Vai al contenuto

Guitar corner : Mike Stern

Stern è nato Michael Sedgwick a Boston, nel Massachusetts, figlio di Helen (Burroughs) e Henry Dwight Sedgwick V.
Stern è cresciuto a Washington, DC, e ha frequentato il Berklee College of Music di Boston.
Quando aveva ventidue anni, divenne membro dei : Blood, sweat & tears e trascorse tre anni con la band, apparendo negli album More Than Ever e Brand New Day.
Nel 1979, si unì alla band fusion di Billy Cobham. Due anni dopo si unì a Miles Davis, facendo il suo debutto in pubblico nel 1981, in una performance registrata sull’album We Want Miles. Rimase con Davis per tutto il 1983 fino a quando non fu sostituito dal chitarrista John Scofield. A quel tempo, Stern era un forte bevitore e utilizzatore di eroina. In un’intervista del 2009, ha detto: “Se Miles vuole metterti in riabilitazione, sai che hai qualcosa di sbagliato”.Dal 1983 al 1984 è andato in tournée con  Jaco Pastorius (un periodo caratterizzato anche da un forte consumo di droghe) e nel 1985 è tornato in tournée con Davis. Stern e sua moglie erano in riabilitazione; furono anche aiutati da Michael Brecker e altri.
Il debutto solista di Stern, Upside Downside, con Jaco Pastorius David Sanborn e Bob Berg, è stato pubblicato su Atlantic Records nel 1986. Dal 1986 al 1988, è stato membro del quintetto di Michael Brecker, apparendo in Don’t Try This at Home.

Il suo secondo album Atlantic, Time in Place del 1988, comprendeva Peter Erskine alla batteria, Jim Beard alle tastiere, Jeff Andrews al basso,  Don Alias alle percussioni e Don Grolnick all’organo. Il suo album successivo, Jigsaw, è stato prodotto dal chitarrista Steve Khan e includeva la canzone “Chief”, il tributo di Stern a Miles Davis.
Nel 1989, Stern ha formato un gruppo itinerante con Bob Berg,  Dennis Chambers e Lincoln Goines. Sono rimasti insieme fino al 1992 e sono presenti nell’album Odds or Evens. Nel 1992, Stern si unì a una Brecker Brothers Band riunita per due anni. Il suo acclamato album del 1993, Standards (and Other Songs), lo ha portato a essere nominato miglior chitarrista jazz dell’anno dai lettori e dai critici di Guitar Player. Lo ha seguito con Is What It Is del 1994 e Between the Lines del 1996, entrambi nomination ai Grammy Award. Nel 1997 ha pubblicato Give and Take, con il bassista John Patitucci, il batterista Jack DeJohnette, il percussionista Don Alias e gli ospiti speciali Michael Brecker e David Sanborn. Ha vinto l’Orville W. Gibson Award come miglior chitarrista jazz.

Dopo quindici anni con l’Atlantic, Stern ha firmato con la ESC Records per l’uscita nel 2004 di These Times, un album eclettico che includeva le apparizioni come ospiti del bassista Richard Bona, del sassofonista Kenny Garrett e della banjoista Béla Fleck. Si è unito all’etichetta Heads Up con l’uscita dell’agosto 2006 di Who Let the Cats Out? Nel 2008, ha collaborato con gli Yellowjackets per il loro album Lifecycle, contribuendo con due composizioni e suonando sulla maggior parte dei brani, ed è stato in tour con gli Yellowjackets per gran parte del 2008 e del 2009. Nel febbraio 2009, nel primo di una serie di articoli che celebravano Down Nel 75 ° anniversario di Beat, Stern è stato nominato uno dei 75 grandi chitarristi di tutti i tempi.
Nell’agosto 2009, Stern ha pubblicato Big Neighbourhood, che è stato nominato per un Grammy Award come miglior album di jazz contemporaneo.

Il 21 gennaio 2012 gli è stato conferito il Certified Legend Award della rivista Guitar Player, che gli è stato conferito durante la serata di chitarra All-Star di Muriel Anderson, dove si è esibito con Lee Ritenour. Altri chitarristi che hanno vinto il premio includono Les Paul, Duane Eddy, Dick Dale, Larry Carlton e Tommy Emmanuel. Nel giugno dello stesso anno, Stern pubblicò All Over the Place, con il trombettista Randy Brecker, i sassofonisti Kenny Garrett, Chris Potter, Bob Franceschini e Bob Malach, i batteristi Dave Weckl, Keith Carlock, Lionel Cordew, Al Foster, Kim Thompson, tastierista / produttore Jim Beard e la moglie, chitarrista e cantante di Stern Leni Stern. I bassisti acustici ed elettrici presenti includevano Esperanza Spalding, Richard Bona, Victor Wooten, Anthony Jackson, Dave Holland, Tom Kennedy, Will Lee e Victor Bailey.

Nel 2014, Stern è stato in tour con il chitarrista Eric Johnson nell’Eclectic Guitar Tour. Hanno registrato un album con lo stesso nome.

Nell’estate del 2016, Stern ha riportato gravi lesioni alle spalle e al braccio destro dopo essere inciampato e caduto. Terminò il suo tour europeo e dovette modificare la sua tecnica di esecuzione per continuare a suonare. Nell’estate del 2017 è tornato in Europa in tour con una nuova formazione chiamata Mike Stern / Randy Brecker Band, con Randy Brecker (tromba), Teymur Phell (basso) e Lenny White (batteria).

Nel 2017, Stern ha registrato “Mike Stern: Burn with Stern!”, Una serie di video didattici di chitarra jazz per TAGAPublishing.com.
Discografia :
Upside Downside– 1986
Time in a place– 1988

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: