Vai al contenuto

I pianisti (e non solo) Fletcher Henderson ★

Annunci

James Fletcher Hamilton Henderson è nato a Cuthbert, in Georgia, nel 1897. È cresciuto in una famiglia afroamericana della classe media. Suo padre, Fletcher Hamilton Henderson (1857–1943), fu il preside della vicina Howard Normal Randolph School dal 1880 al 1942. La sua casa, ora conosciuta come Fletcher Henderson House, è un sito storico. Sua madre, un’insegnante, insegnò a lui e suo fratello Orazio a suonare il piano. Ha iniziato le lezioni all’età di sei anni. Suo padre ogni tanto chiudeva Fletcher nella sua stanza ad esercitarsi per ore. All’età di 13 anni, Henderson possedeva una spiccata capacità di leggere musica e intuirne il senso.
Ha proseguito gli studi con sua madre e si è inoltre impegnato in lezioni di arte europea.
Sebbene fosse un musicista di talento, Henderson decise di dedicarsi alla matematica e alla scienza. All’età di 18 anni si trasferì ad Atlanta, in Georgia, e cambiò il suo nome in Fletcher Henderson, rinunciando a James, il nome di suo nonno.
Frequentò l’Università di Atlanta (dove era membro della confraternita Alpha Phi Alpha) e si laureò nel 1920 con una laurea in chimica e matematica.
Dopo la laurea, si trasferisce a New York City con l’intenzione di frequentare la Columbia University per un master in chimica, ma nessuna prova che si sia effettivamente iscritto è mai stata rinvenuta. Ottenne un lavoro part-time come assistente di laboratorio in una ditta di chimica del centro di Manhattan, durando solo un anno.
A New York City, Henderson condivideva un appartamento con un pianista che lavorava come musicista in un’orchestra fluviale. Quando il suo compagno di stanza fu troppo malato per esibirsi, Henderson prese il suo posto, che presto gli diede un lavoro come sostituto a tempo pieno. Nell’autunno del 1920 trovò lavoro come dimostratore di canzoni con Pace and Handy Music Co. Henderson e scoprì che la musica sarebbe stata più redditizia della chimica e lasciò il suo lavoro come chimico di laboratorio per iniziare una vita nella musica. Quando Pace lasciò la compagnia per fondare la Black Swan Records, portò con sé Henderson come direttore musicale, un lavoro durato dal 1921 al 1923. Dal 1920-1923, suonò principalmente l’accompagnamento di piano per cantanti blues. Henderson andò in tournée con i Black Swan Troubadours con Ethel Waters dall’ottobre 1921 al luglio 1922.
Le sue attività fino alla fine del 1923 erano principalmente date di registrazione per Black Swan e altre etichette. La sua band a questo punto era solo un’unità di raccolta per le registrazioni, non una normale band di lavoro. Nel gennaio 1924 la band di registrazione divenne la house band al Club Alabam a 216 w. 44th st. Nonostante molte pubblicazioni errate, questa band del 1924 fu la prima band di lavoro di Henderson.
Nel luglio del 1924 la band iniziò un breve ingaggio al Roseland Ballroom. Sebbene intendesse rimanere solo per alcuni mesi, la band fu riportata per la stagione autunnale. Henderson invitò il cornetista 23enne Louis Armstrong a unirsi alla band. Il 13 ottobre 1924 la storia fu fatta quando la band di Henderson iniziò il lavoro al Roseland con Louis Armstrong ora nell’orchestra. Rapidamente la band divenne nota come la migliore band afro-americana a New York. Alla fine del 1924, gli arrangiamenti di  includevano più lavori solisti. Sebbene Armstrong abbia suonato nella band solo per un anno, la sua influenza su tutta la band Henderson e tutto il jazz durante questo periodo non può essere sottovalutata.
La band di Henderson vantava i formidabili talenti nell’organizzazione di Don Redman. Dopo la partenza di Redman dalla band nel 1927, Henderson accettò alcuni arrangiamenti, ma Benny Carter rimpiazzò Redman come sassofonista e arrangiatore dal 1930 al 1931, e Henderson acquistò anche spartiti da musicisti freelance (incluso John Nesbitt dei Cotton Pickers di McKinney) .
Henderson sviluppò le sue capacità di arrangiamento dal 1931 alla metà degli anni ’30.
La sua band c. 1925 includeva Howard Scott, Coleman Hawkins (che iniziò con Henderson nel 1923, suonando le parti di tuba su un sassofono basso e passando rapidamente al sassofono tenore e un ruolo da solista), Louis Armstrong, Charlie Dixon, Kaiser Marshall, Buster Bailey, Elmer Chambers, Charlie GreenRalph Escuro. e Don Redman.
Nel 1925, con Henry Troy, scrisse “Gin House Blues”, registrato tra gli altri da Bessie Smith . Altre sue composizioni includono “Soft Winds”.
Henderson registrò ampiamente negli anni ’20 per quasi tutte le etichette, tra cui Vocalion, Paramount, Columbia, Olympic, Ajax, Pathé, Perfect, Edison, Emerson, Brunswick, e le etichette dei negozi Dime Banner, Oriole, Regal, Cameo e Romeo.
Dal 1925 al 1930, registrò principalmente per Columbia e Brunswick / Vocalion con il proprio nome e una serie di registrazioni acustiche come Dixie Stompers per Harmony Records e etichette associate di Dime Store (Diva e Velvet Tone).
Durante gli anni ’30, ha registrato per Columbia, Crown (come “Connie’s Inn Orchestra”), ARC (Melotone, Perfect, Oriole, Vocalion), Bluebird, Victor e Decca. A partire dai primi anni 1920, ha registrato successi popolari e melodie jazz. Nel 1924 lui e la sua band registrarono 80 squadre. La sua versione della melodia pop “I Can’t Get the One I Want”, registrata il 19 giugno 1924 circa, fu pubblicata su almeno 23 etichette.
Oltre a Armstrong, i trombettisti solisti includevano Red Allen, Joe Smith, Rex Stewart, Tommy LadnierDon Cheatham e Roy Eldrige . I sassofonisti principali includevano Coleman Hawkins, Buster Bailey, Benny Carter e Chu BerrySun Ra ha collaborato come arrangiatore durante gli anni ’40, durante l’impegno di Henderson al Club DeLisa di Chicago. Sun Ra ha detto che al primo ascolto dell’orchestra di Henderson da adolescente ha pensato che fossero angeli perché nessun essere umano poteva produrre musica così bella.
Sebbene la band di Henderson fosse popolare, ebbe poco successo nella sua gestione. La sua mancanza di riconoscimento al di fuori di Harlem dovette fare i conti con i tempi in cui visse, una gestione poco brillante, e i tempi difficili che risultarono dopo il crollo del mercato azionario del 1929. Fletcher aveva un talento nel trovare talenti, ma non ebbe molta fortuna nel mantenerli. In molte occasioni ha perso membri di talento con altri leader di gruppo. Ha anche avuto problemi con le finanze. Quando la band si sciolse nel 1934, fu costretto a vendere alcuni dei suoi arrangiamenti popolari a  Benny Goodman per tenerli insieme.
Dopo circa il 1931, i suoi arrangiamenti divennero influenti. Oltre agli arrangiamenti per la sua band, ha scritto arrangiamenti per Teddy Hill, Isham Jones e Benny Goodman. Si ferì una spalla in un incidente d’auto nel 1928. Sua moglie, Leora, incolpò l’incidente per il suo decrescente successo. Ha detto che John Hammond e Benny Goodman hanno acquistato gli arrangiamenti di Henderson per sostenerlo, che Goodman ha sempre dato credito ad Henderson per gli arrangiamenti e ha detto che li ha suonati meglio dei suoi. Inoltre, Goodman e Hammond organizzarono trasmissioni e registrazioni per aiutare Henderson quando era malato. Quattro decenni dopo, due delle sue canzoni, “Queer Notions” e “Yeah, Man!” sono state eseguite nel film Kansas City.
Nel 1935, la Goodman’s Orchestra fu selezionata come house band per il programma radiofonico NBC Let’s Dance. Poiché Goodman aveva bisogno di nuove classifiche ogni settimana per lo spettacolo, il suo amico John Hammond gli ha suggerì di acquistarne alcune da Henderson. Molti dei successi di Goodman dell’era swing furono suonati da Henderson e dalla sua band alla fine degli anni 1920 e all’inizio degli anni ’30, di solito come arrangiamenti di testa, che trascrisse dai suoi stessi dischi e poi vendette a Goodman. Tuttavia, suo fratello Horace Henderson raccontò (nella biografia di Goodman, Swing, Swing, Swing di Ross Firestone) che il clarinettista aveva fatto pesanti richieste a Henderson per nuove classifiche mentre la sua band era impegnata per lo spettacolo Let’s Dance nel 1934-1935, e che lui e stesso aiutò suo fratello a completarne alcuni. La cantante Helen Ward ha anche affermato che Henderson era felice di ascoltare la Goodman Orchestra che realizzava le sue creazioni con tale impeccabile musicalità.
Nel 1939, Henderson sciolse la sua band e si unì a quella di Goodman, prima come pianista e arrangiatore e poi lavorando a tempo pieno come arrangiatore dello staff. Ha riformato le sue band diverse volte negli anni ’40 e ha nuovamente suonato in tournée con Ethel Waters nel 1948-1949. Henderson ebbe un ictus nel 1950, con conseguente parziale paralisi che terminò le sue giornate come pianista.
Morì a New York City nel 1952, undici giorni dopo il suo 55 ° compleanno.

Annunci

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: