Vai al contenuto

Bass corner : Butch Warren

La madre di Warren era una dattilografa. Suo padre, Edward Sr., era un tecnico elettronico che suonava il piano e l’organo part-time nei club di Washington, DC. La casa di Warren era spesso visitata dai musicisti jazz Billy Hart, Jimmy Smith e Stuff Smith. La prima volta che Butch Warren ha suonato il basso è stato a casa con uno strumento lasciato da Billy Taylor, che aveva suonato il basso per Duke Ellington. Warren ha citato Jimmy Blanton, un altro bassista di Ellington, come la sua più grande ispirazione.
Warren iniziò a suonare professionalmente all’età di 14 anni in una band di Washington, DC, guidata da suo padre. In seguito ha lavorato con altri gruppi locali, tra cui quello di Stuff Smith, nonché con il cantante e altoista Rick Henderson al Howard Theatre.
Quando aveva 19 anni, suonò con Kenny Dorham per sostituire un’assente dell’ultimo momento.
Pochi giorni dopo, Dorham lo invitò a New York City, dove trascorse i successivi sei mesi come sideman in un club di Brooklyn.
È apparso sulla sua prima registrazione nel gennaio 1960 con Dorham, il sassofonista Charles Davis, il pianista Tommy Flanagan e il batterista Buddy Enlow.
Attraverso la sua amicizia con Sonny Clark ha registrato per la Blue Note Records nel 1961 sull’album Leapin ‘and Lopin’ di Clark. Alfred Lion, presidente dei Blue Note, assunse Warren per occupare il posto vacante del bassista dello staff. Durante questo lavoro ha suonato in “Watermelon Man” con Herbie Hancock.
Come sideman, ha anche registrato con Miles Davis, Hank Mobley, Donald Byrd, Dexter Gordon, Joe Henderson, Jackie McLean e Stanley Turrentine.
La malattia mentale e la dipendenza da eroina crearono problemi per Warren. Nel 1963, il suo amico Sonny Clark morì per overdose. Mesi dopo, Thelonious Monk assunse il 23enne Warren. La band di Monk era circondata da droghe e Warren lasciò la band dopo un tour di un anno. Ritornato al D.C., si è ricoverato all’ospedale St. Elizabeths.
Gli fu diagnosticata la schizofrenia paranoica.
Dopo l’inizio della sua malattia ha suonato professionalmente solo occasionalmente, incluso un concerto regolare presso il jazz club Columbia Station a Washington D.C.
Il suo unico sforzo da solista è stato catturato da “Butch’s Blues”, ma è stato meglio conosciuto come sideman in molti album, tra cui Dexter Gordon’s Go.

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: