Vai al contenuto

Bass corner : Miroslav Vitous

Nato a Praga, ha iniziato il violino all’età di sei anni  e ha iniziato a suonare il piano all’età di dieci anni e il basso a quattordici anni. Da giovane in Europa, Vitouš era un nuotatore competitivo. Uno dei suoi primi gruppi musicali era il Junior Trio con suo fratello Alan alla batteria e Jan Hammer alla tastiera. Ha studiato musica al Conservatorio di Praga (sotto František Pošta),  e ha vinto un concorso musicale a Vienna che gli ha dato una borsa di studio al Berklee College of Music.
Nel 1967, a Chicago, Miles Davis vide Vitouš suonare con  Clark Terry e lo invitò a unirsi al suo gruppo per una residenza al The Village Gate di New York City. Il suo album  Embryo / Atlantic del 1970 Infinite Search alias “Mountain In The Clouds” è stato registrato con John McLaughlin, Herbie Hancock, Jack DeJohnette e Joe Henderson. Quell’anno, ha anche registrato “Purple” per la Columbia Records con McLaughlin, Billy Cobham e Joe Zawinul.Ha anche lavorato con Chick Corea, Larry Coryell, Jan Garbarek, Freddie Hubbard, Michel Petrucciani, Terje Rypdal,  Wayne Shorter e Joe ZawinulNel 1970 è stato membro fondatore del gruppo Weather report.  Nel 1973 fu sostituito da Alphonso Johnson. Ha dichiarato: “Mi è piaciuto molto l’inizio, ma alla fine si è trasformato in un po ‘di resistenza perché Joe Zawinul voleva andare in un’altra direzione. La band stava cercando successo e fama e hanno sostanzialmente cambiato la loro musica in  un giro commerciale in una cosa funk nera “. Si sentiva anche offeso finanziariamente. “Ero un partner paritario e fondamentalmente, non ho ottenuto nulla. Avevamo una società insieme che è stata completamente ignorata. Se hai una società e tre persone la possiedono, e poi due persone dicono ‘Ok, non vogliamo per lavorare più così. Siamo solo in due ora “, normalmente, scompongono le scorte e pagano la terza persona”.
Nel 1981 si è esibito al Woodstock Jazz Festival, in occasione del decimo anniversario del Creative Music Studio. Nel 1984 ha collaborato con Stanley Clarke.
Nel 1988 Vitouš tornò in Europa per concentrarsi sulla composizione, ma continuò comunque a esibirsi nei festival.
Nel 2001, Vitouš si riunì con Corea e Roy Haynes (nei panni del trio Now He Sings, Now He Sobs) per un concerto in una serie intitolata “Rendezvous in New York” in occasione del sessantesimo compleanno di Corea. L’album omonimo uscì nel 2003 e gli valse la Corea un Grammy Award per il miglior jazz improvvisato da solista per la composizione “Matrix”.

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: