Vai al contenuto

Fiati e d’intorni : Don Cherry

Cherry è nato a Oklahoma City, in Oklahoma, da una madre di origine Choctaw attraverso sua nonna materna e un padre afroamericano.
Sua madre e sua nonna suonavano il piano e suo padre suonava la tromba.
Suo padre era proprietario del Cherry Blossom Club di Oklahoma City, che ospitava spettacoli di Charlie Christian e Fletcher Henderson. Nel 1940, Cherry si trasferì con la sua famiglia a Los Angeles, in California. Viveva nel quartiere di Watts e suo padre tendeva al bar al Plantation Club di Central Avenue, che all’epoca era al centro di una vibrante scena jazz. Cherry ha ricordato di aver saltato la scuola alla Fremont High School per suonare con la swing band alla Jefferson High School.  Ciò ha comportato il suo trasferimento alla Jacob Riis High School, una scuola di riforma,  dove ha incontrato per la prima volta il batterista Billy Higgins.

All’inizio degli anni ’50 Cherry suonava con musicisti jazz a Los Angeles, talvolta  come pianista nel gruppo Art Farmer .
Mentre il trombettista Clifford Brown era a Los Angeles con Max Roach, Cherry partecipò a una jam session con Brown e Lawrence Marable a casa di Eric Dolphy, e Brown faceva da mentore informale a Cherry. Ha anche fatto un tour con il sassofonista James Clay.

Cherry divenne famoso nel 1958 quando si esibì e registrò con Ornette Coleman, prima in un quintetto con il pianista Paul Bley e poi in quello che divenne il quartetto prevalentemente senza pianoforte che registrò per la Atlantic Records. Durante questo periodo, “le sue linee … hanno raccolto gran parte della loro libertà di movimento dalle strutture armoniche libere”.  Cherry ha co-condotto la sessione di Avant-Garde che ha visto  John Coltrane rimpiazzare Coleman nel Quartetto, registrato e in tournée con Sonny Rollins, era un membro dei New York Contemporary Five con Archie Shepp e John Tchicai, e registrato e in tournée con Albert Ayler e George Russell. La sua prima registrazione come leader fu Complete Communion per i Blue Note Records nel 1965. La band comprendeva il batterista Ed Blackwell di Coleman e il sassofonista Gato Barbieri, che aveva incontrato durante un tour in Europa con Ayler e il bassista Henry Grimes.

Dopo una partenza dal quartetto di Coleman, Cherry ha spesso suonato in piccoli gruppi e duetti (molti con l’ex batterista Coleman Ed Blackwell) durante un lungo soggiorno in Scandinavia e in altre località.

Nel 1969, Cherry suonò la tromba e altri strumenti per il Songs of Innocence and Experience del LP del poeta Allen Ginsberg del 1970, un adattamento musicale dell’omonima raccolta di poesie di William Blake.  È apparso nel LP Science Fiction del Coleman nel 1971 e dal 1976 al 1987 si è riunito con gli ex-alunni di Coleman  Dewey Redman, Charlie Haden e Blackwell nella band Old And New Dreams,  registrando con loro quattro album, due per ECM e due per Black Saint, dove si notò la sua “sottigliezza di espansione e contrazione ritmica”.

Negli anni ’70 si avventura nel genere in via di sviluppo della musica da fusione mondiale. Cherry ha incorporato influenze della musica mediorientale, tradizionale africana e indiana nel suo modo di suonare. Ha studiato musica indiana con Vasant Rai nei primi anni settanta. Dal 1978 al 1982, ha registrato tre album per ECM con il gruppo “world jazz” Codona, composto da Cherry, il percussionista Nana Vasconcelos e il sitarista e suonatore di tabla Collin Walcott.

Cherry ha anche collaborato con il compositore classico Krzysztof Penderecki sull’album Actions del 1971. Nel 1973, ha co-composto la colonna sonora del film La montagna sacra di Alejandro Jodorowsky, insieme a Ronald Frangipane e Jodorowsky.

Durante gli anni ’80 pubblicò El Corazon, un album di duetti del 1982 con Ed Blackwell. Ha anche realizzato due album come capofila, Home Boy nel 1985 e Art Deco nel 1988. Cherry ha registrato di nuovo con l’originale Ornette Coleman Quartet sull’album del 1987 di Coleman In All Languages,

Altre opportunità di suonare nella sua carriera sono arrivate con il progetto Escalator Over The Hill di Carla Bley e come sideman nelle registrazioni di Lou Reed, Ian Dury, Rip Rig + Panic e Sun Ra.

Nel 1994, Cherry apparve nel CD della compilation della Red Hot Organization, Stolen Moments: Red Hot + Cool, su un brano intitolato “Apprehension”, insieme a The Watts Prophets.  L’album, destinato a sensibilizzare sull’epidemia di AIDS nella società afroamericana, è stato nominato “Album dell’anno” dalla rivista Time.
Discografia :
The Avant Grade– 1961
Complete communion– 1965

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

One thought on “Fiati e d’intorni : Don Cherry Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: