Vai al contenuto

I tastieristi : Jordan Rudess

Annunci

Jordan Rudess è nato nel 1956 in una famiglia ebrea.
È stato riconosciuto dal suo insegnante di seconda elementare per il suo modo di suonare il pianoforte e gli è stata immediatamente impartita un’istruzione professionale.
A nove anni, entrò nella divisione Pre-College della Juilliard School of Music per la formazione di piano classico, ma dalla sua adolescenza si era sempre più interessato ai sintetizzatori e alla musica rock progressive.
Contro il consiglio dei suoi genitori e tutor, si allontanò dal piano classico e provò la sua mano come tastierista solista di rock progressivo.
Quando Bleu Ocean stava riunendo una squadra di compagni batteristi per esibirsi nella canzone “Bring the Boys Back Home”, presente in The Wall dei Pink Floyd, ha invitato Rudess per le sessioni, dal momento che Rudess aveva suonato la batteria da bambino.
Tuttavia, la performance di Rudess è stata respinta dal produttore Bob Ezrin.
A quel tempo, Rudess aveva già scelto le tastiere come strumento principale.
Rudess faceva parte di un progetto in studio assemblato dagli impresari pop bubblegum Jerry Kasenetz e Jeffry Katz, le persone dietro The Ohio Express e The 1910 Fruitgum Company.
Nel 1980, hanno provato il rock  con Speedway Boulevard, che comprendeva anche membri in tournée di Ram Jam. 
Il gruppo non si è mai esibito dal vivo e si è sciolto poco dopo l’uscita dell’album.
Dopo essersi esibito in vari progetti negli anni ’80, nel 1994 ottenne l’attenzione internazionale quando fu votato “Miglior nuovo talento” nel sondaggio dei lettori di Keyboard Magazine dopo l’uscita del suo album da solista Listen.
Due delle band che hanno notato Rudess erano 
Dixie Dregs e Dream Theater, ed entrambi lo invitarono a unirsi. Rudess ha scelto i Dregs, principalmente perché essere un membro part-time della band avrebbe avuto un impatto minore sulla sua giovane famiglia, una scelta che non gli è stata data con Dream Theater.
Durante il suo periodo con i Dregs, Rudess formò un “power duo” con il batterista Rod Morgenstein. La genesi di questa associazione è avvenuta quando un’interruzione di corrente ha causato lo stop di tutti gli strumenti dei Dregs tranne Rudess, quindi lui e Morgenstein hanno improvvisato l’uno con l’altro fino a quando non è stata ripristinata l’alimentazione e il concerto è potuto continuare.
La chimica tra i due è stata così forte durante questa jam che hanno deciso di esibirsi insieme su base regolare (sotto il nome Rudess / Morgenstein Project o successivamente RMP) e da allora hanno pubblicato uno studio e un disco dal vivo.
Rudess ha incontrato nuovamente Dream Theater quando lui e Morgenstein si sono assicurati lo slot di supporto in uno dei tour nordamericani di Dream Theater.
Nel 1997, quando Mike Portnoy è stato invitato a formare un supergruppo da Magna Carta Records, Rudess è stato scelto per riempire il posto di tastierista nella band, che consisteva anche in Tony Levin e il collega del Dream Theater di Portnoy John Petrucci.
Durante la registrazione dei due album di Liquid Tension Experiment è diventato evidente a Portnoy e Petrucci che Rudess era ciò di cui aveva bisogno Dream Theater. Chiesero a Rudess di unirsi alla band e, quando accettò, licenziarono il loro allora tastierista Derek Sherinian per fargli posto.
Rudess è stato il tastierista a tempo pieno in Dream Theater dalla registrazione del 1999 Metropolis Pt. 2. Ha registrato altri nove album in studio con il gruppo
Oltre a lavorare con Dream Theater, occasionalmente registra e si esibisce in altri contesti, come una performance in duo una tantum del 2001 con Petrucci (pubblicato come CD An Evening With John Petrucci e Jordan Rudess), oltre a sostenere i Blackfield nel loro primo breve tour negli Stati Uniti nel 2005 e suonando una slot solista per loro nel loro secondo nel 2007. Ha anche contribuito all’album del 2011 di Steven Wilson, Grace for Drowning.
Nel 2010, Rudess compose “Explorations for Keyboard and Orchestra”, la sua prima composizione classica.
È stato presentato in anteprima in Venezuela il 19 novembre 2010 dalla Chacao Youth Symphony Orchestra e dal direttore ospite Eren Başbuğ. Rudess ha suonato tutte le parti di tastiera e sintetizzatore.
Il 28 luglio 2011, in un sondaggio condotto da MusicRadar, Rudess è stato votato il miglior tastierista di tutti i tempi.

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: