Vai al contenuto

Le voci : Ella Fitzgerald

Ella Fitzgerald è nata il 25 aprile 1917 a Newport News, in Virginia. Era la figlia di William Fitzgerald e Temperance “Tempie” Henry.
I suoi genitori non erano sposati ma vissero insieme per almeno due anni e mezzo dopo la sua nascita. All’inizio degli anni 1920, la madre della Fitzgerald e il suo nuovo partner, un immigrato portoghese di nome Joseph Da Silva, si trasferirono a Yonkers, nella contea di Westchester, New York.
La sua sorellastra, Frances Da Silva, è nata nel 1923.
Nel 1925,la Fitzgerald e la sua famiglia si sono trasferiti nella vicina School Street, una povera area italiana.
Ha iniziato la sua istruzione formale all’età di sei anni ed era una studentessa eccezionale, passando per una varietà di scuole prima di frequentare la Benjamin Franklin Junior High School nel 1929.
A partire dalla terza elementare, Ella adorava ballare e ammirava Earl Snakehips Tucker. Si è esibita per i suoi coetanei sulla strada per la scuola e all’ora di pranzo.
Lei e la sua famiglia erano metodisti ed erano attivi nella chiesa episcopale metodista africana di Betania, dove frequentava servizi di culto, studio della Bibbia e scuola domenicale.
La chiesa fornì alla Fitzgerald le sue prime esperienze musicali.
Ascoltò le registrazioni jazz di Louis Armstrong, e Connee Boswell.
Ha idolatrato la cantante delle Boswell Sisters, Connee Boswell, in seguito dicendo: “Mia madre ha portato a casa uno dei suoi dischi e me ne sono innamorata … Ho provato così tanto a cantare proprio come lei”.
Nel 1932, quando la Fitzgerald aveva quindici anni, sua madre morì per le ferite riportate in un incidente d’auto.
Il patrigno si prese cura di lei fino all’aprile 1933, quando si trasferì ad Harlem per vivere con sua zia.
Questo cambiamento apparentemente rapido nelle sue circostanze, rafforzato da ciò che il biografo di Fitzgerald Stuart Nicholson descrive come voci di “maltrattamenti” da parte del suo patrigno, lo lascia a ipotizzare che Da Silva avrebbe potuto abusare di lei.
La Fitzgerald iniziò a saltare la scuola e i suoi voti ne soffrirono.
Ha lavorato come guardia al bordello e come corriera di numeri affiliati alla mafia.
Non ha mai parlato pubblicamente di questo in vita sua.
Quando le autorità la raggiunsero, fu messa nel manicomio di Orphan (per bianchi e afroamericani) a Riverdale nel Bronx.
Quando l’orfanotrofio si è rivelato troppo affollato, è stata trasferita alla New York Training School for Girls, una scuola statale di riforma a Hudson, New York.
Mentre sembra essere sopravvissuta durante il 1933 e il 1934 in parte cantando per le strade di Harlem, la Fitzgerald fece il suo debutto importante all’età di 17 anni il 21 Novembre 1934, in una delle prime notti amatoriali all’Apollo Theater.
Aveva intenzione di salire sul palco e ballare, ma era intimidita da un duo di ballo locale chiamato Edwards Sisters e optò invece per cantare.
Esibendosi nello stile di Connee Boswell, ha cantato “Judy” e ha vinto il primo premio.
Ha vinto la possibilità di esibirsi all’Apollo per una settimana ma, apparentemente a causa del suo aspetto arruffato, il teatro non le ha mai dato quella parte del suo premio.
Nel gennaio del 1935, la Fitzgerald vinse la possibilità di esibirsi per una settimana con la band di Tiny Bradshaw all’Harlem Opera House.
Fu presentata al batterista e capofila Chick Webb , che aveva chiesto al suo cantante Charlie Linton, recentemente messo sotto contratto, di aiutarlo a trovare una cantante. Sebbene Webb fosse “riluttante a farla firmare… perché era goffa e sgarbata, un ‘diamante grezzo'” , le offrì l’opportunità di mettersi alla prova con la sua band quando suonarono a un ballo alla Yale University.
Incontrata l’approvazione del pubblico e dei suoi colleghi musicisti, a alla Fitzgerald fu chiesto di unirsi all’orchestra di Webb e ottenne il plauso come parte delle esibizioni del gruppo alla Harlem’s Savoy Ballroom. Ella ha registrato diverse canzoni di successo, tra cui “Love and Kisses”.
Ma è stata la sua versione del 1938 della filastrocca, “A-Tisket, A-Tasket”, una canzone che ha co-scritto, che le ha procurato il plauso del pubblico. “A-Tisket, A-Tasket” è diventato un grande successo alla radio ed è stato anche uno dei dischi più venduti del decennio.
Webb morì di tubercolosi spinale il 16 giugno 1939 e la sua band fu ribattezzata Ella e la sua famosa orchestra con la Fitzgerald che assunse il ruolo di capofila .
Ha registrato quasi 150 canzoni con l’orchestra di Webb tra il 1935 e il 1942. Oltre al suo lavoro con Webb, la Fitzgerald ha suonato e registrato con la Benny Goodman Orchestra. Aveva anche un suo progetto secondario, noto come Ella Fitzgerald e Her Savoy Eight
Nel 1942, con crescenti problemi di dissenso e denaro nella band, iniziò a lavorare come cantante principale con The Three Keys, e a luglio la sua band suonò il loro ultimo concerto al Earl Theatre di Filadelfia.
Mentre lavorava per la Decca Records, ha avuto successi con Bill Kenny e gli Ink Spots, Louis Jordan e Delta Rhythm Boys. Il produttore Norman Granz divenne il sua manager a metà degli anni ’40, dopo aver iniziato a cantare per il JATP, una serie di concerti iniziata da Granz.
Con la fine dell’era dello swing e il declino delle grandi band in tournée, si verificò un grande cambiamento nella musica jazz. L’avvento di bebop ha portato a nuovi sviluppi nello stile vocale della Fitzgerald, influenzato dal suo lavoro con la grande band di Dizzy Gillespie. Fu in questo periodo che la Fitzgerald iniziò a includere scat cantando come parte principale del suo repertorio di spettacoli. Mentre cantava con Gillespie, la Fitzgerald ha ricordato, “Ho appena provato a fare [con la mia voce] quello che ho sentito fare i corni nella band.”
La sua registrazione scat di “Flying Home” del 1945 arrangiata da Vic Schoen sarebbe stata successivamente descritta dal New York Times come “uno dei dischi jazz vocali più influenti del decennio …. Dove altri cantanti, in particolare Louis Armstrong, avevano provato simile improvvisazione, nessuno prima che la signorina Fitzgerald impiegasse la tecnica con tale inventiva abbagliante. ”
La sua registrazione bebop di” Oh, Lady Be Good! ” (1947) era altrettanto popolare e aumentò la sua reputazione come una delle principali cantanti jazz.
La Fitzgerald fece il suo primo tour in Australia nel luglio 1954 per il promotore americano australiano Lee Gordon.
Questa è stata la prima delle famose promozioni “Big Show” di Gordon e il tour “pacchetto” includeva anche Buddy Rich, Artie Shaw e il comico Jerry Colonna.
Sebbene il tour sia stato un grande successo di pubblico e abbia stabilito un nuovo record al botteghino per l’Australia, è stato rovinato da un episodio di discriminazione razziale che ha causato alla Fitzgerald la mancanza dei primi due concerti a Sydney e Gordon ha dovuto organizzare due concerti gratuiti per compensare i possessori di biglietti. Sebbene i quattro membri dell’entourage della Fitzgerald, il suo pianista John Lewis, la sua assistente (e cugina) Georgiana Henry e il manager Norman Granz – tutti avevano biglietti di prima classe sul volo di linea Pan-American Airlines da Honolulu all’Australia, venne ordinato di lasciare l’aeromobile dopo che erano già saliti a bordo e gli fu negato il permesso di salire a bordo dell’aeromobile per recuperare i bagagli e i vestiti. Di conseguenza, furono bloccati a Honolulu per tre giorni prima di poter prendere un altro volo per Sydney. Sebbene un rapporto della stampa australiana contemporanea citasse un portavoce australiano di Pan-Am che negava che l’incidente fosse basato su base razziale, Fitzgerald, Henry, Lewis e Granz hanno intentato una causa civile per discriminazione razziale contro Pan-Am nel dicembre 1954 e in un’intervista televisiva del 1970, la Fitzgerald confermò di aver vinto la causa e di aver ricevuto quello che lei descrisse come un “piacevole accordo”.
La Fitzgerald si esibiva ancora al Granz’s Jazz (JATP) del 1955. Lasciò Decca e Granz, ora suo manager e crearono Verve Records attorno a lei. In seguito descrisse il periodo come strategicamente cruciale, dicendo: “Ero arrivato al punto in cui cantavo solo be-bop. Pensavo che be-bop fosse” esso “, e che tutto ciò che dovevo fare era andare in qualche posto e cantare bop. Ma alla fine arrivai al punto in cui non avevo un posto dove cantare. Mi resi conto allora che c’era altro nella musica oltre al bop. Norman … sentì che avrei dovuto fare altre cose, quindi ha prodotto Ella Fitzgerald canta il Cole Porter. Fu una svolta nella mia vita. ”
Il 15 marzo 1955, Ella Fitzgerald aprì il suo ingaggio iniziale al nightclub Mocambo di Hollywood, dopo che Marilyn Monroe fece pressioni sul proprietario per la prenotazione.
La prenotazione è stata determinante nella carriera di Fitzgerald. Bonnie Greer ha drammatizzato l’incidente come il dramma musicale, Marilyn ed Ella, nel 2008. In precedenza era stato ampiamente riportato che Fitzgerald era il primo artista nero a suonare al Mocambo, in seguito all’intervento della Monroe, ma questo non è vero. I cantanti afroamericani Herb Jeffries, Eartha Kitt, e Joyce Bryant suonarono tutti il ​​Mocambo nel 1952 e nel 1953, secondo le storie pubblicate all’epoca sulla rivista Jet e Billboard.
Ella Fitzgerald sings the Cole Porter Song Book, pubblicato nel 1956, è stato il primo di otto set di Song Book che la Fitzgerald avrebbe registrato per Verve a intervalli irregolari dal 1956 al 1964. I compositori e i parolieri messi in luce su ogni set, presi insieme, rappresentano la parte migliore del canone culturale noto come Great American Songbook. Le sue selezioni di canzoni andavano dagli standard alle rarità e rappresentavano un tentativo di Fitzgerald di passare ad un pubblico non jazz. I set sono gli oggetti più noti nella sua discografia.
Ella Fitzgerald sings Duke Ellington Song Book era l’unico Song Book su cui il compositore che interpretava suonava con lei. Duke Ellington e il suo collaboratore di lunga data Billy Strayhorn sono entrambi apparsi esattamente su metà delle 38 tracce del set e hanno scritto due nuovi brani musicali per l’album: “The E and D Blues” e un ritratto musicale di quattro movimenti per la Fitzgerald. La serie Song Book finì per diventare l’opera più acclamata dalla critica e di successo commerciale della cantante, e probabilmente la sua offerta più significativa alla cultura americana. Il New York Times scrisse nel 1996, “Questi album furono tra i primi dischi pop a dedicare una così seria attenzione ai singoli cantautori, e furono fondamentali per stabilire l’album pop come veicolo per una seria esplorazione musicale”.
Giorni dopo la morte della Fitzgerald, l’editorialista del New York Times Frank Rich scrisse che nella serie di Song Book la Fitzgerald “eseguì una transazione culturale straordinaria quanto la contemporanea integrazione di Elvis tra anima bianca e afroamericana. Qui c’era una donna nera che diffonde canzoni urbane spesso scritte da ebrei immigrati ad un pubblico nazionale di cristiani prevalentemente bianchi. ”
Frank Sinatra, per rispetto della Fitzgerald, proibì a Capitol Records di pubblicare nuovamente le proprie registrazioni in album separati per singoli compositori allo stesso modo.
ha anche registrato album dedicati esclusivamente alle canzoni di Porter e Gershwin nel 1972 e nel 1983; gli album sono, rispettivamente, Ella Loves Cole e Nice Work If You Can Get It. Durante il suo periodo con Pablo Records, Ella Abraça Jobim, fu pubblicata una raccolta dedicata a un singolo compositore, con le canzoni di Antônio Carlos Jobim.
Durante la registrazione dei Song Books la Fitzgerald andava in tournée da 40 a 45 settimane all’anno negli Stati Uniti e all’estero, sotto la guida di Norman Granz. Granz ha contribuito a consolidare la sua posizione come uno dei principali artisti jazz dal vivo.
Nel 1961 acquistò una casa nel quartiere Klampenborg di Copenaghen, in Danimarca, dopo aver iniziato una relazione con un uomo danese. Sebbene la relazione si sia conclusa dopo un anno, la Fitzgerald è tornato regolarmente in Danimarca nei successivi tre anni e ha persino preso in considerazione l’acquisto di un jazz club lì. La casa fu venduta nel 1963 e Ella tornò definitivamente negli Stati Uniti.
Ci sono molti album live su Verve che sono molto apprezzati dalla critica. Al Teatro dell’Opera mostra un tipico set JATP della Fitzgerald. Twelve Nights a Hollywood mostra il suo canone jazz vocale. Ella in Berlin è ancora uno dei suoi album più venduti; include un’esibizione vincitrice dei Grammy di “Mack the Knife” in cui dimentica i testi ma improvvisa magnificamente per compensare.
Verve Records fu venduta a MGM nel 1963 per $ 3 milioni e nel 1967 MGM non riuscì a rinnovare il contratto di Fitzgerald. Nel corso dei successivi cinque anni ha diviso tra Atlantic, Capitol e Reprise. Il suo materiale in quel momento rappresentava un allontanamento dal suo repertorio jazz tipico. Per Capitol ha registrato Brighten the Corner, un album di inni, il Natale di Ella Fitzgerald, un album di canti natalizi tradizionali, Misty Blue, un album di ispirazione country e occidentale, e 30 di Ella, una serie di sei medle che hanno adempiuto ai suoi obblighi per l’etichetta. Durante questo periodo, ha avuto il suo ultimo singolo in classifica negli Stati Uniti con una cover di “Get Ready” di Smokey Robinson, precedentemente un successo e alcuni mesi dopo una delle cinque migliori hit per Rare Earth.
Il successo a sorpresa dell’album Jazz al Santa Monica Civic ’72 del 1972 portò Granz a fondare Pablo Records, la sua prima etichetta discografica dalla vendita di Verve. La Fitzgerald ha registrato circa 20 album per l’etichetta. Ella in Londra, registrato dal vivo nel 1974 con il pianista Tommy Flanagan, il chitarrista Joe Pass, il bassista Keter Betts e il batterista Bobby Durham, è stato considerato da molti come uno dei suoi migliori lavori. L’anno seguente si esibì nuovamente con Joe Pass sulla stazione televisiva tedesca NDR di Amburgo. I suoi anni con Pablo Records hanno anche documentato il declino della sua voce. “Usava spesso frasi più brevi e lancinanti, e la sua voce era più dura, con un vibrato più ampio”, ha scritto un biografo. Afflitta da problemi di salute, la Fitzgerald ha realizzato la sua ultima registrazione nel 1991 e le sue ultime esibizioni pubbliche nel 1993.
Lullabies of Birdland– 1956

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: