Vai al contenuto

Fiati e d’intorni : Charlie Barnet

charlie barnetBarnet è nato a New York City.
I suoi genitori divorziarono quando aveva due anni e fu allevato da sua madre e dai suoi nonni. Suo nonno era Charles Frederick Daly, vicepresidente della New York Central Railroad, banchiere e uomo d’affari.
Barnet ha frequentato vari collegi, sia nelle aree di New York che di Chicago. Ha imparato a suonare il piano e il sassofono da bambino. Abbandonava spesso la scuola per ascoltare musica e per cercare di ottenere lavoro come musicista.
Sebbene la sua famiglia volesse che diventasse un avvocato, preferì invece fare il musicista.
A sedici anni, Barnet aveva fatto lavori stradali con una band satellite di Jean Goldkette e quando era a New York, dove si unì al Pennsylvania Boys di Frank Winegar come sax tenore. Sempre irrequieto, nel 1931 si trasferì a Hollywood e appariva come un extra mentre cercava di interessare i capofamiglia locali alla musica calda, che era sempre più impopolare a causa della Grande Depressione. Alla fine del 1932, tornò ad est e persuase un contatto presso l’ufficio artisti della CBS per provarlo come direttore d’orchestra. Aveva 18 anni.
Barnet iniziò a registrare nell’ottobre del 1933, durante un ingaggio al Park Central Hotel di New York, ma non fu un grande successo per la maggior parte degli anni ’30, sciogliendo regolarmente la sua band e cambiando il suo stile. All’inizio del 1935 tentò di eseguire la prima musica swing all’Hotel Roosevelt di New Orleans, dove il governatore della Louisiana Huey Long, che non amava il nuovo suono, fece uscire la band dalla città attirandoli su un bordello, in cui fu poi fatta irruzione. Barnet si accordò con Joe Haymes per prendere alcuni dei suoi sidemen ormai disoccupati, mentre lui stesso andava su un’allodola a L’Avana, come scorta per donne anziane benestanti. Il 1936 vide un’altra edizione swing di Barnet, che presentava il quartetto vocale emergente The Modernaires ma svanì rapidamente dalla scena.
Il culmine della popolarità di Barnet – e la sua prima band veramente permanente – arrivò tra il 1939 e il 1941, un periodo che iniziò con la sua versione di successo di “Cherokee”, scritta da Ray Noble e arrangiata da Billy May. Nel 1944, Barnet ebbe un altro grande successo con “Skyliner”. Nel 1947, ha iniziato a passare dalla musica swing al bebop. Durante il suo periodo swing la sua band comprendeva Buddy DeFranco, Roy Eldridge, Neal Hefti, Lena Horne, Barney Kessel, Dodo Marmorosa, Oscar Pettiford e Art House, mentre le versioni successive della band includevano Maynard Ferguson, Doc Severinsen, Jimmy Knepper e Clark Terry . Il trombettista Billy May era un arrangiatore nella Charlie Barnet Orchestra prima di unirsi a Glenn Miller nel 1940.
Fu uno dei primi bandleader ad integrare la sua band; l’anno viene variamente indicato come 1935 o 1937. Era un chiaro ammiratore di Count Basie e di Duke Ellington. Ellington ha registrato la composizione di Charlie Barnet “In a Mizz”. Nel 1939, Basie prestò a Barnet le sue carte dopo che Barnets era stato distrutto da un incendio nella Palomar Ballroom di Los Angeles.
Nella canzone “The Wrong Idea”, ha illuminato il “dolce” suono della big band dell’epoca. La canzone è stata scritta da Billy May, che in seguito ha usato la stessa inclinazione satirica nelle sue collaborazioni con Stan Freberg su Capitol Records, inclusa la satira di Lawrence Welk “Wunnerful! Wunnerful!” Barnet’s era una famigerata band da festa in cui bere e atti vandalici non erano rari. Mentre Glenn Miller applicava severi standard di abbigliamento e portamento, Barnet era più interessato a divertirsi, secondo la sua autobiografia The Swinging Years.
Nel 1949 si ritirò, apparentemente perché aveva perso interesse per la musica. È stato in grado di ritirarsi quando ha scelto perché era uno dei pochi eredi in una famiglia molto ricca. Di tanto in tanto tornava dalla pensione per brevi tour ma non tornava mai alla musica a tempo pieno.
Nel 1956, pubblicò un album, Dance Bash, che fu registrato in cinque anni dal 1947 al 1952.
Conosciuto per un suono unico e uno stile fortemente oscillante sul sassofono tenore, Barnet alla fine degli anni ’30 ha aggiunto il sassofono contralto al suo arsenale, seguito dal sassofono soprano, uno strumento che era caduto in disgrazia dopo gli anni ’20 e non era generalmente utilizzato nell’era della big band.
Nel settembre del 1964, Barnet organizzò una festa privata per il suo eroe musicale, Duke Ellington, e l’orchestra per suonare al country club di San Jacinto di Palm Springs. Sulla porta, un piccolo cartello dipinto da Barnet diceva: “Eventuali lamentele per la musica ad alto volume o richieste di uso eccessivo di mute saranno motivo di espulsione immediata (a un tavolo nel parcheggio). Qualsiasi richiesta di musica folk, twist, watusi , o il rock and roll si tradurrà in un’esecuzione istantanea con palline da golf a 20 passi. ” Barnet non ha suonato alla riunione.

andreabianchi85 Mostra tutti

Freelance drummer.
Musicaddicted.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: