Vai al contenuto

Guitar corner : Grant Green ★

grant greenGreen è nato a St. Louis, nel Missouri. Si è esibito per la prima volta in un ambiente professionale all’età di 13 anni come membro di un ensemble di musica gospel.
Le sue influenze furono Charlie Christian, Charlie Parker Lester Young e Jimmy Raney, che suonò dapprima boogie-woogie prima di passare al jazz. Le sue prime registrazioni a St. Louis furono con il sassofonista tenore  Jimmy Forrest per l’etichetta United. Il batterista della band era Elvin Jones, in seguito il potente motore dietro John Coltrane. Green ha registrato di nuovo con Elvin nei primi anni ’60. Lou Donaldson lo ha scoperto mentre suonava in un bar di St. Louis. Dopo essere andato in tournée insieme a Donaldson, Green arrivò a New York intorno al 1959-1960.
Lou Donaldson ha presentò Green ad Alfred Lion della Blue Note Records. Lion fu così colpito che, piuttosto che testare Green come sideman, come era la solita pratica dei Blue Note, fece in modo che registrasse per primo come capogruppo. Tuttavia, a causa della mancanza di fiducia di Green, la sessione di registrazione iniziale è stata rilasciata solo nel 2001 come First Session.
Malgrado l’accantonamento della sua prima sessione, il rapporto discografico di Green con Blue Note doveva durare, con poche eccezioni, durante gli anni ’60. Dal 1961 al 1965, Green fece più apparizioni sui LP Blue Note, come leader o sideman, di chiunque altro. Il primo album pubblicato da Green come leader è Grant’s First Stand. Questo è stato seguito nello stesso anno da Green Street e Grantstand. Grant fu nominato miglior nuovo protagonista nel sondaggio della critica di Down Beat, nel 1962. Spesso forniva supporto agli altri importanti musicisti di Blue Note, tra cui i sassofonisti Hank Mobley, Ike Québec Stanley Turrentine e l’organista Larry Young.
Sunday Mornin ‘, The Latin Bit e Feelin’ the Spirit sono tutti concept album sciolti, ognuno con un tema o uno stile musicale: rispettivamente Gospel, Latin e spirituals. Grant ha sempre portato a termine le sue date più commerciali con successo artistico durante questo periodo. Idle Moments (1963), con Joe Henderson e Bobby Hutcherson  Solid (1964), sono descritti dai critici jazz professionisti come due delle migliori registrazioni di Green.
Molte delle registrazioni di Grant Green non furono pubblicate durante la sua vita. Questi includono quelle con McCoy Tyner ed Elvin Jones (anche lui parte del gruppo Solid) esibendosi su Matador (anch’esso registrato nel 1964), e diversi album con il pianista Sonny Clark. Nel 1966 Green lasciò Blue Note e registrò per diverse altre etichette, tra cui Verve. Dal 1967 al 1969 Green è stato, per la maggior parte, inattivo a causa di problemi personali e degli effetti della dipendenza da eroina. Nel 1969 Green tornò con una nuova band influenzata dal funk. Le sue registrazioni di questo periodo includono il successo commerciale Green Is Beautiful e la colonna sonora del film The Final Comedown.
Green lasciò di nuovo Blue Note nel 1974 e le successive registrazioni che fece con altre etichette dividono l’opinione: alcuni considerano Green il padre di Acid Jazz (e le sue ultime registrazioni sono state campionate da artisti tra cui US3, A Tribe Called Quest e Public Enemy), mentre altri li hanno respinti (il produttore della ristampa Michael Cuscuna ha scritto nelle note sulle copertine per l’album Matador: “Durante gli anni ’70 [Green] ha fatto dei dischi piuttosto scadenti”).
Green ha trascorso gran parte del 1978 in ospedale e, contro il parere dei medici, è tornato sulla strada per guadagnare denaro. Mentre si trovava a New York per suonare a Breezin ‘Lounge di George Benson, è crollato nella sua auto per un attacco di cuore ed è morto il 31 gennaio 1979. Fu sepolto nel cimitero di Greenwood nella sua città natale di St. Louis, Missouri, e fu sopravvissuto da sei bambini. Dalla morte di Green, la sua reputazione è cresciuta ed esistono molte compilation, sia dei suoi periodi precedenti (post-bop / straight jazz e soul jazz) che successivi (funkier / dancefloor jazz).
Discografia :
Grant’s First Stand(1961)
Green Street(1961)
Sunday Morning(1962)
Grantstand(1962)
Remembering(1980)
Gooden’s Corner (1980)

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: