Vai al contenuto

I pianisti : Fats Waller

Waller era il settimo figlio di 11 (cinque dei quali sopravvissuti all’infanzia) nato da Adeline Locket Waller, una musicista, e il reverendo Edward Martin Waller, un camionista e pastore a New York City.
Ha iniziato a suonare il piano quando aveva sei anni e si è diplomato suonando l’organo nella chiesa di suo padre quattro anni dopo. Sua madre lo ha istruito in gioventù e ha frequentato altre lezioni di musica, pagandole lavorando in un negozio di alimentari.
Waller ha frequentato la DeWitt Clinton High School per un semestre, ma ha lasciato la scuola a 15 anni per lavorare come organista al Lincoln Theatre di Harlem, dove guadagnava $ 32 a settimana.
In 12 mesi compose il suo primo rag. Fu allievo premio e in seguito amico e collega del pianista stride James P. Johnson.
Sua madre morì il 10 novembre 1920 per un ictus a causa del diabete.
Le prime registrazioni di Waller, “Muscle Shoals Blues” e “Birmingham Blues”, furono realizzate nell’ottobre del 1922 per la Okeh Records. Quell’anno, ha anche realizzato il suo primo piano roll per pianoforte, “Got to Cool My Doggies Now”.
La prima composizione pubblicata di Waller, “Squeeze Me”, fu pubblicata nel 1924.
Waller divenne uno degli artisti più famosi della sua epoca, trovando successo commerciale e critico negli Stati Uniti e in Europa. Era anche un prolifico cantautore, e molte canzoni che ha scritto o co-scritto sono ancora popolari, come “Honeysuckle Rose”, “Ain’t Misbehavin ‘” e “Squeeze Me”.
Si ritiene che Waller abbia composto molte melodie negli anni 1920 e 1930 e le abbia vendute per piccole somme, venendo così attribuite a un altro compositore e paroliere.
Gli standard attribuiti a Waller, a volte in modo controverso, includono “I Can’t Give You Anything but Love, Baby”. La canzone fu resa famosa da Adelaide Hall nello spettacolo di Broadway Blackbirds del 1928.
Il biografo Barry Singer ipotizzò che questo classico jazz fosse stato scritto da Waller e dal paroliere Andy Razaf e fornì una descrizione della vendita data da Waller al New York Post nel 1929 — vendette la canzone per $ 500 a un cantautore bianco, per l’uso in un spettacolo di successo finanziario (coerente con i contributi di Jimmy McHugh a Revels di Harry Delmar, 1927, e poi a Blackbirds del 1928). Appoggia inoltre la congettura, rilevando che i primi manoscritti scritti a mano nel Dana Library Institute of Jazz Studies of “Spreadin ‘Rhythm Around” (Jimmy McHugh © 1935) sono in mano a Waller.
Lo storico jazz Paul S. Machlin commenta che la congettura di Singer ha “una considerevole giustificazione [storica]”.
Il figlio di Waller, Maurice, scrisse nella biografia di suo padre del 1977 che una volta Waller si era lamentato di aver ascoltato la canzone, e venne sopra per ammonirlo di non suonarla mai in sua presenza perché aveva dovuto venderla quando aveva bisogno di soldi.
Allo stesso modo la biografia di Maurice Waller nota le obiezioni di suo padre all’audizione di “On the Sunny Side of the Street” alla radio. [ Waller registrò “I Can’t Give You …” nel 1938, suonando la melodia ma prendendo in giro i testi; la registrazione fu con Adelaide Hall che aveva presentato la canzone al mondo al Les Ambassadeurs Club di New York nel 1928
Le note anonime sulla copertina dell’album RCA Victor del 1960 Handful of Keys affermano che Waller ha protetto da copyright oltre 400 canzoni, molte delle quali sono state scritte insieme al suo collaboratore più stretto, Andy Razaf. Razaf ha descritto il suo partner come “l’anima della melodia … un uomo che ha fatto cantare il piano … sia grande nel corpo che nella mente … noto per la sua generosità … un fascio di gioia gorgogliante”.
Gene Sedric, un clarinettista che ha suonato con Waller in alcune delle sue registrazioni degli anni ’30, è citato in queste note sulle maniche ricordando la tecnica di registrazione di Waller con notevole ammirazione: “Fats era l’uomo più rilassato che io abbia mai visto in uno studio, e così facendo, faceva rilassare tutti.
Waller ha suonato con molti artisti, da Nathaniel Shilkret (su Victor 21298-A) e Gene Austin a Erskine Tate, Fletcher Henderson, Cotton Pickers di McKinney e Adelaide Hall, ma il suo più grande successo è arrivato con la sua combinazione di cinque o sei pezzi ” Fats Waller and his rhythm “.
In più d’un’occasione il suo modo di suonare sembra averlo messo a rischio di infortunio. Waller fu rapito a Chicago lasciando una performance nel 1926. Quattro uomini lo misero in una macchina e lo portarono all’Hawthorne Inn, di proprietà di Al Capone. Waller fu infilato all’interno dell’edificio e trovò una festa in pieno svolgimento. Pistola alla schiena, fu spinto verso un piano e gli fu detto di suonare. Un terrorizzato Waller si rese conto di essere “l’ospite a sorpresa” alla festa di compleanno di Capone e si consolò del fatto che i gangster non intendessero ucciderlo. Si dice che Waller sia rimasto all’Hawthorne Inn per tre giorni e sia rimasto molto ubriaco, estremamente stanco, e avesse guadagnato migliaia di dollari in contanti da Capone e da altri frequentatori di feste.
Nel 1926, Waller iniziò la sua associazione discografica con la Victor Talking Machine Company / RCA Victor, la sua principale casa discografica per il resto della sua vita, con gli assoli di organo “St. Louis Blues” e la sua composizione “Lenox Avenue Blues”. Sebbene abbia registrato con vari gruppi, tra cui Morris’s Hot Babes (1927), Fats Waller’s Buddies (1929) (uno dei primi gruppi multirazziali da registrazione) e McKinney’s Cotton Pickers (1929), il suo contributo più importante alla tradizione del pianoforte di Harlem fu una serie di registrazioni soliste delle sue composizioni: “Handful of Keys”, “Smashing Thirds”, “Numb Fumblin ‘” e “Valentine Stomp” (1929). Dopo le sessioni con Ted Lewis (1931), Jack Teagarden (1931) e Rhythmakers di Billy Banks (1932), iniziò nel maggio del 1934 la voluminosa serie di registrazioni con una piccola band nota come Fats Waller and his rhythm. Questo gruppo di sei pezzi di solito includeva Herman Autrey (a volte sostituito da Bill Coleman o John “Bugs” Hamilton), Gene Sedric o Rudy Powell e Al Casey.
Waller scrisse “Squeeze Me” (1919), “Keepin ‘Out of Mischief Now”, “Ain’t Misbehavin'” (1929), “Blue Turning Grey Over You”, “I Got a Feel I’m Falling” (1929), “Honeysuckle Rose” (1929) e “Jitterbug Waltz” (1942). Ha composto brani per pianoforte come “Handful of Keys”, “Valentine Stomp” e “Viper’s Drag”
Ha goduto del successo in tournée nel Regno Unito e in Irlanda negli anni ’30, apparendo in una delle prime trasmissioni televisive della BBC il 30 settembre 1938.
Mentre era in Gran Bretagna, Waller ha anche registrato una serie di brani per la EMI sul loro organo Compton Theatre situato nei loro Abbey Road Studios a St John’s Wood. È apparso in diversi film e cortometraggi, in particolare Stormy Weather nel 1943, uscito il 21 luglio, pochi mesi prima della sua morte. Per lo spettacolo di successo di Broadway Hot Chocolates, lui e Razaf scrissero “Black and Blue” (1929), che divenne un successo per Ethel Waters e Louis Armstrong.
Waller eseguì occasionalmente brani di organo di Bach per piccoli gruppi. Ha influenzato molti pianisti jazz pre-bebop; Count Basie e Erroll Garner hanno entrambi rianimato le sue canzoni di successo. Oltre a suonare, Waller era noto per le sue molte battute umoristiche durante le sue esibizioni.
Tra il 1926 e la fine del 1927, Waller registrò una serie di dischi solisti di organo a canne. Questi rappresentano la prima volta che composizioni jazz sincopate sono state eseguite su un organo da chiesa di dimensioni standard.
Waller ottenne il record di diventare il primo cantautore afroamericano a comporre un musical di successo di Broadway visto da un pubblico prevalentemente bianco. L’assunzione di Waller da parte del produttore di Broadway Richard Kollmar per creare il musical Early to Bed è stata ricordata in un saggio del 2016 su Waller di John McWhorter, un accademico e linguista americano che è professore associato di inglese e letteratura comparata alla Columbia University, dove insegna linguistica, storia americna, filosofia e storia della musica. (È autore di numerosi libri sulla lingua e sulle relazioni razziali.)
Sei mesi dopo la premiere di Early to Bed, i giornali riportarono la prematura morte del pianista.

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: