Vai al contenuto

Le voci : Aretha Franklin

Annunci

Aretha Louise Franklin è nata il 25 marzo 1942 da Barbara (nata Siggers) e Clarence LaVaughn “C. L.” Franklin. È stata consegnata a casa della sua famiglia situata al 406 Lucy Avenue, Memphis, Tennessee. Suo padre era un pastore battista e predicatore di  originario di Shelby, Mississippi, mentre sua madre era una brava pianista e cantante. Sia il signor che la signora Franklin avevano figli da precedenti relazioni oltre ai quattro figli che avevano avuto insieme. Quando Aretha aveva due anni, la famiglia si trasferì a Buffalo, New York.
Quando Aretha compì cinque anni, C. L. Franklin aveva trasferito definitivamente la famiglia a Detroit, dove aveva assunto la pastorale della New Bethel Baptist Church.
I Franklin ebbero un matrimonio travagliato a causa delle infedeltà del signor Franklin e si separarono nel 1948.
A quel tempo, Barbara Franklin tornò a Buffalo con il fratellastro di Aretha, Vaughn.  Dopo la separazione, Aretha ricordò di aver visto sua madre a Buffalo durante l’estate, e Barbara Franklin andava spesso a trovare i suoi figli a Detroit.
La madre di Aretha morì di infarto il 7 marzo 1952, prima del decimo compleanno di Aretha.
Diverse donne, tra cui la nonna di Aretha, Rachel e Mahalia Jackson, si sono alternate aiutando con i bambini nella casa  Franklin.
Durante questo periodo, Aretha imparò a suonare il piano a orecchio.
Ha anche frequentato la scuola pubblica a Detroit, durante il suo primo anno alla Northern High School, ma abbandonando durante il suo secondo anno.
I sermoni emotivamente guidati del padre di Aretha lo hanno reso noto come l’uomo con la “voce da un milione di dollari”. Ha guadagnato migliaia di dollari per i sermoni in varie chiese in tutto il paese.
Il suo status di celebrità ha portato alla sua casa visitata da varie celebrità.
Anche Martin Luther King Jr., Jackie Wilson e Sam Cooke sono diventati amici di C. L. Franklin. La Ward fu romanticamente coinvolta con il padre di Aretha dal 1949 circa alla morte di Ward nel 1973, sebbene Aretha “preferisse vederli rigorosamente come amici” . La Ward è stata anche un modello per la giovane Aretha.
Subito dopo la morte di sua madre, Franklin iniziò a cantare assoli alla New Bethel, debuttando con l’inno “Jesus, Be a Fence Around Me”.
Quando  aveva 12 anni, suo padre iniziò a gestirla; l’avrebbe portata in viaggio con sé durante i suoi cosiddetti tour “carovana evangelica” affinché potesse esibirsi in varie chiese.
L’ha anche aiutata a firmare il suo primo contratto discografico con J.V.B. Records. Apparecchiature per la registrazione furono installate all’interno della New Bethel Baptist Church e furono registrate nove tracce. Franklin è stata scrutinata per voce e pianoforte.
Nel 1956, J.V.B. pubblicò il primo singolo di Franklin, “Never Grow Old”, con “You Grow Closer”. “Precious Lord (Part One)”, supportato da “Precious Lord (Part Two)”, è seguito nel 1959. Questi quattro brani, con l’aggiunta di “There Is a Fountain Filled with Blood”, furono pubblicati sulla prima parte dell’album del 1956, Spirituals. Questo fu ristampato da Battle Records nel 1962 con lo stesso titolo.
Nel 1965, Checker Records pubblicò Songs of Faith, con le cinque tracce dell’album Spirituals del 1956, con l’aggiunta di quattro registrazioni inedite.Durante questo periodo, Franklin di tanto in tanto viaggiava con The Soul Stirrers.
Come giovane cantante gospel, Franklin trascorse le estati sul circuito gospel a Chicago e rimase con la famiglia di Mavis Staples.
Secondo il produttore musicale Quincy Jones, mentre Franklin era ancora giovane, Dinah Washington gli fece sapere “Aretha era la ‘prossima’”.
Nel 1958, Franklin e suo padre si recarono in California, dove conobbe il cantante Sam Cooke.
All’età di 16 anni, la Franklin andò in tournée con il Dr. Martin Luther King, Jr., e alla fine avrebbe cantato al suo funerale nel 1968.
Dopo aver compiuto 18 anni, Franklin confidò a suo padre che aspirava a seguire Sam Cooke nel registrare musica pop e si trasferì a New York.  In qualità di manager, CL Franklin accettò la mossa e ha contribuito a produrre una demo di due canzoni che presto è stata portata all’attenzione della Columbia Records, che ha accettato di firmarla nel 1960. Franklin è stata firmata come “artista del cinque percento” .
Durante questo periodo, Franklin sarebbe stata allenata dal coreografo Cholly Atkins per preparare le sue esibizioni pop. Prima di firmare con la Columbia, Sam Cooke ha cercato di convincere il padre di Franklin a firmarla con la sua etichetta, RCA, ma la sua richiesta è stata respinta. Il proprietario dell’etichetta discografica Berry Gordy stava anche cercando di firmare Franklin e sua sorella maggiore Erma alla sua etichetta Tamla. Tuttavia, C.L. Franklin sentì che l’etichetta non era ancora abbastanza stabilita e rifiutò Gordy. Il primo singolo della Franklin della Columbia, “Today I Sing the Blues”,  è stato pubblicato nel settembre 1960 e in seguito ha raggiunto la top 10 della classifica Hot Rhythm & Blues Sellers.
Nel gennaio del 1961, la Columbia pubblicò il primo album secolare di Franklin, Aretha: With The Ray Bryant Combo.

L’album presentava il suo primo singolo per classificare il Billboard Hot 100, “Won’t Be Long”, che raggiunse anche il numero 7 nella classifica R&B. Prodotte principalmente da Clyde Otis, le registrazioni della Franklin in Columbia la vedevano esibirsi in diversi generi come standard, jazz vocale, blues, doo-wop e rhythm and blues. Prima della fine dell’anno, Franklin ha segnato il suo primo singolo di successo con la sua interpretazione dello standard “Rock-a-Bye Your Baby with a Dixie Melody”.  “Rock-a-Bye” è diventato il suo primo successo internazionale, raggiungendo i primi 40 in Australia e Canada.  Alla fine del 1961, Franklin è stata nominata come “cantante femminile nuova stella” nella rivista DownBeat. Nel 1962, la Columbia pubblicò altri due album, The Electrifying Aretha Franklin

e The Tender, the Moving, the Swinging Aretha Franklin,

l’ultimo dei quali raggiunse il numero 69 della classifica Billboard.

Annunci

Negli anni ’60, durante un’esibizione al Regal Theatre, il personaggio radiofonico di WVON Pervis Spann annunciò che Franklin avrebbe dovuto essere incoronata “la regina del soul”. 
Spann le pose cerimonialmente una corona sulla testa. 
Nel 1964, Franklin iniziò a registrare più musica pop, raggiungendo la top 10 della classifica R&B con la ballata “Runnin ‘Out of Fools” all’inizio del 1965.
Ebbe due singoli R&B nel 1965 e nel 1966 con le canzoni “One Step Ahead” e “Cry Like a Baby”, raggiungendo anche le classifiche Easy Listening con le ballate “You Made Me Love You” e “(No, No) I’m Losing You”.
Verso la metà degli anni ’60, Franklin guadagnava $ 100.000 all’anno da innumerevoli spettacoli in discoteche e teatri.
Inoltre durante quel periodo, è apparsa in spettacoli rock-and-roll come Hollywood A Go-Go e Shindig !.
Tuttavia, ha lottato con il successo commerciale mentre era alla Columbia.
Il dirigente dell’etichetta John H. Hammond in seguito disse che sentiva che la Columbia non aveva compreso il background gospel iniziale di Franklin e non era riuscito a far emergere ulteriormente quell’aspetto durante il suo periodo lì.
Nel novembre 1966, il contratto discografico della Franklin per la Columbia scadde e lei scelse di trasferirsi alla Atlantic Records. 
Nel gennaio 1967, si recò a Muscle Shoals, Alabama, per registrare ai FAME Studios e registrò la canzone “I Never Loved a Man (The Way I Love You)”, sostenuta dalla Muscle Shoals Rhythm Section.
Franklin trascorse solo un giorno a registrare alla FAME, quando scoppiò un alterco tra il suo manager e il marito Ted White, il proprietario dello studio Rick Hall e un suonatore di fiati, e le sessioni furono abbandonate.
La canzone è stata rilasciata il mese successivo e ha raggiunto il numero uno della classifica R&B, mentre ha anche raggiunto il numero nove della Billboard Hot 100, dando a Franklin il suo primo singolo pop nella top ten. Il lato b della canzone, “Do Right Woman, Do Right Man”, ha raggiunto la top 40 dell’R & B, raggiungendo il numero 37.
Ad aprile, Atlantic ha pubblicato la sua versione frenetica di “Respect” di Otis Redding, che ha raggiunto il numero uno in entrambi gli R&B. e grafici pop. “Respect” divenne la sua canzone d’autore e in seguito fu acclamata come un inno per i diritti civili e femminista. 
Anche l’album di debutto di Franklin su Atlantic, I Never Loved a Man the Way I Love You, divenne un successo commerciale, diventando poi disco d’oro. Franklin ha segnato altri due singoli nella top ten nel 1967, tra cui “Baby I Love You” e “(You Make Me Feel Like) A Natural Woman”

Il suo rapporto con il produttore Jerry Wexler ha contribuito alla creazione della maggior parte delle registrazioni di punta di Franklin con Atlantic.
Nel 1968 pubblicò gli album più venduti Lady Soul

 

e Aretha Now

 

, che includevano alcuni dei suoi singoli di successo più popolari, tra cui “Chain of Fools”, “Ain’t No Way”, “Think” e “I Say a Little pray”.
Quel febbraio, Franklin ha vinto i primi due dei suoi Grammy, inclusa la categoria di debutto per la migliore performance vocale femminile R&B. 
Il 16 febbraio, Franklin è stata onorata con un giorno a lei intitolato ed è stata accolta dall’amico di lunga data Martin Luther King Jr., che le ha conferito l’SCLC Drum Beat Award for Musicians due mesi prima della sua morte.
Franklin è stata in tournée fuori dagli Stati Uniti per la prima volta a maggio, inclusa un’apparizione al Concertgebouw di Amsterdam, dove ha suonato davanti a un pubblico quasi isterico che ha ricoperto il palco di petali di fiori.
È apparsa sulla copertina della rivista Time a giugno. 
Nel 1969 Franklin fu oggetto di uno schema di impersonificazione criminale.
Un’altra donna si è esibita in diversi luoghi della Florida con il nome di Aretha Franklin.
Il sospetto è stato tratto quando la falsa Franklin ha addebitato solo una frazione del tasso previsto per eseguire.
Gli avvocati di Franklin contattarono le autorità della Florida e scoprirono uno schema coercitivo in cui la cantante, Vickie Jones, era stata minacciata di violenza e costretta a impersonare il suo idolo, a cui somigliava molto sia nella voce che nell’aspetto.
Dopo essere stata scagionata dal reato, Jones ha successivamente goduto di una breve carriera tutta sua, durante la quale è stata lei stessa oggetto di un furto d’identità.
Il successo di Franklin si espanse durante i primi anni ’70, durante i quali registrò il numero uno R&B di più settimane “Don’t Play That Song (You Lied)”, così come i primi dieci singoli “Spanish Harlem”, “Rock Steady”.
Alcune di queste uscite provenivano dagli acclamati album Spirit in the Dark and Young, Gifted and Black.

 

Nel 1971, Franklin è diventato la prima artista R&B a dirigere Fillmore West, più tardi quell’anno pubblicò l’album dal vivo Aretha Live at Fillmore West.
È tornata alla musica gospel in una registrazione live di due notti in chiesa, con l’album, Amazing Grace, in cui ha reinterpretato standard come “How I Got Over” di Mahalia Jackson. 
Amazing Grace ha venduto più di due milioni di copie.
Le esibizioni dal vivo furono girate per un film concerto diretto da Sydney Pollack, ma a causa di problemi di sincronizzazione e dei tentativi di Franklin di impedire la distribuzione del film dopo che Hollywood si rifiutò di promuovere una donna nera dalla pelle scura come star del cinema all’epoca, la sua uscita fu realizzato solo dal produttore Alan Elliott nel novembre 2018. 
La carriera di Franklin iniziò ad avere problemi durante la registrazione dell’album, Hey Now Hey, che comprendeva la produzione di  Quincy Jones.

 

Nonostante il successo del singolo “Angel”, l’album esplose  fin dalla sua uscita nel 1973. Franklin ha continuato ad avere successo R&B con canzoni come “Until You Come Back to Me” e “I’m in Love”, ma nel 1975 i suoi album e le sue canzoni non erano più più venduti.
Dopo che Jerry Wexler lasciò l’Atlantic per la Warner Bros. Records nel 1976, Franklin lavorò alla colonna sonora del film Sparkle con Curtis Mayfield.
L’album ha prodotto l’ultimo successo di Franklin nella top 40 del decennio, “Something He Can Feel”, che ha raggiunto anche il numero uno nella classifica R&B. Gli album successivi di Franklin per l’Atlantic, inclusi Sweet Passion (1977)

 

, Almighty Fire (1978)

 

e La Diva (1979)

 

, scalarono le classifiche e nel 1979 Franklin lasciò la compagnia. 
Nel 1980, dopo aver lasciato l’Atlantic Records,  Franklin firmò con la Arista Records di Clive Davis  e quello stesso anno tenne un’esibizione di comando alla Royal Albert Hall di Londra di fronte alla Regina.
Franklin ha avuto anche un acclamato ruolo di ospite come proprietaria di un ristorante soul food e moglie di Matt Murphy nella commedia musicale del 1980 The Blues Brothers. 
Il primo album di Franklin di Arista, Aretha (1980),

 

conteneva la hit R&B numero 3 “United Together” e la sua cover nominata ai Grammy di “I Can’t Turn You Loose” di Redding.
Il seguito, Love All the Hurt Away del 1981

 

, includeva il suo famoso duetto della title track con  George Benson, mentre l’album includeva anche la sua cover vincitrice di Grammy di “Hold On, I’m Comin ‘” di Sam & Dave. Franklin ha raggiunto un disco d’oro, per la prima volta in sette anni, con l’album del 1982 Jump to It.

 

La title track dell’album è stato il suo primo singolo nella top 40 delle classifiche pop in sei anni.
L’anno successivo, ha pubblicato “Get It Right”, prodotto da Luther Vandross. 

 

Nel 1985, ispirata dal desiderio di avere un “sound più giovane” nella sua musica, Who’s Zoomin ‘Who?

 

è diventato il suo primo album di Arista ad essere certificato disco di platino. L’album ha venduto oltre un milione di copie grazie ai successi “Freeway of Love”, la title track e “Another Night”.
L’album di Aretha dell’anno successivo ha quasi eguagliato questo successo con i singoli di successo “Jumpin ‘Jack Flash”, “Jimmy Lee” e “I Knew You Were Waiting for Me.

 

Durante quel periodo, Franklin ha fornito la voce alle sigle dei programmi televisivi A Different World and Together.
Nel 1987, ha pubblicato il suo terzo album gospel, One Lord, One Faith, One Baptism, che è stato registrato nella chiesa New Bethel del suo defunto padre, seguito da Through the Storm nel 1989.

 

Lo stesso anno, Franklin ha eseguito “America the Beautiful” a Wrestlemania III della WWE, il terzo “spettacolo di intrattenimento” annuale della compagnia, nel suo stato natale, il Michigan.
L’album del 1991 di Franklin, What You See is What You Sweat, è andato male nelle classifiche.

 

Tornò in classifica nel 1993 con la canzone dance “A Deeper Love” e tornò tra i primi 40 con la canzone “Willing to Forgive” nel 1994. 
Nel 1995, è stata selezionata per interpretare la zia Em nel revival dell’Apollo Theatre di The Wiz.
L’ultimo singolo nella top 40 di Franklin è stato “A Rose Is Still a Rose” del 1998. L’album con lo stesso nome è stato rilasciato dopo il singolo. Ha venduto oltre 500.000 copie; guadagnando un album d’oro. 

Nello stesso anno, Franklin ha ricevuto elogi globali dopo la sua performance ai Grammy Awards del 1998.
Inizialmente le era stato chiesto di venire e di esibirsi in onore del film The Blues Brothers del 1980 in cui era apparsa con Dan Aykroyd e John Belushi.
Quella sera, dopo che lo spettacolo era già iniziato, lo stesso Luciano Pavarotti ha contattato i produttori dello spettacolo e ha detto che era troppo malato per eseguire l’aria dell’opera “Nessun dorma” come previsto.
I produttori dello spettacolo erano disperati per riempire la fascia oraria e si sono avvicinati a Franklin con il loro dilemma.
Era un’amica di Pavarotti e aveva cantato la selezione due sere prima all’evento annuale MusiCares.
Ha chiesto di ascoltare la registrazione delle prove di Pavarotti e, dopo averla ascoltata, ha convenuto di poterla cantare nella gamma di tenore in cui l’orchestra era disposta a suonare.
Oltre un miliardo di persone in tutto il mondo hanno assistito all’esibizione e ha ricevuto un’immediata standing ovation.
Avrebbe continuato a registrare la selezione e ad esibirla dal vivo molte altre volte negli anni a venire; l’ultima volta a Filadelfia per Papa Francesco all’Incontro Mondiale delle Famiglie nel settembre 2015.
Un bambino è stato così toccato dalla sua esibizione che è salito sul palco e l’ha abbracciata mentre Franklin cantava ancora.
Il suo ultimo album di Arista, So Damn Happy, è stato pubblicato nel 2003 e comprendeva la canzone vincitrice del Grammy “Wonderful”.

 

Nel 2004, Franklin annunciò che avrebbe lasciato Arista dopo più di 20 anni con l’etichetta.
Per completare i suoi impegni con Arista, Franklin ha pubblicato la compilation di duetti Jewels in the Crown: All-Star Duets with the Queen nel 2007.
L’anno successivo pubblicò l’album natalizio This Christmas, Aretha, su DMI Records. 

 

Nel febbraio 2006 ha eseguito “The Star-Spangled Banner” con Aaron Neville e Dr. John per il Super Bowl XL, tenutosi nella sua città natale di Detroit.
L’8 febbraio 2008, Franklin è stata premiata come persona dell’anno per MusiCares, e ha eseguito “Never Gonna Break My Faith”, che aveva vinto il Grammy per la migliore interpretazione Gospel  l’anno prima. 12 anni dopo, nel giugno 2020 è stata rilasciata un’esibizione inaudita di “Never Gonna Break My Faith” per commemorare Juneteeth con un nuovo video che mostrava il movimento americano per i diritti umani.
Ciò ha portato la canzone ad entrare nelle classifiche gospel di Billboard al numero uno, dando a Franklin la distinzione di aver avuto un numero uno in un disco di ogni decennio dagli anni ’60.
Il 20 gennaio 2009, Franklin ha fatto i titoli dei giornali internazionali per l’esecuzione di “My Country, ‘Tis of Thee” alla cerimonia inaugurale del presidente Barack Obama con il suo cappello da chiesa che è diventato un argomento popolare online.
Nel 2010, Franklin ha accettato una laurea ad honorem dalla Yale University. 
Nel 2011, sotto la sua etichetta, Aretha’s Records, ha pubblicato l’album Aretha: A Woman Falling Out of Love.

Nel 2014, Franklin è stato firmato con la RCA Records, controllore del catalogo Arista e un’etichetta sorella della Columbia tramite Sony Music Entertainment, e ha lavorato con Clive Davis. Era stato pianificato un album con i produttori Babyface e Danger Mouse.
Il 29 settembre 2014, Franklin si è esibita in una standing ovation, con Cissy Houston come backup, una compilation di “Rolling in the Deep” e “Ain’t No Mountain High Enough” di Adele al Late Show con David Letterman. 
La cover di Franklin di “Rolling in the Deep” è stata inclusa tra le altre nove canzoni nella sua prima uscita RCA, Aretha Franklin Sings the Great Diva Classics, pubblicata nell’ottobre 2014. 

 

In tal modo, è diventata la prima donna ad avere 100 canzoni nella classifica Hot R & B / Hip-Hop Songs di Billboard con il successo della sua cover di “Rolling in the Deep” di Adele, che ha debuttato al numero 47 della classifica.
Nel dicembre 2015, Franklin ha tenuto un’acclamata performance di “(You Make Me Feel Like) A Natural Woman” al Kennedy Center Honors 2015 durante la sezione per la premiata Carole King, che ha co-scritto la canzone.
Durante il bridge della canzone, Franklin ha lasciato cadere la sua pelliccia sul palco, per il quale il pubblico l’ha premiata con una standing ovation a metà performance
È tornata al Ford Field di Detroit il Giorno del Ringraziamento 2016 per eseguire ancora una volta l’inno nazionale prima della partita tra i Minnesota Vikings ei Detroit Lions. Seduta dietro il pianoforte, con indosso una pelliccia nera e un berretto a calza dei Lions, Franklin ha dato una resa di “The Star-Spangled Banner” che è durata più di quattro minuti e ha caratterizzato una serie di improvvisazioni.  Franklin ha pubblicato l’album A Brand New Me nel novembre 2017 con la Royal Philharmonic Orchestra, che utilizza registrazioni archiviate da Franklin. 
Ha raggiunto il numero 5 nella classifica Billboard Top Classical Albums prima della sua morte ed è salito al numero 2 dopo la sua morte.
Mentre Franklin ha cancellato alcuni concerti nel 2017 per motivi di salute e durante uno spettacolo all’aperto a Detroit, ha chiesto al pubblico di “tenermi nelle vostre preghiere”, stava ancora ottenendo recensioni molto favorevoli per la sua abilità e capacità di spettacolo.
Al Ravinia Festival il 3 settembre 2017, ha tenuto il suo ultimo concerto completo. L’ultima esibizione di Franklin è stata presso la Cattedrale di St. John the Divine a New York City durante il gala per il 25 ° anniversario di Elton John per la Elton John AIDS Foundation il 7 novembre 2017. 

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

15 pensieri riguardo “Le voci : Aretha Franklin Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: