studiò anche con Ernie Shepard, che in seguito avrebbe lavorato con Duke Ellington
Boykins si unì all’Arkestra nel 1958, durante il periodo di Chicago,  e viaggiò con loro in Canada e poi a New York City. 
Boykins è stato descritto come “il perno attorno al quale ruotava gran parte della musica di Sun Ra per otto anni, nonché uno degli elementi più determinanti nel suono dell’Arkestra.” 
Ciò è particolarmente pronunciato nelle registrazioni chiave del 1965 (The Magic City, The Heliocentric Worlds of Sun Ra, Volume One and The Heliocentric Worlds of Sun Ra, Volume Two) dove le linee intrecciate del basso di Boykins e le tastiere elettroniche di Ra forniscono la coesione.
L’assolo di arco di Boykins su “Rocket No. 9 Take Off for Planet Venus” di Sun Ra del 1960 potrebbe essere il primo esempio registrato del basso suonato in modo simile a un corno in un contesto relativamente libero, precedente al lavoro simile di Alan Silva e David Izenzon.
Boykins è apparso in oltre cinquanta album dei Sun Ra ed è stato un membro regolare della band di Sun Ra dal 1958 al 1966, e occasionalmente anche in seguito.
Prima di unirsi a Ra, Boykins si era unito a un amico trombonista per aprire un club privato, The House of Culture, con l’intento di promuovere la cultura nera.
Nel 1962, Boykins registrò con il sassofonista tenore hard bop Bill Barron e, l’anno successivo, con il pianista Elmo Hope
Boykins ha lavorato con il sassofonista tenore Archie Shepp (New York Contemporary Five) nel 1964. 
Ha lasciato Ra nel 1966, apparentemente per perseguire opportunità più redditizie. Ra ha avuto difficoltà a trovare un sostituto, a volte si è accontentato di suonare le proprie linee di basso sulla tastiera.
Alla fine degli anni ’60, Boykins formò il suo gruppo, la Free Jazz Society, che includeva il pianista John Hicks.
Negli anni ’70, Boykins ha suonato con il Melodic Art-tet, un ensemble di free jazz cooperativo che comprendeva anche il batterista Roger Blank, il sassofonista Charles Brackeen e il trombettista Ahmed Abdullah.
Nel 1975, il bassista condusse una sessione per ESP Disk che produsse il suo unico LP come leader, The Will Come, Is Now. Il revisore Jerry D’Souza ha scritto: “Boykins ha realizzato un solo disco come leader, ma segna il suo posto come bassista avventuroso e compositore con un dono per lo stile e il genere.”
Nel 1979 ha suonato con Steve Lacy e Dennis Charles in Capers. Nel corso della sua carriera, Boykins ha anche lavorato con Mary Lou Williams, Marion Brown e Sarah Vaughan, tra gli altri.
Morì a New York City nel 1980 all’età di 44 anni. 

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: