Vai al contenuto

Fiati e d’intorni : Chet Baker ★

Annunci

Baker è nato e cresciuto in una famiglia di musicisti a Yale, Oklahoma. Suo padre, Chesney Baker Sr., era un chitarrista professionista e sua madre, Vera Moser, era una pianista che lavorava in una fabbrica di profumi. Sua nonna materna era norvegese.  Baker ha detto che a causa della Grande Depressione, suo padre, sebbene talentuoso, ha dovuto lasciare il musicista e accettare un lavoro regolare.
Baker ha iniziato la sua carriera musicale cantando in un coro di una chiesa. Suo padre gli ha dato un trombone, che è stato sostituito con una tromba quando il trombone si è rivelato troppo grande. Sua madre ha detto che aveva iniziato a memorizzare i brani alla radio prima che gli fosse dato uno strumento. Dopo essersi “innamorato” della tromba, è migliorato notevolmente in due settimane. Peers definì Baker un musicista naturale a cui suonare riusciva senza sforzo.
Baker ha ricevuto una certa educazione musicale alla Glendale Junior High School, ma ha lasciato la scuola all’età di 16 anni nel 1946 per unirsi all’esercito degli Stati Uniti. Fu assegnato a Berlino, in Germania, dove si unì alla 298a banda dell’esercito. Dopo aver lasciato l’esercito nel 1948, ha studiato teoria musicale e armonia all’El Camino College di Los Angeles.
Ha abbandonato durante il suo secondo anno per ri-arruolarsi. Divenne membro della Sixth Army Band al Presidio di San Francisco,  trascorrendo del tempo in club come Bop City e Black Hawk.
Fu congedato dall’esercito nel 1951 e iniziò a intraprendere una carriera nella musica.
Baker si è esibito con Vido Musso e  Stan Getz prima di essere scelto da  Charlie Parker per una serie di impegni della West Coast.
Nel 1952 Baker si unì al  Gerry Mulligan Quartet. Piuttosto che suonare identiche linee melodiche all’unisono come Parker e Dizzy Gillespie, Baker e Mulligan si completavano a vicenda con il contrappunto e anticipando ciò che l’altro avrebbe suonato dopo. “My Funny Valentine”, con un assolo di Baker, divenne un successo e sarebbe stato associato a Baker per il resto della sua carriera. Con il Quartetto, Baker si esibiva regolarmente nei jazz club di Los Angeles come The Haig e il Tiffany Club.
Entro un anno, Mulligan fu arrestato e imprigionato con l’accusa di droga.
Baker formò un quartetto con una rotazione che includeva il pianista Russ Freeman, i bassisti Bob Whitlock, Carson SmithJoe Mondragon Jimmy Bond e i batteristi Larry Bunker e Shelly Manne. Il quartetto di Baker pubblicò album popolari tra il 1953 e il 1956.
Baker vinse i sondaggi dei lettori della rivista Metronome e Down Beat, battendo i trombettisti Miles Davis e Clifford Brown . Nel 1954, i lettori nominarono Baker il miglior cantante jazz. Nel 1956, la Pacific Jazz Records pubblicò Chet Baker Sings, un album che aumentò la sua visibilità e attirò critiche. Tuttavia, Baker ha cantato per tutto il resto della sua carriera.
Gli studi di Hollywood hanno visto un’opportunità nei lineamenti cesellati di Baker. Ha debuttato come attore nel film Hell’s Horizon, uscito nell’autunno del 1955. Ha rifiutato un contratto con uno studio, preferendo la vita on the road come musicista. Negli anni successivi, Baker ha diretto le sue combo, tra cui un quintetto del 1955 con Francy Boland, dove Baker ha combinato il suonare la tromba e cantare. Nel 1956 ha completato un tour di otto mesi in Europa, dove ha registrato Chet Baker in Europa.
Alla fine del 1959 tornò in Europa, registrando in Italia quello che sarebbe diventato noto come Milano Sessions con l’arrangiatore e direttore Ezio Leoni (alias Len Mercer) e la sua orchestra.
Baker fu arrestato per possesso di droga e incarcerato a Lucca, costringendo Leoni a comunicare attraverso il direttore della prigione per coordinare gli accordi con Baker mentre si preparavano per la registrazione.
Durante la maggior parte degli anni ’60, Baker suonava il flicorno e registrava musica che poteva essere classificata come jazz west coast.
Baker ha detto di aver iniziato a usare l’eroina nel 1957.
L’autore Jeroen de Valk e il pianista Russ Freeman affermano che Baker ha iniziato a usare l’eroina all’inizio degli anni ’50. Freeman era il direttore musicale di Baker dopo che Baker lasciò il quartetto Mulligan.
A volte Baker impegnava i suoi strumenti per comprare droga.
Negli anni ’60 fu incarcerato in Italia con l’accusa di droga e fu espulso dalla Germania e dal Regno Unito per reati legati alla droga. È stato rispedito negli Stati Uniti dalla Germania per aver avuto problemi con la legge una seconda volta. Si stabilì a Milpitas, in California, esibendosi a San Francisco e San Jose tra una condanna e l’altra per frode sulle prescrizioni.
Nel 1966 Baker fu picchiato, probabilmente mentre cercava di comprare droga,  dopo essersi esibito al ristorante The Trident a Sausalito.
Nel film Let’s Get Lost, Baker ha detto che un conoscente ha tentato di derubarlo ma ha fatto marcia indietro, solo per tornare la notte successiva con un gruppo di uomini che lo inseguivano.
È entrato in una macchina e si è trovato circondato.
Invece di salvarlo, le persone all’interno dell’auto lo hanno spinto di nuovo in strada, dove è continuato l’inseguimento. Ha ricevuto tagli e uno dei suoi denti è stato rotto. Questo incidente è stato spesso raccontato errato o altrimenti esagerato in parte a causa della sua testimonianza inaffidabile sulla questione.
La rottura del dente, tuttavia, rovinò la sua imboccatura, lasciandolo incapace di suonare la tromba.
Ha lavorato in una stazione di servizio fino alla conclusione che doveva trovare un modo per tornare alla musica, e ha riqualificato la sua imboccatura.
Dopo aver sviluppato una nuova imboccatura derivante dalla protesi, Baker è tornato al jazz straight che aveva iniziato la sua carriera. Si è trasferito a New York City e ha iniziato a esibirsi e registrare di nuovo, anche con il chitarrista Jim Hall.
Più tardi negli anni ’70, Baker tornò in Europa, dove fu assistito dalla sua amica Diane Vavra, che si prese cura dei suoi bisogni personali e lo aiutò durante le sue date di registrazione e performance.
Dal 1978 fino alla sua morte nel 1988, Baker ha vissuto e suonato quasi esclusivamente in Europa, tornando negli Stati Uniti una volta all’anno per alcune esibizioni. Questa fu l’era più prolifica di Baker come artista discografico.
Nel 1983, il cantante britannico Elvis Costello, un fan di lunga data di Baker, ha assunto il trombettista per suonare un assolo nella sua canzone “Shipbuilding” per l’album Punch the Clock.
La canzone ha esposto la musica di Baker a un nuovo pubblico. Più tardi, Baker ha spesso caratterizzato la canzone di Costello “Almost Blue” (ispirata alla versione di Baker di “The Thrill Is Gone” di Ray Henderson; da non confondere con la canzone di Roy Hawkins con lo stesso nome, resa famosa da B.B King ) nei suoi concerti. e ha registrato la canzone per Let’s Get Lost.
Nel 1986, Chet Baker: Live at Ronnie Scott’s London presentò Baker in un’intima performance teatrale filmata con Elvis Costello e Van Morrison mentre eseguiva una serie di standard e classici, tra cui “Just Friends”, “My Ideal” e “Shifting Down “. Aumentando la musica, Baker ha parlato faccia a faccia con l’amico e collega Costello della sua infanzia, carriera e lotta con la droga.
Baker ha registrato l’album dal vivo Chet Baker a Tokyo con il suo quartetto composto dal pianista Harold Danko, dal bassista Hein Van de Geyn e dal batterista John Engels meno di un anno prima della sua morte, ed è stato pubblicato postumo. Silent Nights, una registrazione di musica natalizia, è stata registrata con Christopher Mason a New Orleans nel 1986 e pubblicata nel 1987.
Nel 2006 è uscito “Jazz Icons: Chet Baker: Live in ’64 & ’79”, con due concerti europei filmati a 15 anni di distanza. La performance del 1964 si è svolta in uno studio televisivo belga e il set del 1979 è stato registrato in Norvegia. Altri musicisti presenti sono il sassofonista Jacques Pelzer, il pianista francese Rene Urtreger e il vibrafonista Wolfgang Lackerschmid. Le canzoni includono il classico di Miles Davis “So What”, lo standard jazz “Time After Time”, “Blue Train” e molti altri. (recuperato dalla serie “Jazz Icons”)
Discografia :

Chat Baker Quartet with Russ Freeman– 1953
West coast live.– 1997

Annunci

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: