I batteristi : Warren “Baby” Dodds ★

warren baby dodds“Baby” Dodds era il fratello minore del clarinettista Johnny Dodds. Sua madre, che morì quando aveva nove anni, gli insegnò preziose lezioni sulla persistenza, che portò sempre con sé durante la sua carriera come batterista jazz. È nato in una famiglia molto musicale. Suo padre e suo zio suonavano il violino e sua sorella suonava l’armonica. Inoltre, suo padre era religioso e la famiglia cantava regolarmente inni insieme. Dodds, nella sua autobiografia The Baby Dodds Story, raccontava la storia della creazione del suo primo tamburo: “Ho preso una lattina di lardo e ho fatto dei buchi sul fondo, l’ho girata e ne ho fatto altri, prendendo degli stecchi dalle sedie di mia madre per ricavarne le bacchette “.
All’età di 16 anni, Dodds risparmiò abbastanza denaro per acquistare il suo primo set.
Sebbene Dodds avesse avuto diversi insegnanti pagati durante i suoi primi anni come batterista, anche diversi batteristi jazz di New Orleans lo influenzarono. Ha iniziato a suonare nelle parate di New Orleans con  Bunk Johnson e la sua band per poi ottenere un lavoro suonando nella band di Willie Hightower.
La band ha suonato in vari locali nei dintorni di New Orleans e Dodds ricorda di aver ascoltato molti musicisti lungo la strada, tra cui Buddy BoldenJohn Robichaux e Jelly Roll Morton.
Ha suonato in diverse situazioni tra cui quelli di Frankie Duson e Papa Celestin, e faceva parte della tradizione di New Orleans di suonare jazz durante le marce funebri. Dodds descrive questa esperienza nella sua autobiografia: “Il jazz suonato dopo i funerali di New Orleans non mostrava alcuna mancanza di rispetto per la persona che è stata sepolta. Piuttosto mostrava alla loro gente che volevano che fossero felici”.
Dodds si guadagnò la reputazione di giovane batterista di punta a New Orleans. Nel 1918, Dodds lasciò l’ingaggio con Sonny Celestin per suonare nella banda dei battelli fluviali di Fate Marable. Anche un giovane Louis Armstrong si unì alla band : rimasero sulle barche per tre anni (dal 1918 al 1921). La band suonava su quattro barche diverse, e di solito lasciava New Orleans a maggio e viaggiava a St. Louis, anche se a volte viaggiavano più a nord. Suonavano jazz, musica popolare e classica.
Dodds e Armstrong lasciarono la band di Fate Marable nel 1921 a causa di un disaccordo sullo stile musicale, e Dodds si unì presto alla Creole Jazz Band di King Oliver. In quel momento, il personale della band di Oliver era: Joe “King” Oliver alla cornetta, il fratello di Baby Dodds Johnny Dodds al clarinetto, David Jones al sassofono contralto,  Honorè Dutrey al trombone, Lil Hardin al pianoforte,  Jimmy Palao al violino e Eddie Ghirlanda al violino basso.
Si trasferirono in California nel 1921 per lavorare con Oliver lì, e suonarono insieme per circa quindici mesi. Nel 1922, la band, tranne Garland, Palao e Jones, seguì Oliver a Chicago, che sarebbe stata la sua base operativa per diversi anni. Cominciarono a suonare al Lincoln Gardens e anche Louis Armstrong si unì a questo gruppo. Dodds descrive il suonare con questa band come “una bellissima esperienza”.
Dodds ha registrato con Louis Armstrong, Jelly Roll MortonArt Hodes e suo fratello Johnny Dodds. Dodds ha suonato nei gruppi Hot Five e Hot Seven di Louis Armstrong. Nel maggio 1927 Armstrong registrò con gli Hot Seven, che consistevano in Johnny Dodds, Johnny St. Cyr, Lil Hardin Armstrong, John Thomas, Pete Briggs e Baby Dodds.
Da settembre a dicembre 1927 gli Hot Five di Armstrong riuniti consistevano in Johnny Dodds, Kid Ory, Johnny St. Cyr,  Lonnie Johnson e Baby Dodds.
Dopo che la band di Oliver si sciolse, i fratelli Dodds suonarono alle Scuderie Burt Kelley’s a Chicago, e poco dopo Johnny Dodds iniziò a condurre il suo gruppo, di cui Baby faceva parte. Johnny Dodds morì di ictus nel 1940. Di suo fratello, Baby Dodds disse quanto segue: “Non poteva esserci un altro Johnny Dodds o qualcuno al suo posto. E il suo passaggio ha fatto una grande differenza nella mia vita. sono stato in contatto con lui per molti anni e da allora in poi mi sono ritrovato ad essere completamente da solo “.
Dopo la morte di suo fratello, Baby Dodds ha lavorato principalmente come batterista freelance in giro per Chicago. Questo era il periodo del New Orleans Revival, che era un movimento in risposta allo stile emergente del bebop. Molti tradizionalisti del jazz volevano che il jazz tornasse alle sue radici in questo periodo. Dodds, essendo rimasto un batterista in stile New Orleans non toccato dall’influenza dello swing, si ritrovò a recitare un ruolo nel revival jazz di New Orleans.
Nel 1941, suonò con Jimmy Noone e la sua band per un breve periodo. In questa band c’erano Mada Roy al piano, Noone al clarinetto, Bill Anderson al basso e Dodds alla batteria.
Alla fine degli anni ’40 lavorò da Jimmy Ryan a New York City. In alcuni dei suoi viaggi di ritorno a New Orleans, ha registrato con Bunk Johnson. Dodds finì per suonare con la band di Johnson a New York. Dodds descrisse le sue impressioni su New York come un luogo in cui la gente ascoltava il jazz piuttosto che ballarlo: “Quando sono andato a New York per la prima volta mi è sembrato molto strano avere gente seduta e in ascolto piuttosto che a ballare. In un certo senso, era simile al lavoro teatrale. Ma era strano per me perché mi sentivo sempre come se non stessi facendo qualcosa per le persone se ballavano con la musica “.
Dopo aver suonato in diverse situazioni a New York, si unì al gruppo di  Mezz Mezzrow in un tour in Europa nel 1948 che durò otto settimane. Il gruppo finì per suonare esclusivamente in Francia e Dodds fece una grande esperienza, dicendo che gli europei “prendevano il nostro tipo di musica molto più seriamente di quanto non facciano nel nostro paese”. Suonarono al Festival di Nizza insieme a Rex Stewart, Louis Armstrong e molti altri musicisti jazz americani. Dodds tornò a Chicago dopo il tour europeo e durante un viaggio a New York nell’aprile del 1949, ebbe un ictus. Nel 1950 ebbe il suo secondo colpo e nel 1952 subì un terzo. Dopo i suoi tre colpi, Dodds ha insegnato e suonato in pubblico il più possibile, sebbene non fosse in grado di completare intere esibizioni. Muore il 14 febbraio 1959 a Chicago, nell’Illinois (nota personale : probabilmente felice, per aver suonato fino in fondo).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...