Vai al contenuto

Bass corner : Milt Hinton ★

Hinton è nato a Vicksburg, nel Mississippi, unico figlio di Hilda Gertrude Robinson, chiamata “Titter” e Milton Dixon Hinton. Aveva tre mesi quando suo padre lasciò la famiglia. È cresciuto in una casa con sua madre, sua nonna materna (che chiamava “mamma”) e due sorelle di sua madre.
La sua infanzia a Vicksburg è stata caratterizzata da estrema povertà e razzismo estremo. Il linciaggio era una pratica comune all’epoca. Hinton disse che uno dei ricordi più chiari della sua infanzia fu quando si imbatté accidentalmente in un linciaggio.
Hinton si trasferì con la sua famiglia allargata a Chicago, nell’Illinois, nell’autunno del 1919, il che gli creò opportunità. Chicago fu il luogo in cui Hinton incontrò per la prima volta la diversità economica tra gli afroamericani, di cui in seguito notò: “Fu allora che mi resi conto che essere neri non significava sempre che dovevi essere povero”.
Fu anche il luogo in cui visse un’abbondanza di musica, di persona o attraverso esibizioni dal vivo o alla radio. Durante questo periodo ha ascoltato per la prima volta concerti con Louis Armstrong , Duke Ellington, Fletcher Henderson, Earl HinesEddie South e molti altri.
La musica era un appuntamento fisso a casa. Sua madre e altri parenti suonavano regolarmente il piano. Ha ricevuto il suo primo strumento – un violino – nel 1923 per il suo tredicesimo compleanno. Mentre frequentava la Wendell Phillips High School, suonava il violino nell’orchestra della scuola e imparò a suonare il corno per suonare nella banda musicale ROTC della scuola diretta dal maggiore Nathaniel Clarke Smith. Passò presto dal corno da becco al basso sassofono e poi a tuba, pur essendo accettato anche nella banda di ottoni sponsorizzata da The Chicago Defender, dove ha suonato con Lionel Hampton.
Dopo essersi diplomato al liceo, Hinton ha frequentato il Crane Junior College per due anni, durante i quali ha iniziato a ricevere regolarmente lavoro come musicista freelance in giro per Chicago. Si è esibito con Freddie Keppard , Zutty Singleton ,Jabbo SmithErskine Tate e Art Tatum. Il suo primo lavoro stabile iniziò nella primavera del 1930, suonando la tuba (e successivamente il contrabbasso) nella band del pianista Tiny Parham. Il suo debutto discografico il 4 novembre 1930 fu con tuba, con la band di Parham su un brano intitolato “Squeeze Me”. Dopo essersi diplomato al Crane Junior College nel 1932, ha frequentato la Northwestern University per un semestre, poi ha abbandonato la scuola per dedicarsi alla musica a tempo pieno.
Ha ricevuto un lavoro costante dal 1932 al 1935 in un quartetto con il violinista Eddie South, con residenze estese in California, Chicago e Detroit. Con questo gruppo ha registrato per la prima volta al contrabbasso nella primavera del 1933.
Nel 1936, Hinton si unì alla Cab Calloway Orchestra, inizialmente come sostituto temporaneo di Al Morgan, mentre la band era in tournée in rotta verso una residenza di sei mesi nella nuova sede centrale del Cotton Club di New York City. Ha rapidamente trovato l’accettazione tra i membri della band e ha finito per stare con  Calloway per oltre quindici anni. Fino alla chiusura del Cotton Club nel 1940, la band di Calloway si esibiva lì per un massimo di sei mesi all’anno, andando in tournée per i restanti sei mesi dell’anno. Durante le residenze del Cotton Club, Hinton prese parte alle sessioni di registrazione con Benny Goodman, Lionel Hampton, Billie Holiday, Ethel WatersTeddy Wilson e molti altri. Fu in quel momento che registrò quello che forse è il primo l.p per basso, “Pluckin ‘the Bass” nell’agosto del 1939.

Hinton è apparso regolarmente alla radio mentre faceva parte della band di Calloway, o al basso in concerti trasmessi dal Cotton Club, o come membro del cast per il quiz musicale di breve durata “Cab Calloway’s Quizzicale”. Queste trasmissioni hanno portato l’attenzione nazionale sulla band di Calloway e hanno contribuito a rendere possibili i tour nazionali di successo che la band avrebbe programmato. Hanno anche dato agli ascoltatori la possibilità di ascoltare esempi di discorsi jive, che Calloway avrebbe formalizzato attraverso pubblicazioni come il suo Hepster’s Dictionary, pubblicato per la prima volta nel 1938.

La band di Calloway comprendeva famosi sidemen come Danny Barker , Chu Berry , Doc Cheatham, Cozy Cole , Dizzy Gillespie, Illinois Jacquet , Jonah Jones Ike Québec e Ben Webster. Hinton attribuisce a Chu Berry l’elevazione della musicalità complessiva della band di Calloway, in parte incoraggiando Cab ad assumere arrangiatori come  Benny Carter per creare nuovi arrangiamenti che sfidassero i musicisti. Come ha detto Hinton, “Musicalmente è stata la cosa più grande che sia mai capitata alla band”.  Hinton è stato anche fortemente influenzato dalle innovazioni musicali di Dizzy Gillespie, con il quale ha tenuto sessioni informali alla fine degli anni ’30 durante le pause tra i set al Cotton Club. Hinton attribuisce a Gillespie l’introduzione di molte delle pratiche armoniche sperimentali e delle sostituzioni di accordi che in seguito sarebbero state associate al bebop.

Nel 1939, quando Hinton tornò a Chicago per il funerale di sua nonna, incontrò Mona Clayton, che allora cantava nel coro della chiesa di sua madre. I due si sposarono pochi anni dopo e rimasero inseparabili per il resto della vita di Milt. (Mona era la sua seconda moglie; la prima era una breve relazione negli anni ’30 con Oby Allen, un amica che conosceva al liceo.) Lui e l’unica figlia di Mona, Charlotte, era nata il 28 febbraio 1947. Mona aveva iniziato a viaggiare con la Calloway Orchestra nei primi anni Quaranta, l’unico amico o coniuge del musicista a farlo. Aiutava i musicisti della band a gestire i propri soldi e spesso insisteva perché aprissero conti di risparmio. Per i membri della band, era una confidente fidata che era nota per la sua discrezione. Quando viaggiare con un bambino piccolo è diventato troppo difficile, gli Hinton hanno acquistato una casa bifamiliare nel Queens e dieci anni dopo hanno acquistato una casa unifamiliare più grande in un quartiere adiacente dove sono rimasti per il resto della loro vita.

Oltre a prendersi cura della figlia, Mona si è occupata delle finanze della famiglia e la sua attenzione ai dettagli ha assicurato la sicurezza finanziaria della coppia più avanti nella vita. Ha tenuto traccia del lavoro freelance di Hinton, interviste programmate, eventi di pubbliche relazioni coordinati e spesso lo ha portato avanti e indietro ai concerti (Hinton non ha mai guidato da adulto, in parte a causa di un incidente d’auto in cui è stato coinvolto da adolescente a Chicago) . A metà degli anni ’60, Mona completò sia una laurea che un master e insegnò nelle scuole pubbliche per diversi anni. Negli anni ’70, iniziò di nuovo a viaggiare con Hinton ed era regolarmente invitata a unirsi a lui alle feste e ai festival jazz dove si esibiva. Allo stesso tempo, era attiva come appaltatrice musicale per  Lena Horne e altri. Mona è sempre stata molto rispettata nella comunità jazz, e lei e Hinton erano visti da molti come modelli di comportamento; come ha osservato lo storico del jazz Dan Morgenstern in un articolo del 2000, “Se ci fosse una coppia più stretta, sarei stato sorpreso.”

Nel 1950, i gusti della musica popolare erano cambiati e Calloway non aveva i fondi per supportare un’intera big band. Invece, ha assunto Hinton e alcuni altri per creare un insieme più piccolo, prima un settetto e poi un quartetto, che è stato in tournée fino al giugno 1952, con viaggi a Cuba e in Uruguay. Dopo lo scioglimento dell’ensemble Calloway, Hinton ha trascorso più tempo come musicista freelance a New York City. All’inizio, il lavoro era sporadico e, come disse Hinton, “Questo è stato l’unico periodo della mia vita in cui ero preoccupato di guadagnarmi da vivere”.  Suonava più club e ristoranti possibili, una pratica che continuerà per i successivi decenni. Si è esibito regolarmente a La Vie en Rose, The Embers, Metropole e Basin Street West, dove è apparso con  Phil Moore e Joe Bushkin. All’inizio degli anni ’50 si esibì per un breve periodo con Count Basie nell’area di New York.

Sebbene il suo lavoro da freelance fosse in aumento, nel luglio 1953 Hinton firmò un contratto di un anno per una tournée con Louis Armstrong . Ha descritto la decisione come “molto difficile”  in quanto lo avrebbe costretto a stare lontano dalla sua famiglia, e avrebbe anche rallentato lo slancio che stava guadagnando come musicista freelance a New York City. La paga costante e l’opportunità di esibirsi con Armstrong erano convincenti e Hinton si esibì in dozzine di concerti, incluso un tour in Giappone, come membro della band. Quando l’opportunità di unirsi alla  house band per uno spettacolo televisivo condotto da Robert Q. Lewis a New York si aprì nel febbraio 1954, Hinton diede la sua comunicazione ad Armstrong e tornò nel Queens.
Per  i due decenni successivi si è esibito regolarmente in numerosi programmi radiofonici e televisivi, inclusi quelli presentati da Jackie Gleason, Robert Q. Lewis, Galen Drake, Patti Page, Polly Bergen, Teddy Wilson, Mitch Miller, Dick Cavett e altri. Come ha ricordato, “Ho avuto una bella situazione perché non sono mai stato nello staff. Ciò significava che sarei stato pagato dallo spettacolo. E poiché non ho mai trascorso più di quindici ore a settimana in prove e spettacoli, ho sempre avuto tempo libero per registrare. ”

Di gran lunga, il suo lavoro più regolare durante quest’epoca era nello studio di registrazione, dove Milt fu tra i primi afroamericani ad essere regolarmente assunto per lavori in studio. Dalla metà degli anni Cinquanta ai primi anni Settanta ha contribuito a migliaia di dischi jazz e popolari, oltre a centinaia di jingle e colonne sonore di film. Suonava regolarmente in tre sessioni di studio di tre ore al giorno, richiedendogli di possedere più bassi che assunse assistenti per il trasporto da uno studio all’altro. Durante questo periodo Milt registrò con tutti, da  Billie Holiday a Paul McCartney, da  Frank Sinatra a Leon Redbone e  Sam Cooke. Hinton ha riassunto il suo tempo negli studi come “potrei essere in un appuntamento per Andre Kostelanetz la mattina, farne uno con Brook Benton o Johnny Mathis nel pomeriggio e poi finire la giornata con Paul Anka o Bobby Rydell. All’una una volta o l’altra, probabilmente suonavo per quasi tutti gli artisti famosi in giro in quei giorni. ”

A partire dalla metà degli anni ’50, ha lavorato regolarmente in studio con Hank Jones (piano), Barry Galbraith (chitarra) e Osie Johnson (batteria) in un gruppo che divenne informalmente noto come New York Rhythm Section. I quattro suonarono insieme in centinaia di sessioni e registrarono persino un LP nel 1956 intitolato The Rhythm Section.

Verso la fine degli anni ’60 il lavoro in studio iniziò a diminuire, quindi Hinton incorporò più esibizioni dal vivo nel suo programma. Accettava regolarmente concerti nei club, il più delle volte al Michael’s Pub, Zinno’s e al Rainbow Room dove si esibiva con Benny Goodman, Johnny Hartman, Dick Hyman, Red Norvo, Teddy Wilson e altri. Tornò anche in tour, prima con Diahann Carroll per un tour a Parigi nel 1966, e successivamente con Paul Anka, Barbra Streisand, Pearl Bailey e Bing Crosby. Dagli anni ’60 agli anni ’90 viaggiò molto in Europa, Canada, Sud America, Giappone, Unione Sovietica e Medio Oriente, mentre appariva anche negli Stati Uniti.Nel 1968 iniziò a esibirsi come parte di Professionals Unlimited (in seguito ribattezzato New York Bass Violin Choir), un ensemble di basso collettivo organizzato da Bill Lee che comprendeva Lisle Atkinson, Ron Carter, Richard Davis, Michael Fleming, Percy Heath e Sam Jones. Il gruppo si esibì in modo irregolare per diversi anni e nel 1980 pubblicò un album omonimo per l’etichetta Strata-East (SES-8003) contenente materiale registrato tra il 1969 e il 1975.

Hinton ha insegnato per quasi vent’anni come professore ospite di studi sul jazz all’Hunter College e al Baruch College, offrendo per la prima volta un seminario jazz all’Hunter nell’autunno del 1973. Durante questo periodo è apparso regolarmente a festival, feste e crociere jazz; si esibisce ogni anno alle feste jazz di Dick Gibson in Colorado, alle feste jazz di Odessa e Midland in Texas a partire dal 1967 e alle feste jazz di Don e Sue Miller a Phoenix e Scottsdale.

Nel 1990, l’ottantesimo anno di Hinton, WRTI-FM a Philadelphia ha prodotto una serie di ventotto brevi programmi in cui ha raccontato la sua vita. Questi sono stati trasmessi a livello nazionale da più di centocinquanta stazioni radio pubbliche e hanno ricevuto un Gabriel Award quell’anno come miglior cortometraggio nazionale. Nello stesso anno George Wein ha prodotto un concerto nell’ambito del JVC Jazz Festival in onore dell’ottantesimo compleanno di Hinton. Concerti simili furono prodotti per il suo 85 ° e 90 ° compleanno. Nel 1996 smise di suonare il basso, a causa di una serie di disturbi fisici, e morì all’età di 90 anni il 19 dicembre 2000.

(continua)
Discografia:
Basses loaded!-1955

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: