Vai al contenuto

Le bands : The Spencer Davis group

Annunci

Lo Spencer Davis Group si è formato nel 1963 a Birmingham dopo che il chitarrista gallese Spencer Davis ha incontrato il cantante e organista  Steve Winwood (all’età di 14 anni e ancora a scuola),  che suonava con il fratello Muff Winwood (bassista) mentre si esibiva in un pub, la Golden Eagle- , come la Muff Woody Jazz Band. Reclutò loro e Pete York alla batteria per formare il Rhythm and Blues Quartette, che si esibiva regolarmente in città.
Nel 1964, firmarono il loro primo contratto discografico dopo che Chris Blackwell della Island Records li vide all’apparizione in un club locale;  Blackwell divenne il loro produttore.  (L’Island era quindi una piccola etichetta indipendente con la Fontana britannica  per la distribuzione.)
Muff Winwood trovò il nome della band, ragionando: “Spencer era l’unico a cui piaceva fare interviste, quindi ho sottolineato che se lo chiamassimo Spencer Davis Group, il resto di noi poteva stare a letto e lasciarglielo fare.
La prima registrazione professionale del gruppo è stata una cover di “Dimples”. Alla fine del 1965 ottennero il loro primo singolo numero uno con “Keep On Running”.  Nel 1966, hanno seguito questo con “Somebody Help Me” e “When I Come Home”.  Avevano un singolo pubblicato negli Stati Uniti su Fontana, così come “Keep On Running” e “Somebody Help Me” su Atco, ma a causa della mancanza di promozione, nessuno di questi singoli ottenne la trasmissione in onda o entrò nelle classifiche americane.
Per il mercato tedesco, il gruppo ha pubblicato un medley di “Det war in Schöneberg, im Monat Mai” e “Mädel ruck ruck ruck an meine grüne Seite” (il primo è da un’operetta di Berlino del 1913, il secondo è un tradizionale svevo) come un singolo tributo per quel pubblico, dato che Davis aveva studiato a Berlino Ovest nei primi anni ’60.
Entro la fine del 1966 e l’inizio del 1967, il gruppo pubblicò altri due successi, “Gimme Some Lovin ‘” e “I’m a Man”.
Entrambi hanno venduto oltre un milione di copie e hanno ottenuto lo status di record d’oro.
Questi brani si sono rivelati i loro due successi più noti, specialmente negli Stati Uniti (dove avevano firmato con la United Artists). Jimmy Miller era il loro produttore.
Il gruppo ha recitato in The Ghost Goes Gear (1966),  una commedia musicale britannica, diretta da Hugh Gladwish, e con Sheila White e Nicholas Parsons. 
La trama ha coinvolto il gruppo in un soggiorno presso la casa d’infanzia del loro manager, una casa padronale infestata nella campagna inglese. Il film sarebbe stato successivamente considerato un errore da Winwood
Steve Winwood ha lasciato per formare i  Trafficinel 1967; suo fratello, Muff, si è trasferito nell’industria musicale lavorando in Artisti e repertorio (A&R) presso la Island Records. 
Nello stesso periodo, sia lo Spencer Davis Group che Traffic sono stati presenti nella colonna sonora del film Here We Go Round the Mulberry Bush uscito in quell’anno.  Dopo la partenza dei Winwood, lo Spencer Davis Group ha continuato con l’aggiunta del chitarrista Phil Sawyer (ex Les Fleur de Lys) e del tastierista / vocalist Eddie Hardin (ex A Wild Uncertainty). 
Questa formazione registrò diversi brani per Here We Go Round The Mulberry Bush e pubblicò il singolo “Time Seller” dal suono psichedelico nel luglio 1967; anche il lato b, “Don’t Want You No More”, ricevette trasmissione radiofonica. 
(continua)

 



andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: