Vai al contenuto

I songwriter : Bruce Springsteen

Annunci

Bruce Frederick Joseph Springsteen è nato al Monmouth Medical Center, a Long Branch, nel New Jersey, il 23 settembre 1949. 
È di origini olandesi, irlandesi e italiane.
Ha trascorso la sua infanzia a Freehold, nel New Jersey, dove ha vissuto a South Street. Suo padre, Douglas Frederick “Dutch” Springsteen (1924–1998), lavorava come autista di autobus e svolgeva altri lavori.
Douglas Springsteen ha sofferto di problemi di salute mentale durante la sua vita che sono peggiorati negli ultimi anni. 
La madre di Springsteen, Adele Ann (nata Zerilli) (1925-), era originaria del quartiere di Bay Ridge a Brooklyn, lavorava come segretaria legale ed era il principale capofamiglia della famiglia di Springsteen. 
Springsteen ha due sorelle più giovani di nome Virginia e Pamela.
Quest’ultima ha avuto una breve carriera da attrice, ma smise per dedicarsi alla fotografia a tempo pieno; in seguito ha scattato foto per i suoi album Human Touch, Lucky Town e The Ghost of Tom Joad.
Il nonno materno italiano di Springsteen è nato a Vico Equense.
Emigrò attraverso Ellis Island e non riusciva a leggere o scrivere quando arrivò.
Alla fine divenne avvocato, cosa che impressionò il giovane Springsteen.
Il cognome di Springsteen è topografico e di origine olandese, che letteralmente si traduce in “pietra da salto”, ma più in generale significa una specie di pietra usata come trampolino di lancio in strade non asfaltate o tra due case.
Springsteens furono tra le prime famiglie olandesi che si stabilirono nella colonia del New Netherland nel 1600.
Cresciuto cattolico, Springsteen ha frequentato la scuola cattolica di Santa Rosa di Lima a Freehold, dove era in contrasto con le suore e ha respinto le restrizioni imposte a lui, anche se parte della sua musica successiva riflette un ethos cattolico e include alcuni inni cattolici tradizionali irlandesi. 
In un’intervista del 2012, ha spiegato che è stata la sua educazione cattolica piuttosto che l’ideologia politica a influenzare maggiormente la sua musica. Ha notato nell’intervista che la sua fede gli aveva dato una “vita spirituale molto attiva”, ma ha scherzato sul fatto che questo “ha reso tutto molto difficile sessualmente”.
Ha aggiunto: “Una volta cattolico, sempre cattolico”.  È cresciuto ascoltando  alla radio  Frank Sinatra e si è interessato a diventare lui stesso un musicista quando, nel 1956 e 1957, all’età di sette, ha visto  Elvis Presley in The Ed Sullivan Show. Poco dopo, sua madre gli affittò una chitarra  da Mike Diehl’s Music a Freehold per $ 6 a settimana, ma non riuscì a fornirgli la gratificazione istantanea che desiderava.
In terza media, Springsteen iniziò a frequentare la Freehold High School pubblica, ma non si adattava neanche a quella.
Gli ex insegnanti hanno detto che era un “solitario che non voleva altro che suonare la sua chitarra”.
Si è laureato nel 1967, ma si è sentito così alienato che ha saltato la cerimonia. 
Ha frequentato brevemente l’Ocean County College, ma ha abbandonato. 
Chiamato per la leva quando aveva 19 anni, Springsteen non ha superato l’esame fisico ed ha evitato il servizio durante la guerra del Vietnam.
Aveva subito una commozione cerebrale in un incidente motociclistico quando aveva 17 anni, e questo, insieme al suo comportamento “folle” durante l’induzione, lo rendeva inaccettabile per il servizio.
La famiglia Springsteen si trasferì a San Mateo, in California, nel 1969, ma Bruce, 20 anni, e sua sorella, Virginia, sposata e incinta, rimasero. 
Nel 1964, Springsteen vide le apparizioni dei  The Beatles all’Ed Sullivan Show. Ispirato, ha comprato la sua prima chitarra per $ 18,95 al Western Auto Appliance Store.
Da allora in poi, ha iniziato a suonare per il pubblico con una band chiamata The Rogues in luoghi locali come l’Elks Lodge a Freehold.
Alla fine del 1964, la madre di Springsteen ottenne un prestito per comprargli una chitarra Kent da 60 dollari.
Springsteen ha poi ricordato questo atto nella sua canzone “The Wish”.
L’anno successivo, è andato a casa di Tex e Marion Vinyard, che sponsorizzavano giovani band in città.
Lo hanno aiutato a diventare il chitarrista solista e successivamente uno dei cantanti principali dei Castiles.
I Castiles hanno registrato due canzoni originali in uno studio di registrazione pubblico a Brick Township e hanno suonato in diversi locali, incluso Cafe Wha? nel Greenwich Village.
Marion Vinyard ha detto che credeva nel giovane Springsteen quindi  promise che l’avrebbe fatto grande.
Alla fine degli anni ’60, Springsteen si esibì brevemente in un power trio noto come Earth, suonando nei club del New Jersey, con uno spettacolo importante all’Hotel Diplomat di New York City.
Dal 1969 fino all’inizio del 1971, Springsteen si esibì con Steel Mill (originariamente chiamato Child), che includeva Danny Federici, Vini Lopez, Vinnie Roslin e più tardi Steve Van Zandt e Robbin Thompson.
Durante questo periodo, si esibì regolarmente in luoghi sulla Jersey Shore, a Richmond, Virginia,  Nashville, Tennessee, e una serie di concerti in California  raccogliendo rapidamente un seguito di culto.
Il San Francisco Examiner, recensendo il loro spettacolo al Matrix attraverso il critico musicale Philip Elwood ha dato a Springsteen credibilità nella sua brillante valutazione di Steel Mill: “Non sono mai stato così sopraffatto da un talento totalmente sconosciuto”  … “la prima grande cosa che è successa ad Asbury Park da quando la buona nave Morro Castle è bruciata fino alla linea di galleggiamento di quella spiaggia di Jersey nel ’34 “.
Elwood ha continuato lodando la loro “musicalità coesa” e, in particolare, ha individuato Springsteen come “un compositore davvero impressionante”. 
A San Mateo, Steel Mill registra tre canzoni originali di Springsteen alla Pacific Recording.
Nei due anni successivi, mentre Springsteen cercava di plasmare uno stile musicale e lirico unico e genuino, si esibì con Dr.Zoom & the Sonic Boom (dall’inizio alla metà del 1971), la Sundance Blues Band (metà 1971) e la Bruce Springsteen Band (da metà 1971 a metà 1972).
La prolifica capacità di scrittura di canzoni di Springsteen (con “più parole in alcune singole canzoni rispetto ad altri artisti in interi album”, come la sua futura etichetta discografica avrebbe descritto nelle prime campagne pubblicitarie) portò le sue capacità all’attenzione di molte persone che stavano per cambiare la sua vita:
I nuovi manager Mike Appel e Jim Cretecos, che a loro volta lo hanno portato all’attenzione del talent scout della Columbia Records John Hammond.
Hammond fece un provino a Springsteen nel maggio 1972.
Nell’ottobre 1972, Springsteen formò una nuova band per la registrazione del suo album di debutto, Greetings from Asbury Park, N.J.

 

La band alla fine divenne nota come E Street Band, anche se il nome non fu usato fino al settembre 1974.
Springsteen ha acquisito il soprannome di “The Boss” durante questo periodo, poiché si è assunto il compito di raccogliere la paga notturna della sua band e distribuirla tra i suoi compagni di band.
Il soprannome sarebbe derivato anche da giochi di Monopoli che Springsteen avrebbe giocato con altri musicisti di Jersey Shore. 

 

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: