Guitar Corner : Albert Collins ★

Collins è nato a Leona, in Texas, il 1 ° ottobre 1932.
Fu introdotto alla chitarra in tenera età da suo cugino Lightnin’ Hopkins, anch’egli residente a Leona, che suonava alle riunioni di famiglia. La famiglia Collins si trasferì a Marquez, in Texas, nel 1938 e a Houston nel 1941,  dove frequentò la Jack Yates High School.
Collins prese lezioni di pianoforte quando era giovane, ma quando il suo tutor di pianoforte non era disponibile, suo cugino Willow Young prestava ad Albert la sua chitarra e gli insegnava l’accordatura alterata che usò durante la sua carriera. Collins accordò la sua chitarra su un accordo di Fa minore (FCFAbCF), con un capo al 5 °, 6 ° o 7 ° tasto.
All’età di dodici anni, decise di concentrarsi sull’apprendimento della chitarra dopo aver ascoltato “Boogie Chillen” di John Lee Hooker.
A diciotto anni, Collins fondò il suo gruppo, i Rhythm Rockers, in cui affinava la sua arte. Durante questo periodo fu impiegato per quattro anni in un ranch a Normangee, in Texas; per dodici anni ha lavorato come camionista per varie aziende. Collins suonò una chitarra Epiphone durante i suoi primi due anni con i Rhythm Rockers, ma nel 1952, dopo aver visto Clarence “Gatemouth” Brown suonare un Fender Esquire, decise di acquistare un Fender. Voleva una Telecaster, ma a causa del costo scelse di acquistare una Esquire, che portò alla Parker Music Company di Houston per essere equipaggiato con un neck Telecaster. Questa è stata la sua chitarra principale fino a quando non si è trasferito in California, ed è stata la chitarra che ha usato nelle sue prime registrazioni, tra cui la sua canzone “Frosty”.
Per il resto della sua carriera ha interpretato un “corpo in acero”, corpo in frassino naturale incastrato Fender 1966 Custom Telecaster con pickup humbucking Gibson PAF adattato alla posizione del manico, che divenne la base per un modello a sua firma Fender Custom Artist  nel 1990 .
Nel 1954 Collins, all’età di 22 anni e senza una pubblicazione discografica, si unì ai Rhythm Rockers dal diciassettenne Johnny Copeland, che aveva appena lasciato i Dukes of Rhythm (una band che aveva iniziato con il musicista blues di Houston ).
Collins iniziò a suonare regolarmente a Houston, in particolare allo Shady’s Playhouse, dove James “Widemouth” Brown (fratello di Gatemouth Brown)  Joe “Guitar” Hughes e altri noti musicisti blues di Houston si sarebbero incontrati per le jam del “Blue Monday”.
A metà degli anni ’50 si era affermato come chitarrista locale e aveva iniziato ad apparire regolarmente in un club del quinto rione, Walter’s Lounge, con il gruppo Big Tiny and the Thunderbirds.
Il sassofonista e insegnante di musica Henry Hayes ha sentito parlare di Collins da Joe “Guitar” Hughes. Dopo averlo visto esibirsi dal vivo, Hayes ha incoraggiato Collins a registrare un singolo per Kangaroo Records, un’etichetta che aveva iniziato con il suo amico M. L. Young.
Collins ha registrato il suo singolo di debutto, “Freeze”, sostenuto da “Collins Shuffle”, per l’etichetta ai Gold Star Studios, a Houston, nella primavera del 1958, con Hayes al sassofono.
Le bande blues del Texas di questo periodo incorporaravano una sezione di fiati e Collins in seguito accreditò a Hayes di avergli insegnato come arrangiare quest’ultimi.
Nel 1964 registrò “Frosty” presso la Gulf Coast Recording Studio di Beaumont, Texas, per la Hall Records, di proprietà di Bill Hall, che aveva messo sotto contratto Collins su raccomandazione di Cowboy Jack Clement.
Il suo album di debutto, The Cool Sound of Albert Collins, pubblicato nel 1965 sull’etichetta TCF Hall, consisteva in strumentali precedentemente pubblicati, tra cui “Thaw-Out”, “Sno-Cone” e “Don’t Lose Your Cool”.
Il 19 giugno 1968 il gruppo Canned Heat stava suonando alla Music Hall di Houston, e un loro amico disse che Collins suonava al Ponderosa Club, a cui hanno debitamente partecipato.
Dopo che Collins ebbe finito di suonare, si presentarono e si offrirono di aiutarlo a procurarsi un agente, oltre a un’introduzione alla Imperial Records in California.
Con l’offerta di un contratto discografico e un regolare lavoro dal vivo Collins decise di trasferirsi, trasferendosi a Kansas City nel luglio 1968, dove suonò nel trio di organi del tastierista Lawrence Wright, e poi a novembre si trasferì a Palo Alto, in California.
Per il suo album Imperial del 1968, Collins ha scelto il titolo Love Can Be Found Anywhere (Even in a Guitar), dai testi di “Fried Hockey Boogie” dei Canned Heat, in onore dei Canned Heat e del loro cantante principale Bob Hite, che ha scritto le note di copertina per l’album.
Nella primavera del 1969 Collins fu assunto da Bob Krasnow per suonare l’album The Hunter di Ike e Tina Turner, che fu pubblicato dalla Blue Thumb Records di Krasnow.
Il trasferimento in California si stava dimostrando la decisione giusta, con Collins che si affermava come un atto regolare sul circuito della West Coast, suonando al Fillmore West e al Whiskey a Go Go  e al festival “Newport 69” a Northridge , California, nel giugno 1969 e il Gold Rush Festival al Lago Amador, in California, ad ottobre.
Nel dicembre 1969 il suo album di debutto, The Cool Sound di Albert Collins, è stato ristampato come Truckin “con Albert Collins di Blue Thumb.
Nel novembre 1971 l’etichetta Denver Tumbleweed Records, che era stata recentemente creata da Larry Ray e Bill Szymczyk, pubblicò l’album di Collins There’s gotta be a change; è stata la prima uscita ufficiale dell’etichetta.
Il singolo “Get Your Business Straight”, supportato da “Frog Jumpin ‘”, è stato pubblicato da Tumbleweed nel febbraio 1972.
Nel 1973 Tumbleweed chiuse a causa di problemi finanziari, lasciando Collins senza un’etichetta discografica.
Fu messo sotto contratto  da Bruce Iglauer, il proprietario della Alligator Records, nel 1978 su raccomandazione di Dick Shurman, che Collins aveva incontrato a Seattle.
La sua prima uscita per l’etichetta fu  Ice Pickin’ ‘(1978), che fu registrato ai Curtom Studios di Chicago e prodotto da Iglauer, Shurman e Richard McLeese. Il 2 febbraio 1978 Collins apparve in concerto con la band olandese Barrelhouse, che fu la sua prima apparizione dal vivo fuori dagli Stati Uniti. Il concerto è stato girato per lo spettacolo televisivo olandese Tros Sesjun e successivamente è stato pubblicato su vinile nel 1979 dalla Munich Records come Albert Collins con The Barrelhouse Live.
Collins ha vinto un W. C. Handy Award nella categoria Best Contemporary Blues Album nel 1983 per la sua uscita Alligator Don’t Lose Your Cool.
Il 13 luglio 1985 Collins si esibì con George Thorogood e i Destroyer al Live Aid, apparendo come solista ospite in “Madison Blues”; la parte statunitense del concerto di beneficenza si è tenuta allo stadio JFK di Filadelfia e, con trasmissioni simultanee in altri paesi, è stata vista da oltre 1,5 miliardi di persone.
Nel dicembre 1986 Collins apparve in concerto con Etta JamesJoe Walsh al Wiltern Theatre di Los Angeles; il concerto è stato successivamente pubblicato in video con il titolo Jazzvisions: Jump the Blues Away.
I musicisti di supporto per il concerto erano Rick Rosas (basso), Micheal Huey (batteria), Ed Sanford (organo Hammond B3), Kip Noble (pianoforte) e Josh Sklar (chitarra). Nel 1986 Collins vinse un Grammy Award con Robert Cray e Johnny Copeland per il loro album Showdown! Collins finì di lavorare al suo settimo album Alligator, Cold Snap, nell’ottobre 1986. Fu rilasciato poco dopo per buone recensioni e ricevette una nomination ai Grammy per la migliore registrazione Blues tradizionale del 1987.   Collins ha citato l’album come personalmente importante per lui a causa del coinvolgimento dell’organista Jimmy McGriffin, un primo idolo musicale, con il quale Collins aveva suonato a Kansas City, Missouri, nel 1966.
Il 12 febbraio 1987 è apparso come ospite musicale nel talk show della NBC Late Night con David Letterman.  Collins è apparso nel cameo nel film commedia del 1987 Adventures in Babysitting.  Nel 1987 il compositore americano John Zorn e Collins collaborarono a una suite, “Two-Lane Highway”, che fu successivamente pubblicata sull’album di Zorn Spillane. Il 22 aprile 1988 Collins è apparso al New Orleans Jazz and Heritage Festival in un gruppo composto da B.B King Eric Clapton e Stevie Ray Vaughan; il gruppo suonò per il presidente sulla nave a vapore mentre navigava lungo il fiume Mississippi, in riconoscimento dell’eredità musicale di New Orleans e artisti come Fate Marable Louis Armstrong e Red Allen , che avevano intrattenuto i passeggeri della flotta di imbarcazioni fluviali di proprietà del Fratelli Streckfus.
Collins è stato messo sotto contratto da Point Blank Records, una filiale della Virgin Records, nel 1991.  Bruce Iglauer di Alligator Records ha espresso la sua delusione per la partenza di Collins.
Il 15 novembre 1991 Collins si esibì con Robert Cray, Steve Cropper e Dave Edmunds all’evento Guitar Legends di Siviglia, una serie di cinque concerti per promuovere l’imminente Expo di Siviglia del ’92.
Il 28 ottobre 1991 Collins è stato  in concerto per il programma televisivo Austin City Limits; il concerto fu trasmesso il 21 febbraio 1992 e pubblicato in DVD nell’aprile 2008 come Albert Collins: Live From Austin, TX.
Nel 1993 Collins ha suonato al Point Blank Borderline Blues Festival di Londra, che si è tenuto dal 17 marzo al 27 marzo; questa è stata la sua ultima apparizione nel Regno Unito.
Collins si esibi al Paléo Festival di Nyon, in Svizzera, nel luglio 1993, quando si ammalò. A metà agosto gli fu diagnosticato un cancro ai polmoni, che aveva metastatizzato al fegato, con un tempo di sopravvivenza previsto di quattro mesi. Le tracce del suo ultimo album, Live ’92 / ’93, sono state registrate negli spettacoli di settembre. Collins morì il 24 novembre 1993 all’età di 61 anni. Fu sepolto al Davis Memorial Park, a Las Vegas, Nevada.
Il suo ultimo album, Live ’92 / ’93, è stato nominato postumo ai 38 ° Grammy Awards del 1996 nella categoria Best Blues Contemporary Album.
Discografia :
Ice Pickin’– 1978
Frostbite– 1980
Don’t lose your cool– 1983
Cold snap – 1986
Iceman – 1991

Supporto all’attività.

Se vuoi aiutarmi, e supportare la mia attività musicale, se trovi utile questa specie di wikipedia filmata, aiutami con una piccola donazione, te ne sarò riconoscente e il sito diverrà sempre più dettagliato. grazie!

€2,00

Una risposta a "Guitar Corner : Albert Collins ★"

  1. Pingback: Esplorando i dischi : Albert Collins – Don’t lose your cool ★ | Andrea Bianchi - Drummer

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...