Vai al contenuto

Guitar corner : Ronnie Wood

Wood ha iniziato la sua carriera come musicista professionista nel 1964 come chitarrista con i Birds, una band R&B con sede a Yiewsley, nel Middlesex. Un popolare spettacolo dal vivo con una considerevole base di fan, i Birds pubblicarono diversi singoli a metà degli anni ’60;  Wood scrisse o co-scrisse quasi la metà delle canzoni registrate dal gruppo. Nel 1967 i Birds si sciolsero e Wood prese brevemente parte a un progetto chiamato Santa Barbara Machine Head prima di unirsi al gruppo di Jeff Beck come bassista. Insieme al cantante Rod Stewart, Wood fece diversi tour con Beck e registrò due album: Truth nel 1968 e Beck-Ola nel 1969. Tra i progetti del Jeff Beck Group, Wood lavorò anche con The Creation.
Nel programma radiofonico di Wood del 14 novembre 2011, sia Wood che Alice Cooper affermano che Wood ha eseguito il basso in The Crazy World of Arthur Brown, sulla hit Fire, ma la biografia di Arthur Brown di Polly Marshall afferma che “Secondo le faces. com, Ronnie afferma di aver suonato nelle sessioni in studio della Track Records registrando Fire, ma deve averlo confuso con la sessione della BBC [dell’8 aprile 1968]. “Non c’è il basso nella registrazione, solo i pedali per basso. Nel 1969, dopo che Steve Marriott lasciò i Small Faces, Wood iniziò a lavorare con i restanti membri di quel gruppo, tornando al suo strumento preferito, la chitarra. Questa formazione, oltre a Rod Stewart e all’ex Bird Kim Gardner, si unì al fratello Art Wood in una formazione chiamata Quiet Melon, realizzando una manciata di registrazioni nel maggio 1969.  Dopo il quinto tour statunitense del Jeff Beck Group a luglio, Wood e Stewart si sono uniti all’ex Small Faces a tempo pieno e il nome della band è stato cambiato in Faces.
Durante l’estate del 1969, Stewart e Wood stabilirono anche il modello di quello che sarebbe diventato The Faces on An Old Raincoat Won’t Ever Let You Down, il primo album solista di Stewart (noto come The Rod Stewart Album negli Stati Uniti). La band di supporto dell’album includeva anche Ian McLagan, Keith Emerson, Micky Waller e i chitarristi Martin Pugh (di Steamhammer e successivamente Armageddon e 7th Order), e Martin Quittenton (anche lui di Steamhammer).
(continua)

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: