Vai al contenuto

Le bands : Megadeth

L’11 aprile 1983, Dave Mustaine fu licenziato dai Metallica poco prima che la band registrasse il loro album di debutto  Kill em all a causa dell’abuso di sostanze e dei conflitti personali con James Hetfield e Lars Ulrich. Come chitarrista solista dei Metallica dal 1981, Mustaine aveva composto alcune delle prime canzoni del gruppo e aiutato ad affinare la band in una live unit.
Successivamente, Mustaine giurò vendetta formando una band che era più veloce e più pesante dei Metallica.
Durante il viaggio di ritorno in autobus a Los Angeles, Mustaine ha trovato un opuscolo del senatore della California Alan Cranston che recitava: “L’arsenale di megadeath non può essere liberato, non importa a cosa giungano i trattati di pace.”
Il termine “Megadeath” è rimasto incastrato con Mustaine e scrisse una canzone con l’ortografia leggermente cambiata in Megadeth, che, secondo Mustaine, rappresentava l’annientamento del potere.
Dopo essere tornato a Los Angeles, Mustaine iniziò la ricerca di nuovi compagni di band. Ha formato una band con i suoi nuovi vicini David Ellefson e Greg Handevidt, che si erano trasferiti dal Minnesota e suonavano il basso e la chitarra. Mentre Handevidt sarebbe durato solo pochi mesi, Mustaine ed Ellefson hanno stretto uno stretto legame musicale. Nonostante il suo entusiasmo, Mustaine ha avuto difficoltà a trovare altri membri per completare la formazione. Lui ed Ellefson hanno fatto il provino per una quindicina di batteristi, sperando di trovarne uno che comprendesse i cambiamenti dei tempo nella musica. Dopo aver brevemente suonato con Dijon Carruthers, hanno scelto Lee Rausch. Dopo sei mesi di tentativi di ricerca di un cantante solista, Mustaine ha deciso di ricoprire il ruolo da solo.
Nel 1984,i Megadeth registrarono un nastro demo di tre canzoni con Mustaine, Ellefson e Rausch.
Il nastro demo, Last Rites, è stato rilasciato il 9 marzo 1984. La demo presentava le prime versioni di “Last Rites / Loved to Death”, “The Skull Beneath the Skin” e “Mechanix”, tutti apparsi sulla band album di debutto.
La band non è stata in grado di trovare un secondo chitarrista compatibile. Kerry King degli Slayer ha suonato la chitarra ritmica per diversi spettacoli nella zona di San Francisco nella primavera del 1984.  Successivamente, King tornò agli Slayer e i Megadeth sostituirono Rausch con il batterista della jazz fusion Gar Samuelson. Samuelson aveva precedentemente suonato nella band jazz del chitarrista Chris Poland. Dopo aver visto Samuelson esibirsi con i Megadeth come trio, Poland è andata nel backstage e ha suggerito un’audizione improvvisata come chitarrista solista per la band; è entrato a far parte di Megadeth nel dicembre 1984.
Dopo aver preso in considerazione diverse etichette, Mustaine ha messo sotto contratto la band con Combat Records, una casa discografica indipendente con sede a New York che ha offerto a Megadeth il budget più alto da registrare e fare tournée.
Nel 1985,  Combat Records diede alla band $ 8.000 per registrare e produrre il loro album di debutto. Dopo aver speso $ 4.000 del budget per droghe, alcol e cibo, la band ha licenziato il produttore originale e ha finito la registrazione da sola.
Nonostante il suo suono a bassa fedeltà,  Killing is my businness! ebbe relativamente successo nei circoli underground e attirò l’interesse delle maggiori etichette.

Lo scrittore di musica Joel McIver ha elogiato la sua “tecnica accecante” e ha affermato che l’album “ha alzato il tiro per l’intera scena del thrash metal, con i chitarristi costretti a esibirsi in modo ancora più accurato e potente”.
La cover ha segnato il debutto della mascotte della band Vic Rattlehead, che apparirà regolarmente nelle successive copertine degli album.
Contiene “Mechanix”, una canzone che Mustaine ha scritto durante il suo periodo con i Metallica. Sebbene Mustaine abbia detto alla band dopo il suo licenziamento di non usare la musica che aveva scritto, i Metallica registrarono una versione diversa della canzone, “The Four Horsemen”, con un ritmo più lento e una sezione centrale melodica. L’album includeva anche una cover di “These Boots Are Made for Walkin ‘” di Nancy Sinatra a un ritmo più veloce e con testi alterati. La versione dei Megadeth generò polemiche negli anni ’90, quando il suo scrittore Lee Hazlewood definì i cambiamenti di Mustaine “vili e offensivi”.
Sotto la minaccia di un’azione legale, il brano è stato rimosso dalle stampe pubblicate dal 1995 al 2001.
A metà del 1985, su un conto con la band canadese speed metal Exciter, i Megadeth hanno fatto il loro primo tour in Nord America:  Killing for a Living Tour.
Il chitarrista Mike Albert ha sostituito Poland, che stava combattendo la tossicodipendenza.
Poland raggiunse Megadeth nell’ottobre 1985, poco prima che il gruppo iniziasse a registrare il suo secondo album per Combat.

 

 

Secondo Mustaine, i Megadeth erano sotto pressione per pubblicare un altro album di successo: “Quella seconda offerta è il ‘be-all or end-all’ di qualsiasi band.
O vai al livello successivo, o è l’inizio del nadir.”
Le canzoni sono state sviluppate in tempi relativamente brevi in ​​un vecchio magazzino a sud di Los Angeles prima che iniziasse la registrazione.  Mustaine ha composto la musica, con gli altri membri che hanno aggiunto idee per l’arrangiamento.

L’album è stato prodotto con un budget di $ 25.000 da Combat Records.
Insoddisfatta dei suoi limiti finanziari, la band lasciò Combat e firmò con la Capitol Records.
Capitol ha acquistato i diritti dell’album e ha assunto il produttore Paul Lani per remixare le registrazioni precedenti. Pubblicato alla fine del 1986, Peace Sells … but Who’s Buying? ha una produzione più chiara e una scrittura più sofisticata.
Mustaine voleva scrivere testi socialmente consapevoli, a differenza delle band heavy metal tradizionali che cantavano di “piaceri edonistici”.
L’album è stato notato per i suoi commenti politici e ha aiutato i Megadeth ad espandere la sua base di fan.
La title track era il singolo principale dell’album ed era accompagnata da un video musicale che è stato trasmesso regolarmente su MTV.

Nel febbraio 1987, i Megadeth furono l’atto di apertura del tour Constrictor di Alice Cooper e il mese successivo iniziò il suo primo tour mondiale da headliner nel Regno Unito.
Il tour di 72 settimane è stato supportato da Overkill e Necros, ed è continuato negli Stati Uniti.
Durante il tour, Mustaine ed Ellefson hanno considerato di licenziare Samuelson per il suo abuso di droga.
Secondo Mustaine, Samuelson era diventato troppo da gestire quando era intossicato.
Il batterista  Chuck Behler è andato in tour con i Megadeth per le ultime date del tour poiché gli altri membri della band temevano che Samuelson non sarebbe stato in grado di continuare.
Poland ha litigato con Mustaine, ed è stato accusato di vendere attrezzature per bands per comprare eroina.
Di conseguenza, Samuelson e Poland furono invitati a lasciare i Megadeth nel 1987, con Behler che divenne il batterista a tempo pieno della band.

Poland fu inizialmente rimpiazzato da Jay Reynolds dei Malice, ma quando la band iniziò a lavorare al suo successivo disco, Reynolds fu sostituito dal suo insegnante di chitarra, Jeff Young, quando i Megadeth erano a sei settimane dall’inizio della registrazione del loro terzo album.

Con un budget da major, So Far, So Good … So What! Prodotto da Paul Lani ha impiegato più di cinque mesi per essere registrato.
La produzione è stata afflitta da problemi, in parte a causa della lotta di Mustaine con la tossicodipendenza.
Mustaine in seguito disse: “La produzione di So Far, So Good … So What! È stata orribile, principalmente a causa delle sostanze e delle priorità che avevamo o non avevamo in quel momento.”
Mustaine si è scontrato con Lani, a cominciare dall’insistenza di Lani che la batteria fosse registrata separatamente dai piatti, un processo inaudito per i batteristi rock.
Mustaine e Lani si sono allontanati durante il missaggio e Lani è stato sostituito da Michael Wagener, che ha remixato l’album.
Rilasciato nel gennaio 1988 ed è stato ben accolto da fan e critici.
L’album conteneva una cover di “Anarchy in the U.K.” dei Sex Pistols; Mustaine ha cambiato i testi, dicendo in seguito che li aveva semplicemente ascoltati in modo errato. Per supportare l’album, i Megadeth si sono imbarcati in un tour mondiale che è durato quasi otto mesi.
La band (insieme a Savatage) ha aperto per  Dio nel Dream Evil tour e ha supportato gli  Iron Maiden nel loro Seventh Son of a Seventh Son tour, entrambi negli Stati Uniti.  Hanno anche partecipato a un tour in Nord America con Warlock and Sanctuary (il cui album di debutto Refuge Denied è stato prodotto da Mustaine), e un tour in Europa con TestamentNuclear AssaultFlotsam and Jetsam e Sanctuary.
Nel giugno 1988 i  Megadeth apparvero nel documentario di Penelope Spheeris The Decline of Western Civilization Part II: The Metal Years.
Il documentario raccontava la scena heavy metal di Los Angeles alla fine degli anni ’80 e Spheeris, che aveva diretto i Megadeth nel video di “Wake Up Dead”, decise di includerli per presentare una band più seria in contrasto con i gruppi glam metal.
Mustaine ha ricordato il film come una delusione, poiché ha allineato i Megadeth con “un mucchio di band di merda”.
Ad agosto, la band è apparsa al festival Monsters of Rock a Castle Donington nel Regno Unito, esibendosi davanti a un pubblico di oltre 100.000 persone.
Uno spettacolo prevedeva l’apparizione come ospite del batterista dei Metallica (ed ex compagno di band di Mustaine) Lars Ulrich.
La band fu aggiunta al tour europeo di Monsters of Rock, ma lasciò dopo il primo spettacolo a causa dei problemi di droga di Ellefson, per i quali fu curato immediatamente.
I Megadeth è furono sostituiti dai Testament.
Poco dopo l’apparizione dei Monsters of Rock, Mustaine licenziò Behler e Young e cancellò il tour australiano dei Megadeth. “Sulla strada, le cose si sono intensificate da una piccola scaramuccia di confine a una guerra violenta”, ha ricordato in seguito Mustaine.
“Penso che molti di noi fossero incoerenti a causa delle [droghe].”
Durante il tour, Mustaine notò problemi in via di sviluppo con Behler e chiamò il batterista Nick Menza come tecnico della batteria di Behler.
Come con Samuelson, ci si aspettava che Menza prendesse il sopravvento se Behler non avesse potuto continuare il tour.
Menza ha sostituito Behler nel 1989.
Il licenziamento di Young è il risultato dei sospetti di Mustaine di avere una relazione con la sua ragazza, un’accusa che Young ha negato.
La band non è stata in grado di trovare rapidamente un sostituto adatto per Young. Sebbene il 1989 abbia segnato la prima volta dal suo inizio in cui i Megadeth non hanno fatto tour né si sono esibiti in almeno uno spettacolo, hanno registrato una cover di “No More Mr. Nice Guy” di Alice Cooper, che è apparsa nella colonna sonora del film horror di Wes Craven Shocker.
Il video è stato diretto da Penelope Spheeris, che ha ricordato le riprese come un “compito erculeo” poiché Mustaine non era in grado di suonare la chitarra a causa della sua tossicodipendenza.
Durante le audizioni del marzo 1989 per un nuovo chitarrista solista, Mustaine fu arrestato per guida sotto l’influenza e in possesso di narcotici dopo essersi schiantato contro un veicolo parcheggiato occupato da un agente di polizia fuori servizio.
Mustaine è entrato in un centro di riabilitazione dalla droga ordinato dal tribunale poco dopo ed è diventato libero dalla droga per la prima volta in dieci anni.
Con Mustaine sobrio, i Megadeth continuarono a cercare un nuovo chitarrista solista.
Alle audizioni c’erano Lee Altus degli Heathen ed Eric Meyer dei Dark Angel.
Meyer è stato invitato a unirsi alla band dopo la partenza di Poland
, ma ha scelto di rimanere con Dark Angel.
Il chitarrista dei  Guns ‘n’ roses Slash aveva suonato con Mustaine ed Ellefson, e anche se sembrava che potesse unirsi ai Megadeth, rimase con i Guns N’ Roses.
A Dimebag Darrell dei Pantera fu offerto il lavoro, ma l’accordo fallì dopo che Mustaine rifiutò la sua richiesta di reclutare suo fratello, il batterista dei Pantera Vinnie Paul, poiché aveva già assunto Menza.
L’offerta è stata estesa anche a Criss Oliva che ha  rifiutato perché non voleva lasciare i Savatage.
Jeff Loomis, che in seguito avrebbe formato i titani del progressive metal Nevermore, fece anche un’audizione sebbene Mustaine lo considerasse troppo giovane per unirsi a lui dato che Loomis aveva solo 18 anni all’epoca.

 

 

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: