Vai al contenuto

Le bands : Pink Floyd

Roger Waters e Nick Mason si incontrarono mentre studiavano architettura al Politecnico di Londra a Regent Street. Prima hanno suonato insieme in un gruppo formato da Keith Noble e Clive Metcalfe con la sorella di Noble Sheilagh. Richard Wright, un collega studente di architettura, si unì alla fine di quell’anno, e il gruppo divenne un sestetto, Sigma 6. Waters suonava la chitarra solista,  Mason la batteria e la chitarra ritmica Wright (dato che raramente c’era una tastiera disponibile). La band si esibì in funzioni private e provò in una sala da tè nel seminterrato del Politecnico di Regent Street.
Nel settembre del 1963, Waters e Mason si trasferirono in un appartamento in 39 Stanhope Gardens vicino a Crouch End a Londra, di proprietà di Mike Leonard, un tutor part-time presso il vicino Hornsey College of Art e il Regent Street Polytechnic.  Mason si trasferì dopo l’anno accademico del 1964 e il chitarrista Bob Klose si trasferì nel settembre del 1964, spingendo Waters a passare al basso. Sigma 6 passò attraverso diversi nomi, tra cui i Meggadeaths, gli Abdabs e gli Screaming Abdabs, Leonard’s Lodgers e Spectrum Five, prima di stabilirsi sul Tea Set.Nel 1964, quando Metcalfe e Noble lasciarono la loro band, il chitarrista  Syd Barrett si unì a Klose e Waters come Stanhope Gardens. Barrett, due anni più giovane, si era trasferito a Londra nel 1962 per studiare al Camberwell College of Arts.  Waters e Barrett erano amici d’infanzia; Waters aveva spesso visitato Barrett e lo aveva visto suonare la chitarra a casa della madre.  Mason ha detto di Barrett: “In un periodo in cui tutti erano fighi in modo molto adolescenziale e autocosciente, Syd era fuori moda, il mio ricordo duraturo del nostro primo incontro è il fatto che si è preso la briga di venire su e presentarsi a me . ”
Noble e Metcalfe lasciarono i Tea Set alla fine del 1963 e Klose presentò la band al cantante Chris Dennis, un tecnico della Royal Air Force (RAF).  Nel dicembre del 1964, si assicurarono il loro primo turno di registrazione, in uno studio a West Hampstead, attraverso uno degli amici di Wright, che gli permise di usare un po ‘di tempo libero. Wright, che si stava prendendo una pausa dai suoi studi, non partecipò alla sessione.  Quando la RAF assegnò a Dennis un posto in Bahrain all’inizio del 1965, Barrett divenne il frontman della band. Più tardi quell’anno, sono diventati la band residente al Countdown Club vicino a Kensington High Street a Londra, dove dalla tarda notte fino alla mattina presto hanno suonato tre serie da 90 minuti ciascuna. Durante questo periodo, stimolato dalla necessità del gruppo di estendere i propri set per ridurre al minimo la ripetizione delle canzoni, la band si rese conto che “le canzoni potevano essere estese con lunghi assoli”, scrisse Mason.  Dopo le pressioni dei genitori e i consigli dei suoi tutor universitari, Klose lasciò la band a metà del 1965 e Barrett prese il posto della chitarra solista.  Alla fine del 1965, il gruppo si rinominò come  Pink Floyd Sound. Barrett creò il nome nel momento in cui scoprì che un’altra band, chiamata anche Tea Set, doveva esibirsi in uno dei suoi concerti.  Il nome deriva dai nomi di due musicisti blues che Barrett aveva nella nella sua collezione, Pink Anderson e Floyd Council
Nel 1966, il repertorio del gruppo consisteva principalmente di canzoni R&B ED avevano iniziato a ricevere prenotazioni pagate, compresa un’esibizione al Marquee Club nel dicembre 1966, dove Peter Jenner, professore alla London School of Economics, li notò. Jenner fu colpito dagli effetti sonori creati da Barrett e Wright e con il suo socio in affari e amico Andrew King divenne il loro manager.  La coppia aveva poca esperienza nel settore della musica e usò l’eredità di King per fondare Blackhill Enterprises, acquistando circa £ 1.000 (equivalenti a £ 18.800 nel 2019 ) per nuovi strumenti e attrezzature per la band. Fu in questo periodo che Jenner suggerì di abbandonare la parte “Sound” del nome della loro band, diventando così i Pink Floyd.  Sotto la guida di Jenner e King, il gruppo entrò a far parte della scena musicale underground di Londra, suonando in locali come All Saints Hall e il Marquee.  Mentre si esibivano al Countdown Club, la band aveva sperimentato lunghe escursioni strumentali e avevano iniziato ad espanderli con rudimentali ma efficaci spettacoli di luci, proiettati da diapositive colorate e luci domestiche. Le connessioni sociali di Jenner e King hanno contribuito a ottenere una copertura di rilievo della band nel Financial Times e un articolo del Sunday Times che affermava: “Al lancio della nuova rivista IT l’altra sera un gruppo pop chiamato Pink Floyd suonava musica pulsante mentre una serie di bizzarre forme colorate lampeggiava su un enorme schermo dietro di loro … apparentemente molto psichedelico. ”
Nel 1966, la band rafforzò i loro rapporti commerciali con Blackhill Enterprises, diventando partner uguali con Jenner e King e i membri della band detennero quindi ciascuno una sesta quota.  Alla fine del 1966, il loro set includeva meno standard R&B e più originali Barrett, molti dei quali sarebbero stati inclusi nel loro primo album.  Sebbene avessero aumentato significativamente la frequenza delle loro esibizioni, la band non era ancora ampiamente accettata. A seguito di un’esibizione in un club giovanile cattolico, il proprietario rifiutò di pagarli, sostenendo che la loro esibizione non era musica. Quando la loro direzione ha intentato causa in un piccolo tribunale contro il proprietario dell’organizzazione giovanile, un magistrato locale ha confermato la decisione del proprietario. La band è stata accolta molto meglio all’UFO Club di Londra, dove hanno iniziato a costruire una base di fan.  Le esibizioni di Barrett erano entusiaste, “saltava in giro …pura follia e improvvisazione … [ispirato a]  superare i suoi limiti e in aree che erano … molto interessanti. Che nessuno degli altri poteva fare”, ha scritto il biografo Nicholas Schaffner.
Nel 1967, i Pink Floyd iniziarono ad attirare l’attenzione dell’industria musicale.  Durante le trattative con le case discografiche, il co-fondatore dell’IT e il manager del club UFO Joe Boyd e l’agente di prenotazione dei Pink Floyd Bryan Morrison organizzarono e finanziarono un sessione di registrazione alla Sound Techniques di West Hampstead. Tre giorni dopo, i Pink Floyd firmarono con EMI, ricevendo un anticipo di £ 5.000 (equivalente a £ 91.400 nel 2019 ). EMI pubblicò il primo singolo della band, “Arnold Layne”, con il lato B “Candy and a Currant Bun”, il 10 marzo 1967 con la loro etichetta Columbia. Entrambi i brani furono registrati il ​​29 gennaio 1967.
I riferimenti di “Arnold Layne” al travestimento hanno portato a un divieto da parte di diverse stazioni radio; tuttavia, la manipolazione creativa da parte dei rivenditori che hanno fornito cifre di vendita al business della musica ha comportato il picco nel Regno Unito al numero 20.
La EMI-Columbia pubblicò il secondo singolo dei Pink Floyd, “See Emily Play”, il 16 giugno 1967. Andò leggermente meglio di “Arnold Layne”, raggiungendo il numero 6 nel Regno Unito.  La band si è esibita nel look della settimana della BBC, dove Waters e Barrett, eruditi e coinvolgenti, hanno affrontato duri interrogativi da parte di Hans Keller. Sono apparsi su Top of the Pops della BBC, un programma popolare che richiedeva il playback (suscitando polemiche).
Sebbene i Pink Floyd siano tornati lu per altre due esibizioni, alla terza, Barrett aveva iniziato a svelarsi, ed è stato in questo periodo che la band ha notato per la prima volta cambiamenti significativi nel suo comportamento.
All’inizio del 1967, usava regolarmente l’LSD e Mason lo descrisse come “completamente distanziato da tutto ciò che accade”.
Morrison e il produttore EMI Norman Smith negoziarono il primo contratto discografico dei Pink Floyd e, come parte dell’accordo, la band ha accettò di registrare il loro primo album agli EMI Studios di Londra.  Mason ha ricordato che le sessioni furono senza problemi . Smith non era d’accordo, affermando che Barrett non rispondeva ai suoi suggerimenti e alle sue critiche costruttive. La EMI-Columbia pubblicò The Piper at the Gates of Dawn nell’agosto 1967. L’album raggiunse il picco al numero 6, trascorrendo 14 settimane nelle classifiche del Regno Unito.  Un mese dopo, è stato rilasciato sotto l’etichetta Tower Records.

 

I Pink Floyd ha continuato a attirare grandi folle all’UFO Club; tuttavia, il crollo mentale di Barrett stava causando serie preoccupazioni. Il gruppo inizialmente sperava che il suo comportamento irregolare sarebbe stato una fase passeggera, ma alcuni erano meno ottimisti, tra cui Jenner e il suo assistente, June Child, che commentarono: “Ho trovato [Barrett] nello spogliatoio ed era così … sparito ,Roger Waters ed io lo abbiamo messo in piedi, [e] l’abbiamo portato sul palco … La band ha iniziato a suonare e Syd è rimasto lì. Aveva la chitarra al collo e le braccia semplicemente pendenti “.
Costretto a cancellare l’apparizione dei Pink Floyd al prestigioso National Jazz and Blues Festival, così come molti altri spettacoli, King informò la stampa musicale che Barrett soffriva di esaurimento nervoso.  Waters organizzò un incontro con lo psichiatra R. D. Laing e sebbene Waters guidasse personalmente Barrett all’appuntamento, Barrett si rifiutò di uscire dall’auto.  Un soggiorno a Formentera con Sam Hutt, un medico affermato nella scena musicale underground, non ha portato a miglioramenti visibili. La band seguì alcune date di concerti in Europa a settembre con il loro primo tour negli Stati Uniti ad ottobre.  Mentre il tour degli Stati Uniti andava avanti, le condizioni di Barrett peggiorarono costantemente. Durante le apparizioni negli show di Dick Clark e Pat Boone a novembre, Barrett ha confuso i suoi ospiti non rispondendo alle domande e fissando lo spazio. Si è rifiutato di muovere le labbra quando è arrivato il momento di mimare “See Emily Play” nello show di Boone. Dopo questi episodi imbarazzanti, King concluse la loro visita negli Stati Uniti e li rimandò immediatamente a casa a Londra.   Poco dopo il loro ritorno, supportarono Jimi Hendrix durante un tour in Inghilterra; tuttavia, la depressione di Barrett è peggiorò mentre il tour continuava, raggiungendo un punto di crisi a dicembre, quando la band ha risposto aggiungendo un nuovo membro alla loro formazione.
Nel 1968, i Pink Floyd tornarono agli Abbey Road Studios per registrare il loro secondo album, A saucerful of secrets.

L’album includeva il contributo finale di Barrett alla loro discografia, “Jugband Blues”. Waters iniziò a sviluppare il proprio songwriting, contribuendo con “Set the Controls for the Heart of the Sun”, “Let There Be More Light” e “Corporal Clegg”. Wright ha composto “See-Saw” e “Remember a Day”. Norman Smith li ha incoraggiati a autoprodurre la loro musica e hanno registrato demo di nuovo materiale nelle loro case. Con le istruzioni di Smith ad Abbey Road, hanno imparato a usare lo studio di registrazione per realizzare la loro visione artistica. Tuttavia, Smith non è stato convinto dalla loro musica e quando Mason ha faticato per esibirsi nella sua parte di batteria in “Remember a Day”, Smith è entrato come suo sostituto.
Wright ha ricordato l’atteggiamento di Smith nei confronti delle sessioni, “Norman ha rinunciato al secondo album … diceva sempre cose del tipo, ‘Non puoi fare venti minuti di questo rumore ridicolo'”.
Poiché né Waters né Mason potevano leggere la musica, per illustrare la struttura della title track dell’album, inventarono il proprio sistema di notazione. In seguito Gilmour descrisse il loro metodo come “simile a uno schema architettonico”.
Rilasciato nel giugno 1968, l’album conteneva una copertina psichedelica disegnata da Storm Thorgerson e Aubrey Powell di Hipgnosis. La prima di numerose copertine degli album dei Pink Floyd disegnate da Hipgnosis, è stata la seconda volta che EMI ha permesso a uno dei suoi gruppi di contrattare designer per una cover dell’album.
Il rilascio raggiunse il picco al numero 9, trascorrendo 11 settimane nella classifica del Regno Unito.
Record Mirror ha dato all’album una recensione complessivamente favorevole, ma ha invitato gli ascoltatori a “dimenticarlo come musica di sottofondo per una festa”.
John Peel ha descritto un’esibizione dal vivo della title track come “come un’esperienza religiosa”, mentre NME ha descritto la canzone come “lunga e noiosa … [con] poco da giustificare la sua direzione monotona”.
Il giorno dopo l’uscita dell’album nel Regno Unito, i Pink Floyd si sono esibiti al primo concerto gratuito in assoluto a Hyde Park.
Nel luglio 1968, tornarono negli Stati Uniti per una seconda visita. Accompagnato da Soft Machine e dai The Who, ha segnato il primo tour significativo dei Pink Floyd.
Nel dicembre di quell’anno pubblicarono “Point Me at the Sky”; non più riuscito dei due singoli che avevano pubblicato da “See Emily Play”e che sarebbe stato l’ultimo della band fino alla loro uscita del 1973, “Money”.
Nel 1969, incidono il primo album senza contributi di Barrett, la colonna sonora del film More, dal titolo Omonimo.

(continua)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: