Vai al contenuto

Fiati e d’intorni : George Coleman

Dopo aver lavorato con Ray Charles, Coleman iniziò a lavorare con B.B King nel 1953,  a quel punto passò al sassofono tenore.
Nel 1956 Coleman si trasferì a Chicago, insieme a Booker Little, dove lavorò con Gene Ammons Johnny Griffin prima di unirsi al quintetto di Max Roach (1958-1959). Coleman ha registrato con l’organista Jimmy Smith nel suo album House Party (1957), insieme a Lee Morgan Curtis FullerKenny Burrell e Donald Bailey. Trasferitosi a New York City con Max Roach in quell’anno, continuò a suonare con  Slide Hampton (1959-1962), Ron CarterJimmy Cobb e Bill Davis(1962), prima di unirsi al quintetto di  Miles Davis nel 1963-1964 .
I suoi album con Davis (e la sezione ritmica di Herbie Hancock (pianoforte),  Ron Carter (basso) e Tony Williams (batteria)) sono Seven Steps to Heaven (1963), A Rare Home Town Appearance (1963), Côte Blues ( 1963), In Europa (1963), My Funny Valentine e Four & More, entrambi registrazioni dal vivo di un concerto al Lincoln Center for the Performing Arts di New York City nel febbraio del 1964. Poco dopo questo concerto, Coleman fu sostituito da  Wayne Shorter .
Tuttavia, Davis ha mantenuto un’alta opinione della musica di Coleman, affermando che “George ha suonato tutto quasi perfettamente … Era un inferno di musicista.”
Coleman suonò con Lionel Hampton (1965–1966), anche nel 1965 in The Prestige Sessions di Chet Baker, con Kirk LightseyHerman Wright e Roy Brooks. Clark Terry , Horace SilverElvin Jones (1968),  Shirley Scott (1972), Cedar Walton (1975),  Charles Mingus (1977-1978), Ahmad Jamal (1994, 2000) e molti altri.

Coleman è anche apparso nel film di fantascienza Freejack (1992), con Emilio Estevez, Mick Jagger e Anthony Hopkins; e nel 1996 The Preacher’s Wife, con Denzel Washington e Whitney Houston.

Coleman ha registrato negli anni 2000. Il suo cd come co-leader, Four Generations of Miles: A Live Tribute To Miles, con il bassista Ron Carter, il batterista Jimmy Cobb e il chitarrista Mike Stern è stato pubblicato su Chesky Records nell’ottobre 2002, e si concentra quasi esclusivamente sul repertorio di Miles degli anni ’50 Davis. Le tracce includono:  “All Blues”, “On Green Dolphin Street”, “Blue in Green”, “81”, “Freddie Freeloader”, “My Funny Valentine” e” Oleo “. È apparso su Organic Vibes di Joey DeFrancesco nel 2006, insieme al vibrafonista Bobby Hutcherson, il Top Jazz Album Chart di Billboard, raggiunto il numero 17.

Coleman era sposato con l’organista jazz Gloria Coleman. Avevano due figli, tra cui il batterista jazz George Coleman Jr., e divorziarono.

È stato nominato NEA Jazz Master e alla Memphis Music Hall of Fame nel 2015, e ha ricevuto una nota d’ottone sulla Walk of Fame di Brass Notes di Beale Street.

Discografia
Amsterdam after dark– 1978
Manhattan panorama– 1985

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: