Vai al contenuto

I pianisti : Barry Harris

Harris ha iniziato a studiare pianoforte all’età di quattro anni. Sua madre era una pianista della chiesa e aveva chiesto se Harris fosse interessato a suonare musica da chiesa o jazz. Dopo aver scelto il jazz, è stato influenzato da Thelonious Monk e Bud Powell. Harris nutriva una forte ammirazione per lo stile di Powell, affermando che fosse “l’epitome” del jazz. Andò nelle aree pubbliche per suonare balli per club e sale da ballo. Harris ha imparato gli stili del bebop in gran parte a orecchio, imitando gli assoli interpretati da Bud Powell nella sua adolescenza.
Harris risiedeva a Detroit negli anni ’50 e lavorava con musicisti come Miles Davis, Sonny Stitt e Thad Jones. Ha anche suonato al posto di Junior Mance, che era il pianista regolare di Gene Ammons per il suo gruppo. Inoltre, Harris fece un breve tour con Max Roach nel 1956 come pianista dopo che il pianista residente del gruppo Richie Powell (fratello minore di Bud Powell) morì in un incidente d’auto.
Harris si è esibito con il quintetto di Cannonball Adderley e ha anche avuto la possibilità di fare un periodo televisivo con loro.
Harris si trasferì a New York City nel 1960, dove divenne un musicista e un insegnante di jazz. Durante la sua permanenza a New York, Harris ha collaborato con Dexter Gordon, Illinois Jacquet, Yusef Lateef e Hank Mobley attraverso spettacoli e registrazioni.
Tra il 1965 e il 1969, Harris si esibì ampiamente con Coleman Hawkins al Village Vanguard.
Durante gli anni ’70, Harris visse con Monk al Weehawken, nel New Jersey, dimora della protettrice del jazz Baronessa Pannonica de Koenigswarter, e quindi era in una posizione eccellente per commentare gli ultimi anni del suo collega pianista, Thelonious Monk.
Harris ha anche suonato per Monk per le prove alla New York Jazz Repertory Company nel 1974.
Verso la metà degli anni ’70, Harris e i suoi membri della band tenevano concerti in città europee e in Giappone. In Giappone, si è esibito nella sala da concerto Yubin Chokin a Tokyo per due giorni e la sua esibizione è stata registrata e compilata in un album pubblicato dalla Xanadu Records.
Tra il 1982 e il 1987, Harris si è occupato del Jazz Cultural Workshop sulla 8th Avenue a New York.
Harris appare nel film documentario del 1989 Thelonious Monk: Straight, No Chaser (prodotto da Clint Eastwood), eseguendo duetti con Tommy Flanagan.
Dagli anni ’90, Harris ha collaborato con il pianista e insegnante con sede a Toronto Howard Rees nella creazione di una serie di video e cartelle di lavoro che documentano i suoi sistemi armonici e di improvvisazione unici e il processo di insegnamento.

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: