Fiati e d’intorni : Jan Garbarek

Il suono di Garbarek è uno dei tratti distintivi dell’etichetta ECM Records, che ha pubblicato praticamente tutte le sue registrazioni. Il suo stile incorpora un tono tagliente, note lunghe, acute, sostenute e un uso generoso del silenzio.
Ha iniziato la sua carriera discografica alla fine degli anni ’60, in particolare con registrazioni del compositore jazz americano George Russell (come Electronic Sonata for Souls Loved by Nature).
Nel 1973 aveva voltato le spalle alle dure dissonanze del jazz d’avanguardia, mantenendo solo il tono del suo approccio precedente. Garbarek ha ottenuto un ampio riconoscimento grazie al suo lavoro con il Quartetto europeo del pianista Keith Jarrett, che ha pubblicato gli album Belonging (1974), My Song (1977) e le registrazioni dal vivo Personal Mountains (1979) e Nude Ants (1979).
È stato anche solista delle opere orchestrali di Jarrett Luminessence (1974) e Arbor Zena (1975).
Come compositore, Garbarek tende ad attingere pesantemente alle melodie popolari scandinave, eredità della sua influenza su Ayler.
È anche un pioniere della composizione jazz ambient, in particolare nel suo album del 1976 Dis una collaborazione con il chitarrista Ralph Towner,  che ha caratterizzato il suono distintivo di un’arpa a fiato su diverse tracce. Questo approccio materico, che rifiuta le nozioni tradizionali di improvvisazione tematica (meglio esemplificato da Sonny Rollins) a favore di uno stile descritto dai critici Richard Cook e Brian Morton come “scultoreo nel suo impatto”, è stato criticamente divisivo. Le registrazioni più tortuose di Garbarek sono spesso etichettate come musica new age o loro antenati spirituali. Altri esperimenti hanno incluso l’impostazione di una raccolta di poesie di Olav H. Hauge alla musica, con un singolo sassofono che completa un coro completamente misto; questo ha portato a notevoli esibizioni con Grex Vocalis. Negli anni ’80, la musica di Garbarek iniziò a incorporare sintetizzatori ed elementi della musica mondiale. Ha collaborato con musicisti indiani e pakistani come Trilok Gurtu, Zakir Hussain, Hariprasad Chaurasia e Bade Fateh Ali Khan. Garbarek è accreditato per aver composto musica originale per il film Kippur del 2000.Nel 1994, durante la crescente popolarità del canto gregoriano, il suo album Officium, una collaborazione con i primi interpreti vocali della musica l’Hilliard Ensemble, divenne uno degli album più venduti di tutti i tempi dell’ECM, raggiungendo le classifiche pop in diversi paesi europei e fu seguito da un sequel, Mnemosyne, nel 1999. Officium Novum, un altro album sequel, è stato pubblicato nel settembre 2010. Nel 2005, il suo album In Praise of Dreams è stato nominato per un Grammy Award. Il primo album live di Garbarek, Dresden, è stato pubblicato nel 2009.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...