Parlando di bands : Camel

Andrew Latimer (chitarra), Andy Ward (batteria) e Doug Ferguson (basso) avevano suonato come un trio chiamato Brew intorno a Guildford, nel Surrey, in Inghilterra.
Il 20 febbraio 1971, fecero l’audizione per essere la band di supporto del cantante / cantautore Phillip Goodhand-Tait e pubblicarono un album con lui nell’agosto 1971 intitolato I Think I’ll Write a Song su DJM Records. Questo sarebbe il loro primo e ultimo album con Goodhand-Tait.
Reclutarono  Peter Bardens (tastiere) e dopo un primo concerto per adempiere all’impegno di Bardens l’8 ottobre 1971 a Belfast, nell’Irlanda del Nord con il nome di “Peter Bardens” On, cambiarono il loro nome in Camel.
Il loro primo concerto fu al Waltham Forest Technical College, a Londra, sostenendo i  Wishbone Ash il 4 dicembre 1971.
Nell’agosto 1972 i Camel firmarono con la MCA Records e il loro omonimo album di debutto Camel (1973) fu pubblicato sei mesi dopo.

Il disco non ebbe successo e la band passò alla divisione Deram Records della Decca Records (UK).
Nel 1974 pubblicarono il loro secondo album, l’acclamato dalla critica Mirage , sul quale Latimer dimostrò di essere anche un esperto di flauto. Anche se non è riuscito ad entrare in classifica in patria, ha ottenuto successo sulla costa occidentale degli Stati Uniti, provocando un tour di tre mesi lì.

Rilasciato nel 1975, il concept album strumentale e orchestrato The Snow Goose, ispirato all’omonimo racconto di Paul Gallico, fu l’album rivoluzionario che portò ai Camel più attenzione e successo, ma non senza difficoltà, sotto forma di una causa intentata contro di loro di Gallico.

Diversi siti web  affermano erroneamente che la ragione di ciò era che Gallico “detestava fumare” e pensava che la band fosse collegata al marchio di sigarette (l’artwork per la copertina di Mirage sono, dopotutto, semplicemente una rielaborazione “miragey” del grafica del pacchetto di sigarette).
In realtà Gallico si descriveva come “un tossicodipendente del vizio in tutte le sue forme più nere”  e la sua obiezione era semplicemente fondata sulla violazione del copyright . Di conseguenza, i Camel hanno aggiunto il prefisso “Musica ispirata da …” alla copertina dell’album e ha rimosso le note della storia dalla copertina posteriore.
Il successo dell’album portò a un prestigioso concerto tutto esaurito alla Royal Albert Hall di Londra, con la London Symphony Orchestra il 17 ottobre 1975.
Il quarto album, Moonmadness nel 1976, continuò il successo, ma fu l’ultimo a presentare la formazione originale.

Il sassofono e il flauto di Mel Collins  hanno aumentato la band per il tour successivo, iniziando un’associazione di otto anni. Il batterista Ward stava spingendo verso una direzione più jazz e questa richiesta di Ferguson portò alla sua partenza all’inizio del 1977.
Ferguson formò la band Headwaiter e in seguito divenne uno sviluppatore di proprietà. Sia Snow Goose che Moonmadness sono stati certificati Silver dal BPI.
Richard Sinclair (precedentemente nei Caravan) sostituì Ferguson e Mel Collins si unì alla band in veste ufficiale. Questa formazione ha pubblicato Rain Dances (1977) e Breathless (1978). Quest’ultimo è stato l’ultimo album a presentare Bardens, che ha annunciato la sua partenza prima del tour di supporto. Fu sostituito da due tastieristi: Dave Sinclair (cugino di Richard e anche di Caravan) e Jan Schelhaas (anche lui di Caravan). I cugini Sinclair hanno entrambi lasciato la band dopo il tour, sostituiti dal tastierista Kit Watkins e dal bassista Colin Bass. Collins ha anche smesso di lavorare in veste ufficiale con la band in questo momento.

 

Questa formazione ha registrato il più commerciale I Can See Your House from Here (1979), un album che ha causato problemi agli inserzionisti a causa della sua copertina irriverente, mostrando un astronauta crocifisso che guarda la Terra. L’album è stato il più vario di Camel fino ad oggi, spaziando dal frenetico “Wait”, attraverso la lussureggiante orchestrazione (“Who We Are”, “Survival”) e l’elettronica allegra e leggera del sequencer (“Remote Romance”) fino ai 10 -minuti della conclusione strumentale “Ice”, che mostra la chitarra emotiva lead di Latimer.

I Camel tornarono al concept album per la loro successiva registrazione: Nude (1981) è basato su una storia vera di un soldato giapponese (Hiroo Onoda) trovato su un’isola molti anni dopo la fine della seconda guerra mondiale, non avendo capito che la guerra era finita.

Duncan Mackay ha fornito la maggior parte delle tastiere al posto di Watkins e Schelhaas, che erano coinvolti in altri progetti, ma sono tornati per il tour. Questo è stato il primo album a presentare i testi della futura moglie di Latimer, Susan Hoover (che in effetti aveva contribuito con idee liriche, anche se anonime, a I Can See …). A metà del 1981, Ward smise di suonare la batteria a causa dell’abuso di alcool e droga e i Camel si sciolsero  silenziosamente. Anni dopo fu rivelato che Ward aveva tentato il suicidio. Senza una band, ma un contratto da soddisfare e pressioni da parte di Decca per una “canzone di successo”, Latimer è stato affiancato da una serie di musicisti ospiti e di sessione, tra cui il bassista David Paton, il cantante Chris Rainbow e il chitarrista / tastierista  Anthony Phillips presso lo studio di Abbey Road all’inizio del 1982. L’album risultante, intitolato The Single Factor, era molto diverso dai primi suoni hard rock / progressivi della band, ma raschiava le regioni più basse delle classifiche e permetteva un tour del decimo anniversario di successo, con David Paton, Chris Rainbow , Kit Watkins, Stuart Tosh (batteria) e Andy Dalby (chitarra) che accompagnano Latimer.

Le controversie legali sui diritti d’autore sono quindi iniziate con il loro ex manager, che ha impiegato cinque anni per risolvere.Ton Scherpenzeel (della band prog-rock olandese Kayak) si è unito a Latimer come nuovo tastierista dei Camel con Paul Burgess (ex-10cc) alla batteria per Stationary Traveller del 1984.

Colin Bass è tornato (per sempre) per riempire la posizione dei bassi per il tour, che includeva anche Chris Rainbow sul supporto e voci soliste occasionali e alcune tastiere. Per gli spettacoli di Hammersmith Odeon che sono stati girati, è stato aggiunto anche un altro tastierista, Richie Close (morto alcuni anni dopo per la malattia dei legionari), e gli ex membri Peter Bardens e Mel Collins hanno fatto le loro apparizioni come ospiti.Dopo il rilascio del risultante Pressure Point dal vivo alla fine del 1984, il contratto con Decca terminò. Latimer non fu in grado di interessare altre case discografiche britanniche e Camel scomparve silenziosamente dalla scena musicale. Latimer decise di trasferirsi a Mountain View, in California, quando la causa si concluse a suo favore.
Dopo una pausa di sette anni, Latimer rianimò il nome Camel, pubblicando un nuovo album, Dust and Dreams, nel 1991.

Parte di essa era stata effettivamente registrata già nel 1988, prima della partenza di Latimer negli Stati Uniti, e comprendeva tutti i membri della precedente incarnazione, ad esempio Colin Bass, Paul Burgess, Ton Scherpenzeel, insieme a un numero di musicisti aggiuntivi. L’album, ispirato al romanzo classico di John Steinbeck The Grapes of Wrath (1939), è in gran parte strumentale. È stato pubblicato con la stessa etichetta di Latimer Camel Productions e, mentre secondo alcuni è stato un ritorno trionfale alle loro radici progressive, per altri è stato uno sforzo deludente nel mezzo della strada. La paura di Scherpenzeel di volare lo rese in gran parte non disponibile per il tour. Così l’ex Fish Mickey Simmonds si unì a Latimer, Bass e Burgess per il tour mondiale del 1992 “, da cui nel 1993 un doppio CD dal vivo, registrato nei Paesi Bassi, Never Let Go, è stato rilasciato. Nel 1994, ex membri Bardens e Ward formarono Mirage con membri di Caravan. In questa incarnazione, hanno suonato in un breve tour europeo, con una scaletta che includeva numerosi pezzi dei Camel, ma ha rapidamente lasciato il posto a una band guidata dai Bardens senza altri alumni dei Camel o dei Caravan.

Ispirato dalla morte di suo padre, Latimer e Hoover scrissero Harbour of Tears (soprannome per Cobh (pronunciato “baia”) in Irlanda da cui molti salparono per gli Stati Uniti durante la carestia di patate tra il 1845 e il 1852) sotto il nome di Camel , che è stato rilasciato nel 1996.

Nel 1997 Camel fece nuovamente un tour della costa occidentale degli Stati Uniti, del Giappone e dell’Europa (come avevano fatto nel 1992) con una line-up composta da Latimer, Bass e il nuovo batterista Dave Stewart, supportato da Foss Patterson alle tastiere. Il tour ha prodotto Coming of Age, un doppio CD live e un video VHS nel 1998 e un DVD nel 2002.Nel 1999 Latimer, Stewart, Bass e Scherpenzeel registrarono Rajaz, un disco ispirato all’antico metro poetico arabo con lo stesso nome che riflette il ritmo dei passi dei cammelli nel deserto.

Il batterista Stewart lasciò la band quando gli fu offerta la possibilità di gestire un negozio di batteria in Scozia prima del successivo tour live, per essere sostituito dal franco canadese Denis Clement alla batteria, e Scherpenzeel lasciò il gruppo e fu sostituito da Guy LeBlanc alle tastiere. Latimer, Bass, LeBlanc e Clement hanno poi fatto un tour in Sud America nel 2001.Nel 2002 questo quartetto pubblicò A Nod and a Wink, un album riflessivo e morbido, che mostra in primo piano il flauto di Latimer.

L’album è stato dedicato a Peter Bardens, morto nel gennaio 2002.Dopo alcuni tour dal vivo un po ‘travagliati degli ultimi anni, la Camel Productions ha annunciato che il tour del 2003 è stato il “Tour di addio” dei Camel. Il tastierista Guy LeBlanc ha dovuto abbandonare poco prima di mettersi in viaggio a causa della malattia di sua moglie, ed è stato sostituito da Tom Brislin (negli Stati Uniti) e da un Ton Scherpenzeel che viaggia in treno (tappa europea). La tappa americana del tour è stata evidenziata da un’apparizione principale al NEARfest, il festival di rock progressivo più prestigioso del mondo.Latimer ha iniziato a lavorare su versioni acustiche del vecchio materiale Camel, ma questo è stato interrotto. Nel 2006, Latimer ha accettato un invito all’audizione per un ruolo di chitarra / voce durante il tour di Roger Waters, la posizione alla fine è stata ricoperta da Dave Kilminster.Nell’ottobre 2006 Latimer ha completato il suo ritorno nel Regno Unito con l’intenzione di registrare e pubblicare i futuri album dei Camel dal suo paese d’origine e di completare un progetto iniziato nel 2003 con Andy Ward e Doug Ferguson. Nel maggio 2007, Susan Hoover ha annunciato attraverso il sito Web e la newsletter di Camel Productions che Andrew Latimer ha sofferto di una progressiva malattia da policitemia vera dal 1992 che è passata alla mielofibrosi. Questo è stato uno dei motivi per cui Camel ha smesso di girare per molto tempo. Latimer è stato sottoposto a chemioterapia e trapianto di midollo osseo nel novembre 2007. Ha risposto bene al trattamento, ma ha sofferto di affaticamento e cicli di forti dolori articolari. Nella newsletter di settembre 2008, ha riferito che Latimer stava gradualmente riprendendo forza e stanno adottando uno stato d’animo positivo che Camel alla fine sarà in grado di svolgere un mini-tour e pubblicare un nuovo album in studio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
(continua)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...