Vai al contenuto

Le voci : Alberta Adams ★

Annunci

Adams è nata come Roberta Louise Osborn il 26 luglio 1917,  a Indianapolis, nell’Indiana.
È cresciuta a Detroit da membri della famiglia, inizialmente una zia. 
Fin da piccola voleva diventare un’animatrice.
Fuggendo da una difficile vita domestica all’età di quattordici anni, iniziò a vivere da sola, ottenendo un piccolo appartamento vicino a Woodward, dove rimase per cinque o sei anni.
Ha iniziato a esibirsi come ballerina di tip tap nei club di Hastings Street a Detroit e ha iniziato a cantare poco dopo. 
Negli anni ’40, è apparsa al B&C club come ballerina di tip tap, tra artisti come John Lee Hooker.
Quando l’headliner Kitty Stevenson   era troppo malata per esibirsi una sera, Adams ha fatto una improvvisata esibizione in due canzoni, a seguito della quale il club l’ha assunta come cantante per un periodo di cinque anni. 
Tra i suoi contemporanei e insegnanti di musica in Hastings Street c’erano Hooker, Big Maceo Merriweather e Eddie Kirkland.
Phil e Leonard Chess, della Chess Records, ascoltarono Adams esibirsi in Hastings Street e la firmarono come cantante negli anni ’50.
Con Chess ha registrato con la band di Red Saunders, tra gli altri artisti.
Molte delle sue registrazioni sono state incluse nelle compilation di Chess negli anni ’90.
Per un certo periodo è stata un membro dei Bluesettes, un gruppo vocale che è stato in tour come parte della big band di Tiny Bradshaw.
Ha anche registrato per la Savoy Records a Newark, New Jersey, pubblicando il singolo “Say Baby Say”, con i  T.J Flower Band.
Adams è stato in tour con Louis Jordan, T-Bone Walker,  Duke Ellington , Eddie Vinson e Lionel Hampton , tra gli altri.
Dopo una pausa dalle esibizioni e registrazioni pesanti, ha iniziato a fare tournée con il chitarrista Johnnie Bassett negli anni ’90.
Nel 1997 ha contribuito all’edizione di Detroit di Blues Across America. Allmusic ha dichiarato che, “Chanteuse Alberta Adams, una presenza di lunga data sulla scena, chiude le cose con quattro lati meravigliosi usando una core band che ruota attorno a Johnnie Bassett.
Con questa voce in questa importante serie, è ovvio che il blues di Detroit è vivo e fiorente. “

 

 

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: