Vai al contenuto

Guitar corner : John Lee Hooker ★

La data di nascita di Hooker è oggetto di dibattito; sono stati suggeriti gli anni 1912, 1915, 1917, 1920 e 1923.
La maggior parte delle fonti danno il 1917, sebbene a volte Hooker affermasse che era nato nel 1920.
Le informazioni nei censimenti del 1920 e del 1930 indicano che era nato nel 1912.
Nel 2017 si sono svolti una serie di eventi per celebrare il presunto centenario della sua nascita.
Nel censimento federale del 1920, John Hooker ha sette anni ed è uno dei nove figli che vivono con William e Minnie Hooker a Tutwiler, Mississippi.
Si ritiene che sia nato a Tutwiler, nella contea di Tallahatchie, sebbene alcune fonti affermino che il suo luogo di nascita fosse vicino a Clarksdale, nella contea di Coahoma.  Era il più giovane degli 11 figli di William Hooker (nato nel 1871, morto dopo il 1923),  un mezzadro e predicatore battista, e Minnie Ramsey (nata intorno al 1880, data di morte sconosciuta).
Nel censimento federale del 1920,  William e Minnie furono registrati rispettivamente come 48 e 39 anni, il che implica che Minnie nacque intorno al 1880, non nel 1875.
Si diceva che avesse “dieci anni meno o giù di lì” di suo marito (Boogie Man, p. 23), che dà ulteriore credibilità a questo censimento come prova delle origini di Hooker.
I bambini Hooker sono stati educati a casa.
Avevano il permesso di ascoltare solo canti religiosi; gli spirituals cantati in chiesa furono la loro prima esposizione alla musica.
Nel 1921, i loro genitori si separarono.
L’anno successivo, la madre sposò William Moore, un cantante blues, che diede a John Lee un’introduzione alla chitarra (e che in seguito avrebbe accreditato per il suo stile  distintivo).
Moore è stata la sua prima significativa influenza blues.
Era un chitarrista blues locale che, a Shreveport, in Louisiana, imparò a suonare un blues ronzante e con un solo accordo che era sorprendentemente diverso dal blues delta dell’epoca.
Un’altra influenza fu Tony Hollins, che usciva con la sorella di Hooker, Alice che aiutò  Hooker a imparare a suonare e gli diede la sua prima chitarra.
Per il resto della sua vita, Hooker ha considerato Hollins come un’influenza formativa sul suo stile  e sulla sua carriera di musicista.
Tra le canzoni che Hollins avrebbe insegnato a Hooker c’erano versioni di “Crawlin ‘King Snake” e “Catfish Blues”.
All’età di 14 anni, Hooker scappò di casa, secondo quanto riferito non vide più sua madre o il patrigno.
A metà degli anni ’30, visse a Memphis, Tennessee, dove si esibì sulla Beale Street, al New Daisy Theatre e occasionalmente a feste in casa.
Ha lavorato in fabbriche in varie città durante la seconda guerra mondiale, ottenendo infine un lavoro con la Ford Motor Company a Detroit nel 1943.
Ha frequentato i club e i bar blues di Hastings Street, il cuore del quartiere dei divertimenti neri, sul lato est di Detroit.
In una città nota per i suoi pianisti, i chitarristi erano scarsi.
La popolarità di Hooker crebbe rapidamente mentre si esibiva nei club di Detroit e, alla ricerca di uno strumento più potente della sua chitarra acustica, acquistò la sua prima chitarra elettrica.
Hooker lavorava come bidello in un’acciaieria di Detroit quando la sua carriera discografica iniziò nel 1948,  quando la Modern Records, con sede a Los Angeles, pubblicò un demo che aveva registrato per Bernie Besman a Detroit.
Il singolo, “Boogie Chillen ‘”, divenne un successo e il race record più venduto del 1949. Nonostante fosse analfabeta, Hooker era un prolifico paroliere.
Oltre ad adattare i testi blues tradizionali, ha composto canzoni originali.
Negli anni ’50, come molti musicisti neri, Hooker guadagnava poco dalle vendite di dischi, quindi spesso registrava variazioni delle sue canzoni per diversi studi dietro pagamento di una tariffa iniziale.
Per eludere il suo contratto discografico, ha usato vari pseudonimi, tra cui John Lee Booker (per Chess Records e Chance Records nel 1951-1952), Johnny Lee (per De Luxe Records nel 1953-1954), John Lee, John Lee Cooker,  Texas Slim, Delta John, Birmingham Sam and his  magic guitar, Johnny Williams e Boogie Man.
Le sue prime canzoni da solista sono state registrate da Bernie Besman.
Hooker raramente suonava con un ritmo standard, ma  ha invece cambiato il tempo per adattarsi alle esigenze della canzone.
Questo spesso rendeva difficile usare musicisti di supporto, che non erano abituati ai capricci musicali di Hooker.
Di conseguenza, Besman ha registrato Hooker che suonava la chitarra, cantava e calpestava un pallet di legno a tempo con la musica.
Per gran parte di questo periodo ha registrato ed è andato in tour con Eddie Kirkland. Nelle sessioni successive di Hooker per la Vee-Jay Records a Chicago, musicisti in studio lo hanno accompagnato nella maggior parte delle sue registrazioni, incluso Eddie Taylor, che sapeva gestire le sue idiosincrasie musicali.
“Boom Boom” (1962)  e “Dimples”, due canzoni popolari di Hooker, furono originariamente pubblicate da Vee-Jay.
A partire dal 1962, Hooker ottenne una maggiore visibilità quando fece un tour in Europa all’annuale American Folk Blues Festival.
Il suo “Dimples” divenne un singolo di successo nelle UK Singles Charts nel 1964, otto anni dopo la sua prima uscita negli Stati Uniti.
Hooker ha iniziato a esibirsi e registrare con musicisti rock.
Una delle sue prime collaborazioni è stata con il gruppo rock blues britannico The Groundhogs.
Nel 1970, ha registrato l’album congiunto Hooker ‘n Heat, con il gruppo americano di blues e boogie rock Canned Heat,  il cui repertorio includeva adattamenti delle canzoni di Hooker.
Divenne il primo album di Hooker a raggiungere le classifiche di Billboard, raggiungendo il numero 78 della Billboard 200.
Presto seguirono altri album di collaborazione, tra cui Endless Boogie (1971) e Never Get Out of These Blues Alive (1972), che includeva Steve Miller , Elvin Bishop Van Morrison e altri.
Hooker è apparso nel film del 1980 The Blues Brothers.
Ha eseguito “Boom Boom” nel ruolo di un musicista di strada.
Nel 1989, ha registrato l’album The Healer con Carlos SantanaBonnie Raitt e altri.
Gli anni ’90 videro altri album di collaborazione: Mr. Lucky (1991), Chill Out (1995) e Don’t Look Back (1997) con Morrison, Santana e altri musicisti ospiti.
La sua nuova registrazione di “Boom Boom” (la title track del suo album del 1992) con il chitarrista  Jimmie Vaughan divenne il singolo più alto nelle classifiche di Hooker (numero 16) nel Regno Unito.
Come See About Me, un DVD del 2004, include spettacoli girati tra il 1960 e il 1994 e interviste con molti dei musicisti.
Hooker possedeva cinque case, comprese le case situate a Los Altos, in California; Redwood City, California, Long Beach, California e Gilroy, California.
Hooker morì nel sonno il 21 giugno 2001 a Los Altos, in California, nella sua casa.
È sepolto nella Chapel of the Chimes a Oakland, in California.
Gli sopravvissero otto figli, 19 nipoti e numerosi pronipoti. 

 

 

 

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: